Se sei già registrato           oppure    

Orario: 24/01/2017 14:09:55  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Dissesti IdroGeologici

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (3)   [1]   2   3    (Ultimo Msg)


Dissesto IdroGeologico ,Monitoriamo il nostro territorio
FinePagina

ForumEA

Avatar
MegaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:375

Stato:



Inviato il: 11/11/2014 10:54:28

Gli utenti descrivano le situazioni più o meno rilevanti,i loro posti o i loro locali a rischio.
Se ritengono il loro evento importante aprano una nuova discussione in questa sezione.
Saluti
ForumEA



---------------
Assistente ForumEA

 

NonSoloBolleDiAcqua

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:13786

Stato:



Inviato il: 15/10/2014 00:04:15

tutto ok dalle tue parti?



Modificato da NonSoloBolleDiAcqua - 11/11/2014, 19:25:44


---------------
Chi sa raccontare bene le bugie ha la verità in pugno (by PinoTux).
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:7339

Stato:



Inviato il: 15/10/2014 22:13:30

si si , nel senso che è andata bene rispetto a quello che sarebbe potuto accadere, i danni in città sono limitati ad un quartiere nei pressi del torrente Baganza che è tracimato relativamente poco.

Il T. Baganza manca di cassa di espansione ed in un tempo brevissimo è salito molto per le piogge molto intense nel suo bacino.

Il T Baganza sfocia nel Torrente Parma in città i due flussi hanno fatto gonfiare la parte del torrente parma che attraversa la città e, nella sfortuna, è andata bene grazie alla presenza delle casse di espansione sul T. Parma (ci sono da pochi anni) e quà il flusso impazzito del primo torrente più un flusso più regolato ha portato il livello
a qualche spanna dal culmine del passaggio del ponte raggiungendo il livello storico massimo. L'assenza della cassa di espansione avrebbe provocato un paio di metri di acqua in tutta la città con conseguenze assurde

Questo dimostra che i disastri si possono eliminare quà a parma ci siamo riusciti al 95% e dal male che ha fatto quel piccolo 5% si capisce che il disastro va eliminato sempre completamente, e non è mai un caso perchè quello che è successo era da tempo ipotizzato, lo sapevano tutti che poteva accadere


Nelle colline ci sono stati guai dagli affluenti, torrenti o fossi che normalmente trsportano pochissima acqua nella situazione hanno moltiplicato grandemente la loro portata. Ma anche questo si sapeva era noto solo pochi anni fa ci sono sti alluvioni in collina o pedecollinare causa fossi semiostruiti da opere muretti o dal fatto che tanto non c'è acqua, insomma incuria ed il solito menefreghismo

naturalmente la centrale telecom è nella parte di magggior danno dove non avrebbe mai dovuta essere costruita.

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/B/danni.PNG



Modificato da qqcreafis - 15/10/2014, 23:01:01


---------------
Al peggio non esiste limite

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:7339

Stato:



Inviato il: 18/10/2014 09:15:17

ieri la "mi figliola " tornata a casa dalla U è andata a spalare, mi è tornata a casa piena di fango.

La situazione è ancora critica in una zona limitata (casa di cura con piano ambulatori sotto il livello stradale) e c'è l'esercito.



---------------
Al peggio non esiste limite

 

NonSoloBolleDiAcqua

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:13786

Stato:



Inviato il: 18/10/2014 19:14:48

Faccine/eek.gif

sono andato a cercare la notizia...a dire il vero ho faticato non poco...non si sa nulla di Parma...capirai ...li c'è Pizzarotti...i soldi li vedrete con il binocolo!

LINK

http://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2014/10/parma-640.jpg


C'è una cosa strana, ne parlavo l'altro ieri con Elettro...vedo il tevere pienotto...nonostante non ci siano state pioggie e rispetto il periodo lo vedo notevolmente ingrassatello gli alberi sono con l'acqua al tronco, non mi sembra sia una cosa normale...ho cercato i dati sui rilievi: risultato nisba!
Però all'ingreso di Roma ci sono le dighe che proteggono la città...forse sono socchiuse...vabbè ho fatto un paio di foto...
Occorre tenere la guardia alta...decisamente alta...la sitazione italiana è catastrofica....Faccine/crazyeyes.gif



---------------
Chi sa raccontare bene le bugie ha la verità in pugno (by PinoTux).
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

PinoTux

Avatar
GigaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:3386

Stato:



Inviato il: 18/10/2014 21:35:13

Quando per risparmiare viene a mancare la manutenzione preventiva è chiaro poi che la manutenzione straordinaria, al cittadino/utente o cliente che sia, viene a costare oltre che come degrado degli impianti e/o del territorio anche come danno per il disservizio provocato.
Questo sia nella gestione di impianti tecnologici, sia nei servizi al cittadino come pure la difesa del territorio
Se la mancanza di prevenzione può essere accettata nel privato **, non può assolutamente esserlo nel pubblico dove l'ambiente, la salute ed il diritto alla vita non devono mai essere messi in discussione.

** non in quello aeronautico...



Modificato da PinoTux - 18/10/2014, 21:47:39


---------------
"Sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani credendo di aver vinto, ma i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani" Proverbio arabo
http://www.pptea.altervista.org
http://www.iv3gfn.altervista.org

 

PinoTux

Avatar
GigaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:3386

Stato:



Inviato il: 18/10/2014 21:46:07

Un paragone si può fare con i classici tagliandi annuali per l'automobile, se li fai regolarmente avrai una macchina sempre in perfetta efficienza che di durerà molto tempo e sarà sicura per te e per gli altri, se la trascuri avrai molto di più la possibilità che ti lasci a piedi e sia pericolosa sia per te che per gli altri.
Sarà un paragone banale... ma sono convinto di questo.
Poi per il lato economico non so se si risparmia molto a non farlo.



Modificato da PinoTux - 18/10/2014, 21:50:26


---------------
"Sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani credendo di aver vinto, ma i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani" Proverbio arabo
http://www.pptea.altervista.org
http://www.iv3gfn.altervista.org

 

NonSoloBolleDiAcqua

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:13786

Stato:



Inviato il: 25/10/2014 19:20:34

E' saltata fuori la situazione della centrale telecom...con la serie di rimpalli con fango (mediatico): LINK



---------------
Chi sa raccontare bene le bugie ha la verità in pugno (by PinoTux).
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:7339

Stato:



Inviato il: 25/10/2014 21:36:53

la telecom chiede i danni di perdita d'immagine ma...

A) non si costruisce una centrale in zona alluvionabile nota da sempre!!!!

B) se lo si fa si deve prevedere il fatto e mettere tutto in alto e prevedere sistemi di emergenza.


qualcuno potrebbe dire:il piano di emergenza non ce l'avevano (e se ce l'avevano non ha funzionato)a Fukoscima figuriamoci se esisteva o si poteva pretendere che funzionasse per una centrale telecom.

è NO, le telecomunicazioni devono funzionare sempre e sopratutto in caso di emergenza.

(ad es io ero fuori citta al lavoro ho ricevuto una tel da mia moglie che c'erano problemi per i torrenti, avevo già visto in passato tante piene paurose della Parma (il torrente) con ponti chiusi e divieto di passaggio per lunghi periodi ma sapendo della cassa di espansione sulla Parma (il torrente) e che il baganza può dare problemi limitati e sapendo di abitare molto lontano dalle zone critiche non mi sono spaventato. Terminato il lavoro alle 19 circa sono ritornato ed ho trovato sull'arteria principale 10 Km di coda immobile o quasi informazioni allarmanti arrivavano dalla radio locale, ho fatto un zig zac per le strade secondarie (dopo un primo tentativo di girare attorno alla città con raggio di 20km da cui fortunatamente ho desistito in quanto c'erano code ovunque per problemi ai ponti)e una riflessione da sbarramenti tenuti da volontari della protezione civile (che non avevano informazioni precise ma almeno affermavano che i ponti della tangenziale erano aperti)sono riuscito ad entrare nella tangenziale girare attorno la città ed arrivare a casa e qui ho saputo interamente quello che era successo. Nel frattempo dalle 18 erano saltate tutte le comunicazioni che in un qualche modo dipendevano dalla centrale telecom. Quale può essere stata la tranquillità delle persone che sapevano di avere la famiglia in zona critica?)
Le informazioni su quello che stava accadendo è stata data dalla radio e tv locali come negli anni che furono, le tecnologie moderne sono andate bellamente a .....aggiungendo danni al danno principale.


Comunque con il senno di poi se fosse esistito un barlume di piano di emergenza si sarebbe potuto evitare tutto o per lo meno ridurre di molto i danni (che ora sono almeno a 8 cifre)

Sarebbe bastato infatti avere un giusto preavvertimento e controllo della situazione. Nota la situazione del T. Baganza in tempo reale e avvistata la piena pericolosa intensa ma di durata sicuramente breve (bacino piccolo) si sarebbe potuto interrompere o minimizzare (ci sono le paratie e la cassa di espansione)la portata del T parma per vari minuti (a 10 a 60 suppongo )in corrispondenza del picco di piena del Baganza. In questo modo si sarebbe aumentata la velocità nel punto più stretto (alla foce) cosa che avrebbe diminuito in modo sensibile il livello del Baganza proprio nei punti in cui è tracimato. Invece... il T. Parma (anche se per fortuna regolato) era già pieno di suo

Vabbè con il senno di poi....

Comunque indica che avere un piano di emergenza efficiente e ben studiato può ridurre i rischi notevolmente.



Modificato da qqcreafis - 25/10/2014, 22:32:00


---------------
Al peggio non esiste limite

 

NonSoloBolleDiAcqua

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:13786

Stato:



Inviato il: 27/10/2014 18:35:37

Eccolo il biondo...decisamente troppo alto ...troppo!
manca una metrata al bordo...con gli alberi visibilmente 'ammollo'!

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/C/tevere1.jpg



http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/C/Tevere2.jpg



---------------
Chi sa raccontare bene le bugie ha la verità in pugno (by PinoTux).
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:7339

Stato:



Inviato il: 27/10/2014 20:44:17

bisogna avere cura del fiume e delle aree golenali (aree allagabili come quelle del Po, ma ce ne dovrebbere essere anche li)


occorre creare sbarramenti con aree allagabili (campi)

in caso di piena minacciosa si alzano le paratie e si allagano dei campi si modula di conseguenza il flusso e poi si risarciscono i contadini. Sempre meglio che mandare sotto una città

comunque incredibile è il Tevere ed è bello stretto sembra fin più stretto del T.Baganza che pur incazzoso che sia è sempre un torrente .


Hanno coltivato fino al bordo....


Comunque quello che conta in situazione critica è il piano di emergenza !


ESISTE? a volte basta pochissimo per salvare delle vite ad es basta mandare in giro un'auto dei vigili con altoparlante per avvertire la popolazione (A Parma non è stato fatto!!!!!!!!!!, in altre parti d' Italia ricordo che mi è successo ad es in Versilia, (che non dico come la giudicano i turisti in grana e tracotanti di oltreappennino) è successo che i vigili sono passati ad avvertire (vabbè avevano avuto da poco un alluvione disastroso e quindi forse avevano la percezione del rischio)per fortuna il canale che minacciava l'allagamanto ha tenuto ma comunque la popolazione era sul cavalcavia autostradale e non ha corso alcun rischio).

Comunque un fiume come il Tevere per fortuna dovrebbe avere un andamento più calmo e le tante insenature dovrebbere rallentare e prolungare i picchi di piena abbassandone l'altezza limitandone la pericolosità. Inoltre mi sembra che esistano sistemi come le casse di espansione



Modificato da qqcreafis - 27/10/2014, 21:30:18


---------------
Al peggio non esiste limite

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:7339

Stato:



Inviato il: 27/10/2014 21:15:58

il T parma dopo la confluenza 1km più su (verso destra nella foto e dalla stessa parte ) del T baganza dal flusso impazzito
(N.B. il T Parma era già pieno di suo anche se regolato e con una regolazione che è durata tutta notte per proteggere i paesi a valle)

30 cm più del massimo storico di sempre



Immagine Allegata: alluvio.jpg
 
ForumEA/C/alluvio.jpg



Modificato da qqcreafis - 27/10/2014, 21:43:14


---------------
Al peggio non esiste limite

 

PinoTux

Avatar
GigaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:3386

Stato:



Inviato il: 28/10/2014 13:40:18


CITAZIONE

Comunque indica che avere un piano di emergenza efficiente e ben studiato può ridurre i rischi notevolmente.

I piani di emergenza sono compito dei comuni, ed i sindaci sono i diretti responsabili della protezione civile comunale.
Da quanto ho letto il fax di allertamento è arrivato in comune il sabato ed è stato protocollato appena il lunedì.



---------------
"Sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani credendo di aver vinto, ma i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani" Proverbio arabo
http://www.pptea.altervista.org
http://www.iv3gfn.altervista.org

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:7339

Stato:



Inviato il: 28/10/2014 15:37:01

si si c'è scritto sul giornale locale....

oggi ho fatto il reporter, finalmente hanno aperto l'accesso


comunque il T Baganza ha un alveo incredibilmente grande ma si restringe in fondo (!!!!!)

ora lo stanno pulendo con le pale meccaniche, sembra un lago. Stanno riportando alle dimensioni originali il letto del fiume le sponde in muro sembrano molto vecchie.

Si vede che erano proprio stupidi a fare un alveo così grande.... meglio adesso che è in parte interrato...

comunque 100 M€ di danni in città + 50 M€ di danni in provincia

con un decimo di quella cifra si facevano le casse di espansione, si ripuliva per bene e si risistemava l'alveo



Modificato da qqcreafis - 28/10/2014, 16:19:05


---------------
Al peggio non esiste limite

 

PinoTux

Avatar
GigaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:3386

Stato:



Inviato il: 28/10/2014 17:00:52

I nostri vecchi facevano tesoro delle esperienze, oggi si tende ad avere la memoria corta, anche a causa della burocrazia che ha dei tempi inversamente proporzionali a quelli delle necessità urgenti.
Per quanto mi riguarda, faccio parte, come volontario della protezione civile del comune di Monfalcone che si occupa principalmente di antincendio boschivo e per questa attività teniamo puliti tutti i sentieri del Carso di nostra competenza mantenendo la vegetazione confinata affinché i mezzi antincendio non trovino ostacoli lungo i vari percorsi.
Questo per dire che alle volte, per fare un minimo di manutenzione, ci tassiamo per poter acquistare quello che ci serve, non grosse spese ovviamente, ma se aspetti i tempi della burocrazia.... aspetta e spera.

http://www.protezionecivilemonfalcone.org/joomla/index.php



---------------
"Sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani credendo di aver vinto, ma i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani" Proverbio arabo
http://www.pptea.altervista.org
http://www.iv3gfn.altervista.org

 
 InizioPagina
 

Pagine: (3)   [1]   2   3    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum