Se sei già registrato           oppure    

Orario: 06/12/2019 15:14:59  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Sezione Generica

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (32)  < ...  3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   [13]   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23  ...>    (Ultimo Msg)


Piombo nuovo da vecchie batterie.
FinePagina

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 7/1/2009,22:03

Salve a tutti.
Credevo di aver capito faccine/wacko.gif che ci volesse la partita iva..... Come per i magneti, se non sbaglio. Fa niente. Comunque quì non si trovano. In internet non ho mai acquistato niente e non so come si fa, così il Maestro diventa Discepolo (volentieri). Però non ho carta di credito e posso pagare soltanto in contrassegno alla consegna (lacune.....).
Lascia perdere la pasta salda Alby. A parte il costo, che per un quantitativo simile ti riduce sul lastrico, nel tuo caso non serve. Hai già il carbone che fa lo stesso effetto. La pasta salda si usava una volta come disossidante nelle saldature elettroniche, era una specie di grasso giallognolo nel quale si intingeva la punta del filo di stagno prima di fare la saldatura sul circuito. Ormai da molti anni è stata sostituita da un disossidante messo all'interno del filo stesso, con effetti molto migliori anche in termini di residui chimici sui circuiti. La si usa soltanto per grosse saldature su forti spessori, con barrette di lega di stagno grosse e saldatori potenti o a gas, come si saldavano i radiatori di ottone per le auto una volta, o come si saldano ancora oggi, in certi casi, le grondaie dei tetti. Non ti consiglio di usare ulteriori composti chimici, in quanto mescolando più roba si innescano reazioni complesse che a volte sono più dannose che altro. Naturalmente se c'è qualcuno esperto in chimica che sappia notizie certe può dircelo.....
Saluti.
Ferro

 

Lupo cattivo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1137

Stato:



Inviato il: 8/1/2009,15:18

Che bello potersi rendere utile! faccine/smile.gif
La pasta salda, se ben ricordo, era formata da solfato o cloruro stannoso che facilmente si ossidava a stannico riducendo così il metallo da saldare.
Direi di non usarla per il piombo, dato anche l'alto costo.
Il carbone è facilmente trovabile in natura, si ossida in composti non inquinanti, costa poco...
Ah, per le proporzioni da usare: posto che sono indicative, visto il fatto che non tutto il piombo è sotto forma di PbO2, che in funzione della temperatura e delle condizioni fisiche del crogiuolo parte del carbone si ossida a CO2 e parte a CO direi che:

PbO2+C-----> Pb + CO2 (207+32) +12------>207 + (12+32)

quindi 239 grammi di biossido di piombo vengono ridotti a 207 grammi piombo con 12 grammi di carbone producendo 45 grammi di anidride carbonica

oppure

PbO2+2C-----> Pb + 2CO (207+16) +24------>207 + 2(12+16)

e in tal caso ne occorreranno 24 grammi.

Dato che il carbone in eccesso viene bruciato e non reagisce con piombo puoi abbondare, ma senza esagerare per non perdere in convenienza economica.
Ovviamente ho scritto grammi, ma mantendo grossomodo le relative proporzione puoi usare qualsiasi quantitativo.

P.S. Ho riguardato le foto, il dio Vulcano al tuo confronto era un dilettante e , data la gran quantità d'aria che gli mandi direi che il carbone si ossida tutto a CO2, quindi 12 grammi per 239 di biossido di piombo.

 

alby992

Avatar
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:124

Stato:



Inviato il: 8/1/2009,21:22

Ciao Lupo...grazie per essere intervenuto...di chimica ne capisco molto poco e spero che il forno funzioni correttamente...

facendo una semplice operazione matematica ne esce che ad 1Kg di piastre tritate,va aggiunto 50gr di carbone tritato

proverò con un miscuglio di piastre composto da 2,5Kg di piastre e 150gr di carbone, rispettando le percentuali date dal tuo calcolo...poi vedo se è il caso di aumentare o diminuire la quantità di carbone...
Rispetto alle prove precedenti, (1Kg di carbone su 3 Kg di piastre)...Se funzionasse tutto avrei un gran bel risparmio!!!

ciao e grazie ancora per l'intervento....

Alberto

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 8/1/2009,21:24

Salve a tutti.
Ciao Lupo, e grazie per le spiegazioni chiare. Io ho fatto come dicevano i nostri antenati: "Meglius abundare....."
Comunque non so se convenga usare la percentuale precisa, ma in realtà abbondare un pochino ugualmente. Primo perché il carbone non è mai puro, specialmente quello minerale, che lascia sempre scomodi residui vetrosi e perciò contiene inerti minerali, ma anche quello vegetale che lascia molte ceneri residue. Inoltre penso che parte del carbone occorra per mantenere alta la temperatura del miscuglio, a meno che la reazione non produca calore in eccesso di per se. In ultimo credo che le piastre da sbriciolare, specialmente se molto vecchie, contengano buona percentuale di solfato di piombo, e quì ci potrai dire tu la reazione e quanto carbonio ci serve. Da prove fatte, sia da me che da Alby e Dolomitico, da due pesi di piastre sbriciolate non si riesce ad estrarre molto più di un peso di piombo. Ma forse si dovrà perfezionare il sistema.
Un chimico interessato è proprio utile. faccine/happy.gif
Saluti.
Ferro

 

alby992

Avatar
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:124

Stato:



Inviato il: 10/1/2009,18:38

oggi ho fatto la prova di riduzione con le dosi consigliate da Lupo cattivo...Ho tritato 3Kg di piastre rosse e 200gr di carbone...risultato 1.150 Kg di piombo lucente...effettivamente come diceva Ferro sarebbe stato meglio aggiungerne un po piu di carbone rispetto alla quantità teorica...Questa volta però e successo qualcosa di molto strano...la griglia si è fusa!! faccine/ohmy.gif faccine/bye2.gif ....dalla foto si vede che ci sono i ferri fusi !!...e nel crogiolo è finito molto piu residuo, (molto probabilmente il ferro della griglia)...ecco la foto...
ForumEA/us/img128/7047/immagine005am8.jpg
questo è il residuo che mi sono trovato nel crogiolo dopo aver fatto colare il piombo in una lingottiera...sono 800gr circa...e non so che materiale sia...
ForumEA/us/img91/4429/immagine007cj2.jpg
questo è l'altoforno in azione con il fumo che esce...la parte maggiore del fumo è già uscita, infatti tutto attorno oltre il casino si nota il fumo sparso...questo dopo 3,2 Kg di miscuglio...
ForumEA/us/img364/9390/immagine002wl0.jpg
Questa volta forse ho sbagliato a buttare il miscuglio , infatti dopo un paio di manciate (gia usciva il piombo da sotto) ho buttato tutto il miscuglio in un colpo solo...Nela foto sotto, si nota sullo sfondo che il materiale va ad intaccare la malta refrattaria e va pure ad ostruire il foro di ingresso aria e di colata del piombo...penso che con 30 Kg di miscuglio mi ritrovo tutto tappato, sempre che riesca a fare una griglia che resista al calore sprigionato...
ForumEA/us/img187/8896/immagine006iu0.jpg
Oggi sono rimasto molto deluso, non tanto per la produzione inferiore di piombo,(basta aumentare un po il carbone), ma proprio per il fatto che questo altoforno non può funzionare per grandi quantitativi...non so se riesco a ridurre le piastre di una batteria intera....in un colpo soloFaccio notare però che la prova precedente, l'ho fatta senza chiudere il raccordo a T sotto, invece questa volta ho applicato uno sportellino che ho lasciato appena aperto, per fa uscira il metallo fuso...Ho notato inoltre che quando ho buttato tutto il miscuglio c'erano poche braci che coprivano la griglia, forse mettendo piu carbone la reazione avviene piu in alto sui mattoni e si risparmia la griglia (forse la reazione di riduzione dell'ossido sprigiona molto calore)....Inoltre quando ho smontato i mattoni per fare la seconda fusione di pulizia dalle scorie, questa volta ho dovuto usare una pinza per prenderli: erano inavvicinabli, mentre l'altra volta li ho spostati con i guanti indossati,(erano belli caldi ma si potevano prendere)devo fare altre prove, da ora si va ad una batteria alla volta ( ne ho una decina)...vediamo che ne esce...ciao a tutti..........Alberto

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 10/1/2009,19:45

Salve a tutti.
Brutta fine la tua griglia Alby!!! Strano, eppure io avevo messo un sacco di roba sopra la mia, non so quanto pesasse il tutto ma ne vennero fuori alcuni Kg di piombo metallico alla fine, però non si è scomposta minimamente. Forse dipende dalla quantità di carbone, o dalla mandata dell'aria. Dovrei fare qualche prova pure io, coi mattoni come hai fatto tu...... Comunque hai fatto una bella prova. Attento a non dar fuoco a tutte quelle sterpaglie in giro, mi raccomando.
Saluti.
Ferro

 

DOLOMITICO

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1363

Stato:



Inviato il: 11/1/2009,11:06

Ciao alby,cavolo,sei arrivato a fondere anche il ferro,non vai leggero,cmq è lo stesso un bel risultato,probabilmente hai mandato talmente tanta aria da elevare la temperatura talmente tanto da fondere l'acciaio,basta ridurre i giri o la portata e vedrai che va meglio,bisogna trovare l'equilibrio giusto.bel lavoro faccine/smile.gif

Non penso che ci siano problemi di incendi,a questa stagione con la brina che cè di mattina,pero la cautela non fa mai male,ascoltiamo il saggio Ferro che ci insegna sia la tecnica che la saggezza,che a questo mondo non nuoce,anzi ne servirebbe di piu.

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 11/1/2009,18:27

Salve a tutti.
Prova a fare una griglia con dei ferri più grandi e meno spazio tra loro Alby. La mia è di ferri da 16mm di diametro, e lo spazio tra i ferri è di circa 5 o 6mm. Probabilmente così sottraggono un po' meglio il calore e la brace incandescente non ci passa in mezzo. Comunque tanto un'altra la devi fare..... Poi naturalmente metti un po' più di brace sopra e regola bene la mandata dell'aria. Non so perché ma a me la prova è riuscita subito, ma naturalmente la forgia che usavo era fatta differente. Però quella specie di forno che hai fatto tu mi sembra più razionale.
Facci sapere.
Ferro

 

alby992

Avatar
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:124

Stato:



Inviato il: 11/1/2009,19:11

Ciao a tutti...Purtroppo vi leggo solo ora...e stamattina ho pensato di risolvere teoricamente il problema della griglia in questo modo...ForumEA/us/img84/6670/immagine001lx3.jpgForumEA/us/img237/4392/immagine002qs7.jpgOra, se la griglia si intasa o si fonde, basta solo tagliare un po di tondini a misura e il gioco è fatto...Penso che la griglia si sia fusa proprio perchè ho dato troppa aria, però ci avevo pure buttato 3Kg di miscuglio, che all'inizio sembrava avesse soffocato tutto ma poi, acceso il soffiatore alla massima portata, in poco piu di due o tre minuti al massimo, si è mangiato tutto!! Il processo sarebbe anche veloce, ma bisogna riuscire a perfezionarlo, come dice Dolomitico.Dopo l'ultima prova la malta refrattaria comincia a dare segni di cedimento, si è presa una bella cotta!!!ForumEA/us/img233/7212/immagine005hd8.jpg...mi sa che devo comunque ricoprirla con della lamiera , come diceva Ferro, tagliata e saldata come la sagoma dell'imbuto....certo non è facile...Penso di fare le dime dei quattro lati dell'imbuto refrattario con il cartoncino,poi le incollo con dello scotch e provo a vedere come entra e si adatta. Quando tutto va bene taglio la lamiera a misura come da sagome e passo poi alla saldatura, che è il problema piu grosso...ciao a presto ...Alberto

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 11/1/2009,19:37

Ciao Alby, è una buona soluzione anche quella. Sarebbe buono poter diminuire la distanza tra i ferri, oppure mettere dei ferri un po' più spessi, comunque prima fai la prova, non si può mai dire... Per l'imbuto, dopo tagliata la lamiera, puoi solo appuntarla sulle punte degli spigoli, oppure se la lamiera è abbastanza sottile puoi farci dei labbri e rivettarli, senza saldare niente. Rivetti di rame, però, che mi sa che quelli di alluminio durano poco.
Auguri.
Ferro

 

Lupo cattivo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1137

Stato:



Inviato il: 12/1/2009,09:59

Eccomi.
Ho visto come si è ridotta la griglia: credo che non si sia fusa , arrivare ai 1800 gradi necessari per fondere il ferro mi pare tanto, ma che abbia reagito con la CO per formare dei ferrocarbonili, quello che di solito succede nelle marmitte dopo anni di uso: il continuo passaggio di CO e la temperatura alta attaccano il ferro e lo disgregano.
Certo che devi essere andato molto in alto con al temperatura, o forse il fatto di aver messo tutta la massa insieme deve aver ostacolato l'afflusso d'aria all'interno della massa stessa creando più CO che CO2.
Non so, tiro ad indovinare, ovviamente.
Credo che la pratica valga molto di più della teoria in questi casi; trovare le condizioni ottimali, partendo da quelle teoriche, ideali, è il bello dello sperimentare, come al solito a posteriori la teoria dà delle spiegazioni, ma non sempre.
Complimenti per la nuova griglia. Un idea ottima!
Un ultima cosa, la reazione è fortemente esotermica, quindi ,una volta innescata, produce calore da sola e dulcis in fundo, ma queste cose le sai sicuramente meglio di me, più la massa da trasformare è in granuli fini e più la reazione avviene in fretta, con maggior produzione di calore, in maniera completa e con meno residui.
Credo, ma dovrei verificare, che la riduzione del piombo dia maggior calore che non l'ossidazione del carbone, in questo caso se metti quantità stechiometricamente corrette il calore prodotto dalla reazione è maggiore

 

alby992

Avatar
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:124

Stato:



Inviato il: 12/1/2009,18:48

Ciao Lupo grazie per le risposte...un chimico nel forum ci voleva proprio!!!
Certe cose mi dispiace, io non le so, quindi dici che piu piccoli sono i frammenti di ossido e di carbone meglio è?..però bisogna tenere presente che se faccio un miscuglio di polvere, poi appena accendo il soffiatore mi esce tutto dall'alto o sbaglio..Soprattutto il carbone che è molto leggero..
ciao e grazie ancora per l'intervento...

x Ferro : vediamo se riesco a trovare i rivetti di rame, al brico mi sembrava di averli visti, però ho notato che qualsiasi sporgenza si trovi sul percorso del piombo che scende dalla griglia diventa un appiglio per formare un grumo di piombo..quindi più liscia e meno lavorata è la lamiera e meglio è...

ciao a tutti
Alberto

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 12/1/2009,20:37

Salve a tutti.
Per Lupo: arrivare alla fusione del ferro col carbone è molto facile. Quando uso la forgia per piegare o battere a caldo un pezzo di ferro immerso nella brace rovente, devo stare attento a non mandare troppa aria, altrimenti il ferro fonde! Comincia a mandare scintille e si fonde bruciando, e producendo grumi e gocciole che si ritrovano poi nella brace, cristalline e inutilizzabili. Se il pezzo di ferro che stavo scaldando così era acciaio dopo non è più "buono" per fare attrezzi duri, come punte o scalpelli, perché si brucia il carbonio contenuto nella lega, oppure diventa cristallino e si spezza per il motivo opposto. Col carbone è molto facile superare i 1500°C, daltronde quello che stiamo usando è lo stesso sistema, anche se su scala ridotta, per la fusione del ferro negli altiforni. Sarei veramente contento di poter mettere le mani su un qualche materiale con cui fare dei crogioli "veramente" refrattari, con cui fondere bronzo o rame. Con lega di alluminio e rame (il cosiddetto "bronzo americano" vengono oggetti giallo oro, lucenti se lucidati, e altamente inattaccabili dagli agenti atmosferici.
Presumo che quella griglia si sia bruciata perché il carbone incandescente ci passava in mezzo mentre ancora bruciava, col risultato di fonderne i ferri e bruciarli (anche in ferrocarbonili ecc.). In genere la griglia si salva perché il carbone acceso rimane sopra e da sotto l'aria soffiata lo mantiene "fresco".
Comunque Alby ha ragione: un chimico è molto utile per capire alcune delle cose che facciamo e non se ne capiscono i risultati o il funzionamento.
Per Alby: se fai l'imbuto di lamiera non troppo spessa, puoi fare lo sviluppo su un foglio di cartoncino col sistema dei modellini e il nastro adesivo, poi segnarlo sulla lamiera e ritagliarlo con le forbici da latta, ripiegarlo e incastrarlo in qualche modo, anche senza saldatura. Se poi ancora si fonde si fa più spesso.....
Saluti.
Ferro

 

alby992

Avatar
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:124

Stato:



Inviato il: 12/1/2009,21:33

grande idea quello dello sviluppo della geometria dell'imbuto che devo creare!!!!! non ci avevo pensato!! in questo modo si riduce molto il lavoro sia di taglio che di fissagio delle lamiere...non ci avevo pensato!!!
Grazie Ferro sempre pronto a nuovi consigli!!

Alberto

 

DOLOMITICO

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1363

Stato:



Inviato il: 13/1/2009,09:55

Io so che per gli stampi professionali usano una sabbia oleosa,la puoi anche ordinare via internet:
Vi posto dei link cosi da rendere l'idea:
http://www.myheap.com/projects/gasfurnace/gasfurnace.php

Qui una centrifuga,credo usi una sorta di silicone per alte temperature:

http://www.myheap.com/book/chapter-02/spin.../spincaster.php

Materiale per fonderie:

http://www.grupposirt.com/sirt.html

Per il piccolo metallurgista mi pare ci sia quasi tutto faccine/smile.gif


 
 InizioPagina
 

Pagine: (32)  < ...  3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   [13]   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23  ...>    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum