Se sei già registrato           oppure    

Orario: 09/12/2019 23:46:42  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Solare Fotovoltaico

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (2)   [1]   2    (Ultimo Msg)


Isola 1Kw con possibilità di ampliamento
FinePagina

dabelun

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:40

Stato:



Inviato il: 28/06/2016 08:22:48

Salve a tutti, premetto che sono un dilettante nel settore.
Dovrei fare un un impianto ad isola nella casetta in collina.
Sono in possesso di 4 moduli da 327 W .
Come disegnatore sono zero. Provo a descrivere quello che ho in testa .
Due stringhe da due moduli che scendono dal tetto ed entrano in un regolatore di carica mppt. Un diodo per ogni calata prima del regolatore . Un pacco di accumulatori al piombo acido da poter prelevare in modo discontinuo almeno 3 Kw .
Un inverter da almeno tre Kw ad onda pura.
La lunghezza del cavo da 6 millimetri è circa 17 metri per arrivare al locale centralina.
Primo dubbio riesco a scendere con un sola coppia di cavi o ne servono due dato che ogni modulo fa di targa 6 A.
Secondo dubbio gli accumulatori....
Grazie per chi mi vuol dare una mano.
Purtroppo mi collego saltuariamente ed ad orari infelici



Immagine Allegata: image.jpeg
 
ForumEA/M/image_12.jpeg

 

Claudio

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:7455

Stato:



Inviato il: 29/06/2016 02:29:09

CITAZIONE (dabelun, 28/06/2016 08:22:48 ) Discussione.php?213817&1#MSG0


Un inverter da almeno tre Kw ad onda pura.
La lunghezza del cavo da 6 millimetri è circa 17 metri per arrivare al locale centralina.
Primo dubbio riesco a scendere con un sola coppia di cavi o ne servono due dato che ogni modulo fa di targa 6 A.
Secondo dubbio gli accumulatori....
Grazie per chi mi vuol dare una mano.
Purtroppo mi collego saltuariamente ed ad orari infelici


Ciao dabelun, poi usare anche solo una discesa ma dovresti aumentare la sezione cavi, per i calcoli di perdita vedi qua LINK
Per quei pannelli con VOC da 64.9V devi cercare un regolatore almeno da 145V di Voltage Open Circuit per stringhe da 2.
Batterie anello debole della catena pondera bene la scelta in base alla tensione massima che ti può erogare il regolatore, AGM o GEL silicio 57/58V acido libero 60/62V, naturalmente ti consiglio un sistema a 48V puoi scegliere un inverter/regolatore integrato o 2 sistemi separati regolatore e inverter, data la potenza da te richiesta e in base alla mia odierna esperienza mi sento di consigliarti un integrato ci sono tante marche il più noto è il PIP4048MS che ora con l'uscita sul mercato dei modelli con 2 e 3 regolatori ha un costo ancora più conveniente esempio LINK ma non va d'accordo con batterie ad acido libero, arriva fino a 58,4V



---------------
Inverter PIP4048MS, 5250W pannelli, 500A Bat.

 

dabelun

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:40

Stato:



Inviato il: 29/06/2016 11:14:02

Grazie dei consigli, scenderò con due coppie da 6 mm,
per regolatore avevo visto pensando a impianto a 24 v, o questo : Regolatore di carica TRISTAR MPPT 12/24/36/48V - 60A o questo :MPPT 12/24/36/48V EPSOLAR iTracer 60A
Ci sarebbe anche il 45A ma forse sono al limite non ho capito che differenze hanno i due modelli da 60A

 

Claudio

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:7455

Stato:



Inviato il: 29/06/2016 16:21:33

CITAZIONE (dabelun, 29/06/2016 11:14:02 ) Discussione.php?213817&1#MSG2

Grazie dei consigli, scenderò con due coppie da 6 mm,
per regolatore avevo visto pensando a impianto a 24 v, o questo : Regolatore di carica TRISTAR MPPT 12/24/36/48V - 60A o questo :MPPT 12/24/36/48V EPSOLAR iTracer 60A
Ci sarebbe anche il 45A ma forse sono al limite non ho capito che differenze hanno i due modelli da 60A


Io opterei per 48V, ma comunque è una scelta, il TRISTAR MPPT non lo conosco ma se fai una ricerca sul forum trovi sicuramente aiuto.



---------------
Inverter PIP4048MS, 5250W pannelli, 500A Bat.

 

acinstall

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:406

Stato:



Inviato il: 01/07/2016 07:06:31

se posso consigliarti vai a 48 volt io mi sono pentito dei 24 v , quando lo aumenterai ,l flusso di elettroni è abondante , io devo fare il giro ogni 6 mesi e controllare i cablaggi che si allentano e surriscaldano.



---------------
Meio ave paura che piallo.....

 

dabelun

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:40

Stato:



Inviato il: 02/07/2016 08:07:41

I consigli sono sempre ben accetti,
Io pensavo ai 24 un po' per questioni di spazio,
L' idea era 12 pezzi da 2 V da Muletto, quanto spazio occuperanno?
Lo scantinato, o meglio un corridoio contro terra attaccato alla casa, è largo solo 1,4 metri, alto 2,2 metri

 

Claudio

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:7455

Stato:



Inviato il: 02/07/2016 10:48:37

Purtroppo quella è una decisione tua, noi possiamo solo consigliarti in base alle nostre esperienze, poi logicamente a volte ci si deve adattare.
Con le batterie da muletto occhio alla ventilazione del locale e alla scelta del regolatore di carica vogliono almeno 2,5V/2,6V=30/31V e all'inverter.



---------------
Inverter PIP4048MS, 5250W pannelli, 500A Bat.

 

dabelun

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:40

Stato:



Inviato il: 12/07/2016 06:25:08

Rieccomi in linea dopo la pausa valdostana.
Per gli accumulatori ho due possibilità di stivaggio: o nella cantina con temperature invernali che non scendono sotto lo zero e umidità estiva elevata, o sotto la falda del tetto con temperature invernali spesso inferiori allo zero però con meno umidità.
Io opterei per la cantina con un foro da 100 mm per l areazione.

 

dabelun

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:40

Stato:



Inviato il: 12/07/2016 06:32:51

Per il regolatore di carica sto cercando di capirci qualcosa, faccio fatica a me sembrano tutti buoni.... L idea che ho è di un regolatore Mppt , si accettano suggerimenti di modelli e Marche

 

dabelun

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:40

Stato:



Inviato il: 15/07/2016 07:26:50

sto valutando accumulatori pensavo a elementi ad acido libero fiamm lm solar opzs costicchiano ma penso che se voglio aver margine e durata non ci sia alternativa un po lunghi nelle consegne pensavo più rapidi 8-10 settimane!
ci sono anche altre marche concorrenti con prodotti simili?

 

Sophia Muller

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:950

Stato:



Inviato il: 17/07/2016 12:30:30

Il pacco batterie è un elemento fondamentale per ottenere i risultati che cerchi, e deve essere dimensionato correttamente in funzione a come gira l’energia in casa tua.

oggi in commercio sono disponibili due tecnologie principali:
1.Le batterie al Piombo-Acido
2.Le batterie al litio.

Le batterie Piombo-Acido sono affidabili, mature ed economiche, ma anche ingombranti e pesanti. Garantiscono buone durate solo se scaricate fino al 50% della loro capacità di accumulo nominale. Devono essere posizionate in locali aerati, perché durante la fase di carica producono gas idrogeno.

Le batterie al litio sono piccole, leggere e poco ingombranti ma molto più costose. La loro percentuale di scarica può arrivare fino all’80% della capacità nominale.

Di batterie al piombo ne esistono di diversi tipi e non sono tutte uguali.

Le batterie AGM a piastre piane e le batterie OPzV stagne a piastre positive tubolari ed elettrolita in gel.

Le prime (AGM) garantiscono in genere dai 400 ai 700 cicli circa di carica/scarica durante la loro vita attesa, al 50% della capacità nominale.

Le batterie OPzV invece, grazie alla conformazione tubolare delle piastre, sono concepite proprio per l’uso ciclico, garantendo fino a 2500 cicli di carica/scarica a parità di condizioni.

Quando trovi sul mercato kit di accumulo a prezzi particolarmente bassi e perchè sono batterie AGM
Non mischiare mai batterie di capacità e marca diverse.

Per gli impianti solari, secondo il mio punto di vista, le batterie devono essere elettrolita liquido, piastre positive tubolari, elementi singoli 2V. Sono batterie più "serie" Non bisogna mai scaricarle olte il 50%. I pannelli devono fare in modo di caricarle al 100% prima possibile.
Le batterie stazionarie hanno le piastre più robuste e spesse. Ma come tutte le piombo acido non sono immune dalla solfatazione.

Non prelevare forti correnti. Altrimenti le piastre interne, se ben robuste, possono piegarsi e andare in corto. L'ideale sarebbe il 15/20% della capacità.

Ovviamente sei libero di comprare quello che vuoi e non cedere alla tentazione di pensare che tanto tutti i sistemi fanno la stessa cosa e hanno la stessa durata.

 

dabelun

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:40

Stato:



Inviato il: 18/07/2016 08:21:58

Bella spiegazione @sophia, io mi sono orientato verso le OPzS, ora sto cercando un regolatore di carica che arrivi a 30/31 A per essere sicuro di ricaricare sino in fondo, e con le mie scarse abilità sto facendo abbastanza fatica, l idea che ho è quella di uno strumento che sia mppt e che una volta caricate le batterie , porti l energia dei moduli verso la resistenza del boiler . Riuscirò nell intento? Speriamo di sì

 

Sophia Muller

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:950

Stato:



Inviato il: 21/07/2016 21:05:27

I regolatori di carica sono uno dei componenti più importanti di un impianto fotovoltaico stand-alone. La funzione principale del regolatore di carica è quella di impedire la sovraccarica delle batterie. Se le batterie vengono sovraccaricate in modo routinario, la loro aspettativa di vita si riduce notevolmente. Il regolatore di carica, pertanto, rileva la tensione della batteria e riduce o interrompe la corrente di carica quando la tensione raggiunge un valore sufficientemente elevato.

Esistono due tecnologie di regolatore di carica: 1)MPPT 2)PWM A mio personale giudizio gli MPPT hanno soppiantato gli PWM. Vecchia generazione.

MPPT sta per Maximum Power Point Tracking. Vuol dire che il regolatore di carica è in grado di inseguire costantemente il punto di massima potenza che il pannello è in grado di erogare in quel momento, a seconda dell'irraggiamento solare.

Per capire questo concetto, occorre innanzitutto specificare che la potenza di un pannello è il risultato della seguente moltiplicazione; (Corrente erogata dal pannello) x (Tensione generata dal pannello)

Ipotizziamo che la corrente generata da un pannello fotovoltaico sia, in una certa situazione, 3A: con un regolatore PWM tradizionale la corrente che viene trasferita alla batteria per la ricarica è pari a 3A.

Un regolatore MPPT analizza invece la potenza generata dal pannello (P = V x I), e considera quindi anche la tensione del pannello: se pertanto supponiamo che la tensione del pannello sia in quel momento 17V la potenza erogata dal pannello è 17V x 3A= 51W
Se la tensione di batteria è di 13V, considerando la massima potenza di 51W, la corrente di carica che verrà trasmessa alla batteria, è 51W/13V= 3,9 A.

Si deduce che la batteria sarà caricata con una corrente pari a 3,9A con il regolatore MPPT, anziché 3A con un regolatore PWM.

I regolatori di carica sono classificati in base alla corrente nominale (in ampere) che possono gestire. Normalmente, si richiede che i regolatori di carica possano sopportare una sovracorrente del 25% per un periodo di tempo limitato.

I regolatori PWM hanno un costo inferiore ai MPTT.

Per le marche e i modelli, cercare su internet, confrontarli scegliendo poi quello che fa al caso tuo.

 

Sophia Muller

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:950

Stato:



Inviato il: 21/07/2016 21:22:00

Scegli una batteria, o una banco di batterie, che è in grado di fornire il consumo totale di energia, senza essere scaricata più del 50%.
Nella maggior parte dei casi si raccomanda che le batterie siano dimensionate in modo da avere circa 2 o 3 giorni di back-up di capacità. Ciò consente di ridurre la scarica durante giornate di pioggia o nuvoloso, il che allunga la vita delle batterie.
Con 3 giorni di capacità di stoccaggio, il dimensionamento della batteria (a 48V) con 1500Watt sarebbe il seguente:
Ah richiesto = (1500Wh x 3gg. / 48 V) / 0,5 x 1,1 = 206Ah.
Nota: Il fattore 1,1 che viene utilizzato in questa formula, é perché normalmente le batterie hanno una efficienza del 90%.

 

dabelun

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:40

Stato:



Inviato il: 23/07/2016 08:52:48

Grazie @sophia dell intervento , sto cercando preventivi per elementi da 2 V, e buona la formuletta per il calcolo del dimensionamento , Chiaramente c'è sempre un compromesso da realizzare.... Qua in zona in autunno anche 5 giorni senza sole, quindi da bilanciare costi vantaggi autonomia ... Gli accumulatori costano , speriamo che a breve si trovi un sostituto economico al piombo!

 
 InizioPagina
 

Pagine: (2)   [1]   2    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum