Se sei già registrato           oppure    

Orario: 09/12/2019 02:27:26  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Applicazioni E Realizzazioni Pratiche

VISUALIZZA L'ALBUM


Come realizzare un dissipatore per diodo Zener
FinePagina

PinoTux

Avatar
GigaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:3448

Stato:



Inviato il: 11/03/2015 01:17:36

Durante le lunghe serate di questi mesi invernali mi sono occuparo della ricostruzione, o meglio del rifacimento di un apparato radio che ebbi la possibilità di costruire nell'ormai lontano 1967 quando avevo, (ahimè) la bella età di 18 anni.

Si tratta del ricevitore costruito dalla Geloso per le gamme radioamatoriali che risale al 1962, conosciuto come G4/214.
A quei tempi la "nota casa", come era chiamata dagli addetti ai lavori, rendeva disponibili al pubblico tutti i componenti, così che molti potevano autocostrure i propri apparati con una spesa inferiore al prezzo di acquisto dell'apparato già pronto.

Così pian piano cominciai ad acquistare i pezzi più importanti, altri mi furono donati da Dario, un mio carissimo amico radioamatore da sempre e dopo breve tempo divenne il mio ricevitore per molti anni.

I tempi cambiano, l'esperienza fatta rimane e si affina, la tecnologia progredisce ed il ricevitore finì in un armadio da dove ogni tanto lo facevo uscire per fargli prendere un po' d' aria ed un po' di energia elettrica.
L'ultima volta fu nel mese di novembre (2014) quando mi accorsi che la patina del tempo aveva fatto il suo corso e non funzionava più come una volta, del resto pure noi non ne siamo immuni, e siccome era da molto tempo nei miei pensieri il voler fare qualcosa con i "vecchi" tubi termoionici decisi, seduta stante, di demolirlo e ricostruirlo su un nuovo telaio.

Qualche foto e una breve descrizione sulla mia pagina web.

Non volendo stravolgere in nessun modo la filosofia del tempo, decisi di attenermi al progetto originale, in paricolare modo quello dell'alimentatore delle tensioni anodiche e dei filamenti dei tubi termoionici o valvole.
Una particolarità di questo apparato è che i filamenti delle valvole interessate all'amplificazione dei segnali in bassa frequenza sono alimentati in corrente continua, questo per eliminare l'eventuale "hum" o ronzio della 50 hertz di rete dovuta ad accoppiamenti interni ai tubi stessi.
Lo stesso vale per le valvole che funzionano come oscillatori, dove la stabilità della frequenza generata è fondamentale e per questo si utilizza una tensione anodica stabilizzata, così come per i filamenti interessati che vengono alimentati in corrente continua pure stabilizzata.
Questo viene fatto per evitare che variazioni della tensione sulla rete elettrica, si ripercuotano sulla tensione dei filamenti facendo variare l'intensità dell' emmissione e quindi la stabilità della frequenza generata.

Schema alimentatore.

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/D/filamenti.JPG

Come si può osservare, i filamenti delle valvole interessate ad essere "stabilizzate" in questo caso sono due, la tensione è stabilizzata, o per meglio dire "regolata", dall' impiego di uno zener da 6,2 volt che si trova in parallelo agli stessi.
Queste valvole usano una tensione nominale di 6,3 volt, quelle denominate ECCxx hanno due filamenti che possono essere alimentati in serie (12,6 volt) o parallelo (6,3 volt) con in comune il pin 9 che in questo caso si trova connesso a massa.
A prima vista il circuito sembra un po' strano, sarà il fatto che non ci siamo abituati, ma guardando bene ci accorgiamo che la resistenza limitatrice di corrente è costituita dai filamenti di altre due valvole, quelle deputate a lavorare in bassa frequenza audio e con segnali deboli.

Controllando le correnti che abbisognano per il corretto funzionamento ci accorgiamo che il totale di quelle del ramo non stabilizzato assomma a 450 mA, mentre quelle del ramo stabilizzato assorbono 300 mA, quindi, per un corretto bilanciamento del tutto, nello zener deve scorrere una corrente di 150 mA.

La resistenza da 2,2 Ω va regolata per ottenere una caduta di tensione affinchè ai capi dei filamenti delle valvole non stabilizzate si venga a trovare una tensione prossima a quella nominale di 6,3V, nel mio caso ho dovuto montare una da 2,7 Ω.
Ricordo che una tensione superiore a quella nominale può provocare un prematuro esaurimento della capacità di emmissione del catodo, ed una troppo inferiore un funzionamento non prevedibile.

Questa lunghissima premessa per presentare il problema, quello del diodo zener.

Quello di 50 anni fa non si trova nemmeno nominato in rete, figuriamoci in negozio.
Quelli tipo "bullone" da 10 watt, comodi per dissipare il calore generato, sono introvabili, anche se possono sembrare sprecati in questo caso.
Quelli PLASTICI assiali da 5 watt, invece, ne trovi a vagonate, ne ho acquistati una decina, e fra i tanti ho selezionato quello che mi dava, a parità di corrente di 150 mA, la tensione più vicina ai 6,3 volt. Nel mio caso 6,25, ma la differenza fra quelli di una stessa partita è piccolissima...
Il problema è dissipare il calore generato, ho provato in vari modi, come quello di saldare delle striscie di rame sui terminali vicino al corpo plastico, ma veniva una cosa inguardabile e molto ingombrante.
Cercando nei vari cassettini dei componenti, mi sono capitati fra le mani dei vecchi zener tipo bullone, è stato un attimo, un colpo col punteruolo e martello sul sottile strato vetroso ed uno svuotamento del contenuto, sperando non ci fosse il berillio, ed ecco il mio bel contenitore.

Le foto parlano chiaro.

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/D/DSCF2083.JPG

Se vedete le foto e non capite cosa stavo facendo, andate a leggervi il romanzo di qui sopra.

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/D/DSCF2084.JPG

Il terminale, che poi risulta essere collegato alla massa comune e che in questo caso corrisponde al catodo, va infilato nel foro praticato nel corpo del bullone e saldato con cura facendo scorrere un po' di stagno, se possibile, all'interno.

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/D/DSCF2096.JPG

Attorno al corpo del diodo ho avvolto un sottilissimo foglio di canterina di rame, in modo da riempire lo spazio e ho utilizzato un po' di pasta conduttrice di calore per migliorare il tutto.

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/D/DSCF2104.JPG

Una goccia di resina bicomponente per chiudere il tutto, anche l'occhio vuole la sua parte.
Il diodo così ottenuto viene avvitato al telaio che rimane freddo.

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/D/DSCF2113.JPG

Un tanto per spammare...










Modificato da PinoTux - 17/03/2015, 01:05:36


---------------
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza"
http://iv3gfn.altervista.org/
http://pptea.altervista.org/

 

NonSoloBolleDiAcqua

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:13786

Stato:



Inviato il: 11/03/2015 02:25:46

Faccine/Smileys_0053.gifFaccine/Smileys_0089.gifFaccine/Smileys_0215.gif



---------------
Chi sa raccontare bene le bugie ha la verità in pugno (by PinoTux).
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

ElettroshockNow

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4656

Stato:



Inviato il: 11/03/2015 08:18:27

uao che soluzione originale ..

1 Watt da dissipare è poco solo come numero .... nella pratica è una stufetta .

Complimenti Faccine/thumbup.gif

Cmq se ci delizi anche di una fotina dell'opera d'arte ,gli occhi ringrazieranno .... poi per i dettagli, cliccheremo sul link

 

PinoTux

Avatar
GigaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:3448

Stato:



Inviato il: 11/03/2015 14:04:06

State solleticando il mio Ego...
Non ho insistito perché come argomento non è molto in linea con lo spirito del forum, a parte il "Fai Da Te" ...

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/D/DSCF2070.JPG

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/D/DSCF2073.JPG

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/D/DSCF2141.JPG

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/D/DSCF2149.JPG



---------------
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza"
http://iv3gfn.altervista.org/
http://pptea.altervista.org/

 

Biomass

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:16573

Stato:



Inviato il: 11/03/2015 20:23:23

spettacolo...



---------------
W il cippato fatto in casa. Economico come nessun'altro combustibile
Caldaia Tesi H2O Cs Thermos a cippatino, boiler 200L, 2,5m solare termico, cappotto perimetrale10cm in EPS, solaio coibentato e finestre PVC classa A.

 

PinoTux

Avatar
GigaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:3448

Stato:



Inviato il: 17/03/2015 01:11:19

Ho corretto il paragrafo prima dello schema dove scrivo delle tensioni e delle correnti dei filamenti, rileggendomi non mi capivo....



---------------
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza"
http://iv3gfn.altervista.org/
http://pptea.altervista.org/

 
 InizioPagina
 

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum