Se sei già registrato           oppure    

Orario: 14/10/2019 20:40:20  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Acqua: come utilizzarla, generarla e sfruttarla

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (11)   1   2   3   4   5   [6]   7   8   9   10   11    (Ultimo Msg)


Potabilizzare l'acqua di un pozzo
FinePagina

eneo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2068

Stato:



Inviato il: 29/6/2011,15:37

non sono un esperto e nemmeno un chimico, drmacchi per questo e' molto piu' preparato di me.....
per quello che posso sicuramente ti daro' una mano.
attendo le analisi a monte. ciao

 

fabianchi
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:23

Stato:



Inviato il: 29/6/2011,21:41

Si oggi ho porteto l' acqua a monte della cisterna per fare l' analisi microbatteriologica per vedere se i coli li attacca la cisterna o escono dalla vena.
Vedremo lunedì prossimo, la risposta sarà via telefono e non scritta per non aggravare i costi, si me li fanno haumme haumme si dice quì, tanto ho già pagato salato i primi.
Per Eneo devo dire che lo considero una persona che conosce i fatti e pertanrto direi un' esperto della materia.
Io carissimo Eneo visto che so già che l' acqua ha 40 gradi francesi di durezza, vogli fare anche l' addocitore da me e quindi faremo a dovuto tempo i calcoli, uno schemino di funzionamento, il bidone del sale ecc..
Quì in zona mi sono informato, riesco a trovare sia le resine , il carbone attivo e la sabbia a prezzi onesti in sacchi da 25 Kg., quindi per il materiale non ci sono problemi.
Per i contenitori dei filtri avrei pensato a dei tubi in PVC nero per acquedotto di dimentro esterno 320mm e diamentro interno circa 250mm.
Lo spessore è tale (35mm) da poterci mettere in alto e in basso un'anello Orig, opportunamente incavato nei bordi del tubo e due coperchi in alto e in basso del tubo sempre di PVC dello spessore di 30-35 mm tenuti stretti da dei tiranti ( 8 10) in aciaio inox di 10-12 mm che serrano il tutto.Così il filtro sarebbe anche smontabile e ispezionabile.
Poi fare dei fori per la rubinetteria sarà un gioco.
Questi tubi sono fatti per pressioni di 16 bar. e quindi più che sufficienti per 3-4 bar pressione a cui avrei intenzione far funzionare l' impianto.
Bene ora andiamo per gradi....aspettiamo le analisi.
Saluti Fabrizio di Siena

 

chiccomanda
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1

Stato:



Inviato il: 30/6/2011,16:18

Ciao Ragazzi..
ho letto un pò quello che avete scritto...
ho un problema..abito nella zona di San Cesareo (roma)
ho il pozzo da 31 anni, ho sempre bevuto quest acqua io e le altre 4 famiglie che abitano nella palazina mia..
ora da un pò di mesi dentro l acqua ci trovo sabbia, e puntini vari..
vorrei far analizare l acqua ma nn sò da chi, e mi servirebbe qualcuno all altezza, per sistemarmi i filtri del pozzo..
ma nn sò proprio chi chiamare..

potete aiutarmi?


 

fabianchi
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:23

Stato:



Inviato il: 1/7/2011,15:07

Ciao Chiccomanda, io ho fatto fare l'analisi microbiologica e fisico chimica della mia acqua dalla USL locale.
I prezzi non sono tra i più vili, ma ho sentito anche i privati che non mondano nespole.
Per ora non ho speso niente perchè mandano la fattura a casa, ma per un' analisi rutinaria si passano i 100 Euri, loro hanno un prezziario al pubblico e tu puoi scegliere quali analisi vuoi fare, ogni analisi ha un prezzo.
Ciao da Fabrizio da Siena

 

fabianchi
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:23

Stato:



Inviato il: 2/7/2011,21:27

Girando e rigirando per siti vari, quelli Italiani li avevo finiti, sono incappato in questo file Pdf straniero molto interessante, che poi porta ad un sito altrettanto interessante riguardante l' opera di potabilizzazzione delle acque nei paesi Africani e terzo mondo, dove l' acqua è un bene di sopravvivenza.
Allora quando io vedo certe cose che si possono autocostruire con mezzi di fortuna che si trovano ai cassonetti divento matto, mi piace da impazzire.
Ve lo propongo anche perchè guardando questo articolo e il sito relativo ho trovato tante idee per come costruire i filtri di cui parla Eneo.
http://web.mit.edu/watsan/Docs/Other%20Doc...ual_Jan2006.pdf
Sito relativo:
http://web.mit.edu/watsan
Da quì si vede anche chi sta peggio di noi....non ci lamentiamo sempre...
Un saluto da Siena Fabrizio

 

fabianchi
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:23

Stato:



Inviato il: 6/7/2011,21:50

CITAZIONE (fabianchi @ 29/6/2011, 22:41)
Si oggi ho porteto l' acqua a monte della cisterna per fare l' analisi microbatteriologica per vedere se i coli li attacca la cisterna o escono dalla vena.

Allora le analisi microbiologiche che aspettavo hanno dato i risultati:
Coliformi a 37°C >200 Uguale ai precedenti analisi della cisterna
Escherichia Coli 0 Precedente analisi cisterna erano 2
Enterococchi 0 Precedente analisi cisterna erano 5

Si nota un migliormnento, ma per potersi lavare con quest'acqua necessita sempre un trattamento, cosigliato dalla USl .
Bene ne parliamo appena disponibili gli expertise man.
Saluti da Siena Fabrizio

 

eneo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2068

Stato:



Inviato il: 7/7/2011,11:45

ciao fabianchi facciamo un riepilogo di quello che ti serve:
portata giornaliera di fabbisogno acqua trattata - mc/di ?
filtrazione
durezza finale acqua trattata - °F ?
abbattimento nitrati
abbattimento cariche microbiologiche.....

da come vedi serve sapere la portata di acqua che hai bisogno....se siete in quattro in famglia sono sufficienti 1 mc al giorno
per la durezza va bene sui 20°F.

volevo fare una considerazione l'acqua che tratterai comunque non sara' potabile, la potabilita' dell'acqua puo' essere certificata soltanto da organi competenti o enti preposti, questo sia ben chiaro, io non mi assumo nessuna responsabilita'....

 

fabianchi
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:23

Stato:



Inviato il: 7/7/2011,22:04

Grazie Eneo per l' interessamento e l' aiuto che mi stai dando.
Vediamo allora:
dopo l' ultima analisi microbiologica dove risulta migliore l' acqua che sgorga dalla vena rispetto a quella della cisterna, sono obbligato a usare direttamente quella che viene dalla vena.
L' acqua arriva da un tubo sotterraneo in PVC in quantità di 10-12 l/min. a pressione prossima allo zero.
Per questo motivo non possiamo affrontare, almeno credo, i trattamenti a questa pressione, pertanto sono costretto a fare un' accumulo in una cisterna ad uso alimentare di almeno 1 m.c. come suggerisci tu ( in poco più di un' ora ho 600-700 l di acqua).
Dall' accumulo di questa cisterna possono partire i trattamenti, immagiono con una pompa(autoclave) di rilanccio che generi 4-5 bar di pressione.
L' impianto viene fato a piano terreno e l' abitazione è al secondo piano ( circa 500-600 mmbar di perdita).
La mia esigenza sarebbe di avere ai rubinetti una quantità di acqua come ora si ha con l' acquedotto.
Per la durezza va bene portarla 20°F , adesso è 40°F.
I Nitrati son 55 mg/l credo vadino un po abbassati per rientrare nei paramntri standard.
I coli totali adesso sono > di 200, gli Escherichia coli e gli Enterococchi sono Zero
quindi vanno tolti solo i coli.
Dobbiamo anche decidere se una volta fatti i trattamenti si adduce direttamente quest'acqua all' impianto della casa (2° piano) o si fa un' altro piccolo accumulo e si rilancia nell' impianto con un' altra autoclave.
Lascio a te Eneo migliorie, modifiche alla mia proposta, ma dobbimo ricordare due cose fondamnetali, che ho l' arrivo dell' acqua a pressione vicina allo zero e che ai rubinetti della casa vogliamo le stesse portate di ora (impianto acquedotto in pressione a crca3,5 bar).
Per quanto riguarda il discorso dell' ufficialità e certificazione non ti preoccupare, io una volta fatto quest' impianto di trattamento farò di nuovo le analisi e poi posso sempre escludere la distribuzione in dei punti, ad esempio la cucina il lavabo del bagno e altre cose che riteniamo inopportuno servirle per sicurezza.
Studio la fattibilità di questo impianto non per staccare l' acquedotto comunale, ma per risparmiare un pò, per sodisfazione di farlo e per non sciupare tutta questa acqua che adesso uso in minima parte.
Un saluto cordiale da Siena Fabrizio

 

eneo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2068

Stato:



Inviato il: 8/7/2011,11:34

ciao fabrizio, appena possibile, ora non ho la testa per farlo, causa emergenza lavoro, vedremo il da farsi... abbi pazienza.
vedremo di fare un impianto avente una portata max di 10 lt/min.
anzi sei fortunato avevo gia' dimensionato i filtri per quella portata qualche pagina addietro.
c'e' da aggiungere l'addolcitore il debatterizzatore e fare uno schema di processo...

perche' prelevare l'acqua dalla vena? la differenza sta solo nei batteri...tanto la lampada uv stermina tutto....

e poi hai una bella vasca di accumulo.....

 

fabianchi
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:23

Stato:



Inviato il: 8/7/2011,13:56

Ok Eneo non ti preoccupare fai pure con comodo, io non ho furia, potrebbe essere un lavoro da fare questo autunno a addirittura in inverno.
Per i filtri che hai progettato io ho già stampato tutto e quindi li ho visti e li ho anche diciamo capiti.
Saluti Fabrizio da Siena

 

eneo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2068

Stato:



Inviato il: 14/7/2011,08:08

ciao fabianchi
devi tener in considerazione anche i costi di gestione dell'impianto e i costi iniziali, per questo ti propongo questa soluzione
naturalmente fatto l'impianto potrai fare le analisi almeno due volte l'anno....
ora considerando i solidi presenti nell'acqua che sono pochi e non dovrebbero cambiare nemmeno d'inverno, mi pare sia superfluo fare un filtro a sabbia con il relativo impianto automatico di valvole, basta mettere un filtro con cartuccia lavabile da 50 mcr, poi il filtro a carbone. quest'ultimo fa anche da filtrazione e essendo di carbone l'impaccamento superficiale dovrebbe essere minimo, risolvibile con un adeguato controlavaggio, nei filtri a carbone i controlavaggi vanno fatti di meno ma avendo pochi nitrati da abbattere dovresti stare al sicuro....
comunque nulla ti vieta di aggiungere il filtro a sabbia in un secondo momento.
dopo il filtro metti l'addolcitore , per il dimensionamento trovi tante formule sul web, tieni conto la portata max di 10lt/min e vai sul sicuro.
dopo l'addolcitore un filtro a cartuccia a filo avvolto per eventuali impurita' che possono scappare e infine una lampada uv.
quest'ultima la devi prendere con una portata max uguale all'impianto. la lampada va sostituita ogni 7000/8000, pertanto se metti un temporizzatore la notte la puoi escludere aumentando cosi la sua durata.
ricapitoliamo.
1 - vasca di accumulo da 75 mc ogni tanto buttaci del cloro dentro tanto per tenerla pulita, la quantita' e' minima, a seconda del tipo di disinfettante, esempio ipoclorito di sodio con soluzione al 15% basta 3-4 ppm, su 75000 litri ti servono circa 300/400 gr.
2 - pompa di rilancio da mettere nella vasca di accumulo da 75 mc, puo' essere del tipo sommersa o esterna l'importante che ha il corpo in acciaio inox e che abbia portata e pressione adeguate per l'impianto. tieni in considerazione che le perdite di carico tra i vari filtri e l'altezza dell'appartamento perdi circa 1.2/1.5 bar. la pompa deve avere una prevalenza sui 60 mt, che poi la portata sia inferiore ai 10 lt/min non fa niente....
3 - filtro a cartuccia lavabile o a sabbia
4 - filtro a carbone attivo
5 - addolcitore
6 - filtro per le impurita'
7 - debatterizzatore a raggi uv.
l'impianto sara' asservito da un presscontrol, questo ti fa attivare l'impianto solo per il tempo che apri il rubinetto, sentendo la pressione che diminuisce ti attiva l'impianto di rilancio e ti fa arrivare l'acqua trattata direttamente ai rubinetti.
questo e' quello che ho pensato come punto di partenza in modo da non mettere un'ulteriore vasca di accumulo con autoclave.

 

fabianchi
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:23

Stato:



Inviato il: 14/7/2011,14:27

CITAZIONE (eneo @ 14/7/2011, 09:08)
ciao fabianchi
devi tener in considerazione anche i costi di gestione dell'impianto e i costi iniziali, per questo ti propongo questa soluzione

Bene non ci sono problemi niente si fa con niente, ma prima di tutto un ringraziamento per la cortesia e la disponibilità che mi dai, e forse in seguito avrò bisogno di altri chiarimenti. Grazie
CITAZIONE
basta mettere un filtro con cartuccia lavabile da 50 mcr, poi il filtro a carbone

Ok per questo filtro che immagino vada acquistato, non vale la pena farselo da soli.
CITAZIONE
poi il filtro a carbone.

Ecco per questo filtro mi dirai se ci vuole carbone minerale o vegetale, poi per le dimensioni userò quelle misure che hai calcolato tu nei precedenti messaggi, diametro circa 250mm e altezza 1 mt riempito per 2 terzi di carbone, con previsione di valvole per controlavaggio.
Questo filtro lo costruisco da me ed eventualmente ci volesse un filtro a sabbia stesse dimensioni.
CITAZIONE
dopo il filtro metti l'addolcitore , per il dimensionamento trovi tante formule sul web, tieni conto la portata max di 10lt/min e vai sul sicuro.

Per l' addolcitore volevo vedere se trovavo dei contenitori adatti, o meglio un' addolcitore che tolgono per qualche problema, poi risistemarlo magari cambiando la resina o riparando il meccanismo di lavaggio, altrimenti questo incide per circa 700-1000 euri.
Ho un preventivo per le re resine si trovano ad un prezzo di 74 euri per 28 kg direi onesto.
CITAZIONE
dopo l'addolcitore un filtro a cartuccia a filo avvolto per eventuali impurita' che possono scappare e infine una lampada uv.
quest'ultima la devi prendere con una portata max uguale all'impianto. la lampada va sostituita ogni 7000/8000, pertanto se metti un temporizzatore la notte la puoi escludere aumentando cosi la sua durata.

Per il filtro a cartuccia a filo avvolto stesso discorso va acquistato non vale la pena farselo, mentre per lo sterilizzatore ho trovato sia le lampade che il tubo di quarzo al prezzo di costo, per la lampada vedremo al momento della costruzione se usare quelle tipo al neon o quelle di altro tipo ma sempre con con una potenza di 30-40 watts che permettono di sterlizzare flussi di 1000-2000 litri/h (meglio stare sul sicuro)
Poi come suggerisci tu si può anche accendere a richista per ottimizzare le ore dalla lampada.
CITAZIONE
1 - vasca di accumulo da 75 mc ogni tanto buttaci del cloro dentro tanto per tenerla pulita, la quantita' e' minima, a seconda del tipo di disinfettante, esempio ipoclorito di sodio con soluzione al 15% basta 3-4 ppm, su 75000 litri ti servono circa 300/400 gr.

Questo non è un problema, di tanto in tanto magari ogni 5 6 mesi posso fare questa operazione.
CITAZIONE
2 - pompa di rilancio da mettere nella vasca di accumulo da 75 mc, puo' essere del tipo sommersa o esterna l'importante che ha il corpo in acciaio inox e che abbia portata e pressione adeguate per l'impianto. tieni in considerazione che le perdite di carico tra i vari filtri e l'altezza dell'appartamento perdi circa 1.2/1.5 bar. la pompa deve avere una prevalenza sui 60 mt, che poi la portata sia inferiore ai 10 lt/min non fa niente....

Questa già esiste con caretteristiche sufficienti, con corpo in acciaio inox ecc..
CITAZIONE
l'impianto sara' asservito da un presscontrol, questo ti fa attivare l'impianto solo per il tempo che apri il rubinetto, sentendo la pressione che diminuisce ti attiva l'impianto di rilancio e ti fa arrivare l'acqua trattata direttamente ai rubinetti.
questo e' quello che ho pensato come punto di partenza in modo da non mettere un'ulteriore vasca di accumulo con autoclave.

Il pressostato è già presente.

Quindi si tratta per riassumere di :
-Comperare il filtro da 50 mcr con portata 10-15 l/min.
-Fare il filtro a carbone (progetto Eneo)
-Fare-trovare l' addolcitore (elaborazione Fabianchi)
-Fare-trovare lo sterilizzatore uv ( elaborazione Fabianchi)
-Comperare il filtro a corda adatto ai 10-15 l/min.

Bene tutto questo mi impegnerà per un certo tempo, ma ho intensione di farlo, quindi da oggi partono le ricerche del materiale, e via via ti terro informato del tutto.
Intanto ti ringrazio di nuovo della disponibilità e competenza.
Saluti da Fabrizio di Siena




Modificato da fabianchi - 14/7/2011, 15:47
 

fabianchi
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:23

Stato:



Inviato il: 19/7/2011,21:09

Sto cercando di trovare il materiale per la realizzazione del progetto sopra citato.
Che ne di ci Eneo di questi filtri per l' utilizzo del 50-60 mcr lavabile e per il filtro a corda dopo l' addolcitore ??? Ti mando Immagine:
http://www.energialternativa.info/Public/NewForum/ForumEA/7/2/2/5/3/9/8/1311105605.jpg

Poi per il filtro a carbone che ne dici di questo Superbig da 20", lo fanno con attacchi da 1", da 1" 1/4 e da 1" 1/2 con relativa cartuccia da 20 " di carbone attivo e le portate relative con cartuccia inserita sono 23 , 34, e 40 litri min.

ti mando il link:
http://www.luise.net/index.php/Filtri-per-...-/423.2050.html

Questo lo vendono a qualche Km da casa mia al prezzo di 65 euri + iva completo di cartuccia con carbone attivo.
Saluti Fabrizio di Siena

 

eneo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2068

Stato:



Inviato il: 20/7/2011,09:01

si sono i classici filtri, prendi quelli in plastica costano meno, quelli in ottone di solito si usano negli impianti in cui possono avere dei forti colpi di ariete...
per quanto riguarda i filtri a carbone vanno bene, ma dubito che possano arrivare a quelle portate, ma a te non ne serve oltre...
vedi se le cartucce non sono a perdere, meglio quelli che si aprono in modo che il carbone puo' essere sostituito facilmente quando perdono le proprieta'......

 

fabianchi
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:23

Stato:



Inviato il: 20/7/2011,09:15

Ok Eneo , la figura le fa vedere tutti e due, plastica e ottone, ma io era già orientato su quelli di plastica, ansi un Depura 1000 da 1 " lo ho già .
Per il filtro a carbone uno di questi giorni arrivo a vedere di cosa si tratta e gli faccio le domande del caso, vera portata, cambiabilità del carbone e litri di acqua prima di sostituirlo o rigenerarlo, tanto è a pochi Km da casa mia, poi trarremo le conclusioni.
grazie ancora e ciao a presto ti farò sapere
Fabrizio di Siena

 
 InizioPagina
 

Pagine: (11)   1   2   3   4   5   [6]   7   8   9   10   11    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum