Se sei già registrato           oppure    

Orario: 13/12/2019 16:02:21  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Applicazioni E Realizzazioni Pratiche

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (4)   [1]   2   3   4    (Ultimo Msg)


Restauro saldatrice a elettrodo
FinePagina

bombo

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:25

Stato:



Inviato il: 22/05/2016 14:00:49

Recentemente ho restaurato una vecchia saldatrice, di tipo tradizionale a trasformatore, un oggetto economico di poco valore ma che dispiace rottamare perche' ne sono un po' "affezionato". Una mano di pittura nuova su tutto il chassis, nuovi cablaggi, ventolina raffreddamento, morsetti e interruttori. Poi per perfezionare l'oggetto e aggiungere qualcosa di diverso ho inserito una piccola modifica nel circuito elettrico: qualcosa per comandare da remoto l'accensione e spegnimento della saldatrice. Un sistema utile a un principiante come me che mi aiuta nei piccoli interventi domestici quando si effettuano brevi saldature intervallate tra di loro. Tra una saldatura e la successiva posso accendere o spegnere la macchina senza staccarmi dalla posizione di lavoro. Il principio di funzionamento consiste nel sezionare la linea di alimentazione del trasformatore invece che da un interruttore manuale posto sul pannello frontale, da un contatto di rele' che viene comandato a distanza tramite l'impulso di un piccolo pulsante posto sulla maniglia della maschera di protezione.

Foto pannello anteriore
http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/L/saldatrice1.jpg
Si puo' usare indifferentemente sia il pulsante sul pannello o quello collegato con filo.

Il pulsantino sulla maniglia della maschera, in posizione per mano sinistra.
http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/L/saldatrice2.jpg
Ho preferito l'idea di usare un pulsante con circuitino latch elettronico al posto di un interruttore di tipo on-off perche' non ho ripercussioni in caso di falso contatto sullo spinotto o accidentale distacco del filo durante il lavoro.

Foto interno
http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/L/saldatrice3.jpg
Nell'angolo in basso ho trovato il posto per il rele'. Sui contatti e' collegato un varistore e condensatore per smorzare l'arco durante l'apertura (che comunque avviene solo ad arco saldatura spento). Il sistema e' stato gia' abbastanza collaudato, per semplici lavori e con limitate correnti di saldatura (elettrodi fino a 2mm. Oltre non solo non e' previsto l'utilizzo ma, con questa macchina, non supporterebbe il contatore enel da 3KW).

Circuitino controllo rele'. Il circuito di comando funziona in bassa tensione a 5V, isolato con un piccolo trasformatore.
http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/L/saldatrice4.jpg

 

Bolle

Avatar
GigaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:5856

Stato:



Inviato il: 25/05/2016 12:42:07



---------------
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

RAUNARDE
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1135

Stato:



Inviato il: 25/05/2016 15:54:22

ma per quale motivo la spegni ogni volta? o meglio l'accendi appena per saldare??? se scaldi l'avvolgimento in questo modo non lo raffreddi con la ventola ma lo spegni e basta, poco saggio.

 

bombo

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:25

Stato:



Inviato il: 26/05/2016 10:40:41

Ciao @RAUNARDE, l'idea di agevolare l'accensione e spegnimento era pensata per evitare la scomodita' di avere le pinze sotto tensione durante le pause nel lavoro. Tutto e' nato per svariati motivi, alcuni possono essere:
- non essendo un esperto, un lavoro che normalmente si farebbe in un'unica passata non riesco a farlo se non in piu' riprese e magari avendo necessita' di ritoccare pinza, elettrodo e cordone
- quando devo fare saldature in punti diversi e ogni volta riposizionare l'oggetto
- risparmiare elettricita', evitare di avere la saldatrice che "ronza" continuamente, visto che io impiego molto piu' tempo di quando ne occorrerebbe normalmente

La ventolina e' indipendente, azionata da un termostato: si attiva da sola anche con trasformatore spento.

 

RAUNARDE
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1135

Stato:



Inviato il: 26/05/2016 14:40:37

ok, io sono un saldatore molto inesperto che usa la saldatrice come hobby ed i miei cordoli di saldatura sembrano in realtà terreni invasi da talpe per l'uniformità, ma difficilmente spendo la saldatrice salvo se devo fare altri lavori nel frattempo.

 

BellaEli

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:3036

Stato:



Inviato il: 26/05/2016 15:45:40

È simpatica l'idea del pulsantino, anche a me da fastidio sentire la saldatrice ronzare!

Ma quel relè non è troppo delicato per una saldatrice ??? A occhio sembra da 10A, credo che una saldatrice ha dei picchi di corrente superiori nel primario, durerà ???

Comunque bel restauro, bravissimo !!!

Solo che manca una cosa: lo schema elettrico del circuito relè!!! Quando lo pubblichi ???

Elix



---------------
C'è un limite al fai da te ???
Si, ma lo stabiliamo noi !!!

 

fabiokt88

Avatar
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:24

Stato:



Inviato il: 26/05/2016 22:25:34

é un'ottima idea secondo me spegnere il trasformatore quando non si salda.
Questi trasformatori sono avvolti per funzionare con un flusso molto alto, praticamente lavorano in saturazione, e a vuoto assorbono molta corrente.
Questo perchè a vuoto devono avere una tensione alta, circa 40-50vac per facilitare l'innesco e a carico devono sedersi di tensione, circa 10-15 volt ac e avere una corrente alta, anche superiore ai 100A.

 

fabiokt88

Avatar
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:24

Stato:



Inviato il: 26/05/2016 22:27:14

Se vuoi migliorare la qualità della saldatura, puoi costruire un bel ponte con diodi surplus da 200/400A, quelli a vite.
Perdi un pò di potenza ma la qualità e l'esecuzione della saldatura migliorano.

 

BellaEli

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:3036

Stato:



Inviato il: 26/05/2016 23:08:18

CITAZIONE (fabiokt88, 26/05/2016 22:27:14 ) Discussione.php?213743&1#MSG7

Se vuoi migliorare la qualità della saldatura, puoi costruire un bel ponte con diodi surplus da 200/400A, quelli a vite.
Perdi un pò di potenza ma la qualità e l'esecuzione della saldatura migliorano.

Davvero ??? Faccine/eek.gif

E perchè ???



---------------
C'è un limite al fai da te ???
Si, ma lo stabiliamo noi !!!

 

bombo

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:25

Stato:



Inviato il: 27/05/2016 14:12:19

Questo e' lo schema elettrico del circuito per gestire il pulsante. Avendo assemblato tutto a memoria non ho uno schema a CAD e ho fatto prima a fare una foto di un disegno a mano (spero sia leggibile):
http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/L/saldatrice5.jpg
Beh, il massimo che ho potuto fare non e' certo un'opera di ingegneria! E' un semplice divisore x2 di frequenza: ad ogni pressione e rilascio del pulsante ho in ingresso un ciclo 1-0-1. Al primo ciclo, in uscita ho la transizione 0-1 (rele' acceso). Al successivo, l'uscita cambia 1-0 (rele' spento). Se qualcuno fosse interessato a una cosa simile, faccio presente che esistono in vendita kit gia' assemblati che fanno lo stesso lavoro.
Questa invece e' una foto di un rele' identico a quello inserito. Ho tolto la copertura e ho affiancato un metro per avere l'idea della struttura:
http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/L/saldatrice6.jpg
Riporta la portata "40A-AC1". Sui morsetti invece del capicorda ho stagnato direttamente il filo. Fino a oggi ha resistito bene.
Interessante il suggerimento del ponte a diodi: immagino che il miglioramento della qualita' sia dovuto al fatto di avere una corrente unidirezionale invece di alternata, qualcosa che si avvicina alle saldatrici a inverter. Potrebbe essere l'idea per la prossima versione.Faccine/bye1.gif

 

inventoreinerba
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:3547

Stato:



Inviato il: 27/05/2016 17:46:30

Complimenti per il bel progetto e per il disegno (da ingegnere).
per il ponte di diodi mi sentirei di sconsigliarti la realizzazione perchè avevo già fatto una prova alcuni anni fa.
Praticamente con il ponte o senza non si avverte nessuna differenza.
avevo ipotizzato che la differenza di prestazioni fra una saldatrice inverter e una a trasformatore non fosse dovuta tanto alla direzionalità della corrente (+ e -) quanto piuttosto alla mancanza di potenza che avviene 50 volte al secondo quando la semionda passa per lo 0.
forse è possibile ovviare a questo problema aggiungendo dei dispositivi che accumulano energia per restituirla in questi momenti di vuoto (condensatori o induttori) ma la cosa è complicata dal fatto che la saldatrice lavora in regime di corrente costante (non di tensione costante).In conclusione ricordo che non ero riuscito a migliorare il funzionamento della macchina.
Invece,dopo qualche anno,quando i prezzi sono diventati accessibili ,ho comperato una saldatrice ad inverter e i miglioramenti sono evidenti.
è facile saldare l'inox con l'alettrodo inox.

 

inventoreinerba
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:3547

Stato:



Inviato il: 27/05/2016 17:49:15

comunque se si riuscisse ad ottenere da una saldatrice a trasformatore le stesse prestazioni di una ad inverter sarebbe interessante ,anche perchè la saldatrice a trasformatore è più robusta e molto affidabile.

 

bombo

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:25

Stato:



Inviato il: 29/05/2016 10:55:30

Ok, grazie a tutti per i consigli. Penso che comunque non andro' piu' oltre di quello che e' stato fatto. L'obiettivo di partenza era principalmente ridare vita ad un vecchio oggetto che ha un valore affettivo piuttosto che materiale: se misuro solamente le prestazioni del suo lavoro, il tempo e i soldi spesi per il restauro superano il valore di uno acquistato nuovo. L'unica cosa degna per condividere questa discussione e' il particolare del rele' aggiunto che ho descritto. Personalmente mi e' sembrato comodo la sua funzione.

 

bombo

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:25

Stato:



Inviato il: 02/06/2016 18:02:12

Quando si dice "fatto 30, faccio 31", aggiungo anche lo schema elettrico dei cablaggi interni. Purtroppo il meglio che posso fare e' postare una foto di un disegno a mano. Non e' il massimo della professionalita' ma il disegno non e' complicato.Faccine/bye1.gif
http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/L/saldatrice7.jpg

 

fabiokt88

Avatar
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:24

Stato:



Inviato il: 10/07/2016 18:54:51

Io ne uso una con un ponte diodi che ho installato.
La saldatura è di qualità migliore, senza dubbio.
Risulta più lucida e la scoria si stacca quasi da sola.
Invertendo la polarità si migliora la capacità di penetrazione della saldatura su spessori superiori ai 4 mm con elettrodi da 2.5 mm .

Ho lavorato come saldatore per 5 anni, con filo, tig e elettrodo.
Su Alluminio, e acciaio inox.

Ovviamente con una saldatrice normale si salda solo con elettrodi di tipo rutile.

 
 InizioPagina
 

Pagine: (4)   [1]   2   3   4    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum