Se sei già registrato           oppure    

Orario: 23/10/2019 14:41:08  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Eolico

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (17)   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   [11]   12   13   14   15   16   17    (Ultimo Msg)


Turbina eolica autocostruita da 2Kwp
FinePagina

SpitsFire

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:341

Stato:



Inviato il: 6/6/2011,21:26

Ciao zardoz49 benvenuto nel forum.

CITAZIONE (zardoz49 @ 5/6/2011, 19:50)
Mi scuso con tutti per le domande che farò.....
Vorrei conferma sul perchè del rapporto 12/16 fra bobine e magneti.

Questo sfasamento tra il numero di bobine e il numero dei magneti significa principalmente rendere una coppia molto più uniforme di quella che avremmo con 12 bobine e 12 magneti, in tal caso un magnete per ogni bobina la macchina vibrerebbe molto intensamente nel produrre potenza.
Quindi il rapporto giusto per un alternatore trifase è di 1,333 magneti per ogni bobina, pertanto 360°/12 bobine avremo 30° gradi meccanici; 360°/16 magneti avremo 22,5°x 1,333 si avranno di nuovo 30°

CITAZIONE (zardoz49 @ 5/6/2011, 19:50)
Se ho capito bene, i magneti sono disposti a poli alternati.
Vorrei capire inoltre perchè è stato scelto il collegamento a stella.

I poli sono alternati sia sul primo rotore che su quello opposto.
Si è scelto il collegamento a stella poicchè il collegamento a triangolo crea correnti parassiste nelle bobine e queste correnti consumano energia.

Spero di essere stato chiaro,qualora no lo fossi stato, in calce al mio primo intervento potrai scaricare l'allegato che contiene l'intero progetto in formato dwg.
Un saluto
SpitsFire



---------------
IPSA SCIENTIA POTESTAS EST

 

tiziarch
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:3

Stato:



Inviato il: 7/6/2011,14:44

ciao spitfire
sono nuova ma noi ci conosciamo su u tube
ma dove si puo' visionare il progetto
ciao
tiziarch

 

tiziarch
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:3

Stato:



Inviato il: 7/6/2011,15:07

Ciao http://digilander.libero.it/scambiovisite/emoticon/in%20fiore/herfst28.gif
purtroppo non riesco a scaricare il progetto perche' non ho l'applicazione. sul computer ho archicad ma evidentemente non basta

 

SpitsFire

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:341

Stato:



Inviato il: 7/6/2011,15:37

CITAZIONE (tiziarch @ 7/6/2011, 16:07)
Ciao http://digilander.libero.it/scambiovisite/emoticon/in%20fiore/herfst28.gif
purtroppo non riesco a scaricare il progetto perche' non ho l'applicazione. sul computer ho archicad ma evidentemente non basta

Ciao Tiziarch, benvenuta nel Forum dell'Energia Alternativa & Energia Fai Da Te. faccine/clap.gif
Scaricati questo software free a questo LINK
serve per elaborare file in formato dwg di AutoCad.

Un saluto
SpitsFire



---------------
IPSA SCIENTIA POTESTAS EST

 

tiziarch
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:3

Stato:



Inviato il: 9/6/2011,10:58

ciao spitfire
ho scaricato il programma in pdf ora e' sulla mia scrivania provo ad aprire i tuoi file?
il formato che ho scelto e' pdf
ciao
Tiziana
faccine/clap.gif

 

glauco1
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2

Stato:



Inviato il: 6/9/2011,17:45

Buonasera a tutti,
i miei complimenti a voi per l' idea del forum e per le splendide apparecchiature qui esposte.
Sono nuovo del forum e le mie conoscenze in materia sono pari a zero,
ciononostante mi appassiona l'idea di trarre beneficio dalle forze della natura senza rovinarla.
Vengo quindi al punto,
vorrei generare calore attraverso una resistenza elettrica per "pre riscaldare" dell' acqua(ogni frazione di grado in piu' equivale ad un po'di gas in meno).
non dispongo delle conoscenze necessarie e sono oltretutto in low budget ma mi chiedo se con una dinamo, le pale di un grosso ventilatore a soffitto e ,appunto una resistenza elettrica si sia in grado di generare calore.
Parlo di dinamo CC perche' mi pare di capire che sia la forma piu' semplice ed economica di generatore.
Portate pazienza per le "monate" (sciocchezze)che potrei aver scritto, so' che la corrente eletrrica è una cosa seria
tuttavia sono convinto che anche poco puo' diventare molto.
Ogni pare o consiglio è benvenuto.
Grazie Glauco

 

SpitsFire

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:341

Stato:



Inviato il: 6/9/2011,21:15

CITAZIONE (glauco1 @ 6/9/2011, 18:45)
Buonasera a tutti,
i miei complimenti a voi per l' idea del forum e per le splendide apparecchiature qui esposte.
Sono nuovo del forum e le mie conoscenze in materia sono pari a zero,
ciononostante mi appassiona l'idea di trarre beneficio dalle forze della natura senza rovinarla.
Vengo quindi al punto,
vorrei generare calore attraverso una resistenza elettrica per "pre riscaldare" dell' acqua(ogni frazione di grado in piu' equivale ad un po'di gas in meno).
non dispongo delle conoscenze necessarie e sono oltretutto in low budget ma mi chiedo se con una dinamo, le pale di un grosso ventilatore a soffitto e ,appunto una resistenza elettrica si sia in grado di generare calore.
Parlo di dinamo CC perche' mi pare di capire che sia la forma piu' semplice ed economica di generatore.
Portate pazienza per le "monate" (sciocchezze)che potrei aver scritto, so' che la corrente eletrrica è una cosa seria
tuttavia sono convinto che anche poco puo' diventare molto.
Ogni pare o consiglio è benvenuto.
Grazie Glauco

Ciao glauco1 benvenuto in Energia Altrenativa.
Nel forum ci sono varie discussioni in merito al tuo quesito e ti dico subito che non hai detto "monate" tecnicamente è fattibilissimo, ma ci sono alcune valutazioni da fare prima d'imbarcarsi in una simile avventura, ti riporto un'ottima considerazione già espressa da qualche amico, che la ritengo molto esauriente:
".... Tieni presente che una turbina eolica è una macchina abbastanza complessa, che richiede conoscenze per realizzarla, manutenzione costante per gestirla e dispositivi idonei per bloccarne il funzionamento in caso di venti forti. Se non costruita a regola d'arte può anche essere molto pericolosa.
Se pensi di avere la competenza e la manualità per costruirne una che risponda ai necessari requisiti, potrai con altrettanto o maggiore successo cimentarti nella autocostruzione di uno o più pannelli solari Termici.
Con la differenza che da pannelli, ottieni dai 400 ai 500 W/mq di potenza (attorno ai 2 kwh giorno/mq), mentre nella migliore delle ipotesi, la stessa potenza implica una turbina di 2 mq di area spazzata, cioè 1,6 m di diametro e vento di 10 m/sec
"
Un saluto
SpitsFire




Modificato da SpitsFire - 6/9/2011, 22:30


---------------
IPSA SCIENTIA POTESTAS EST

 

glauco1
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2

Stato:



Inviato il: 7/9/2011,13:15

Grazie SpitsFire,

mi sono avvicinato al forum partendo proprio dal desiderio di autocostruirmi un pannello termico,decisamente piu' alla mia portata.
Seguiro' il tuo consiglio cercando di approfondire la questione attraverso gli scritti degli amici del forum, e beh in caso di dubbi ora so' a chi rivolgermi.
Ciao Glauco1

 

jqprez
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:9

Stato:



Inviato il: 10/10/2011,12:55

ciao! mi spiegheresti come hai configurato il quadro elettrico? Magari potresti postare una foto del quadro elettrico completo e relativi collegamenti? grazie!!!!

per quadro elettrico intendo la parte relativa all' arrivo dal circuito a stella, collegamento con il magnetotermico e collegamento con i fusibili(? sono fusibili). In pratica quello che si intravede nel video. grazie! ciao!

 

SpitsFire

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:341

Stato:



Inviato il: 10/10/2011,21:11

CITAZIONE (jqprez @ 10/10/2011, 13:55)
ciao! mi spiegheresti come hai configurato il quadro elettrico? Magari potresti postare una foto del quadro elettrico completo e relativi collegamenti? grazie!!!!

per quadro elettrico intendo la parte relativa all' arrivo dal circuito a stella, collegamento con il magnetotermico e collegamento con i fusibili(? sono fusibili). In pratica quello che si intravede nel video. grazie! ciao!

Ciao Jqprez, benvenuto.
La foto non rende l'idea di tutto il collegamento che ho fatto per la mia turbina a causa della sovrapposizione dei cavi,(in questo specifico settore sono molto disordinato), ti posto uno schema che realizzai un po di tempo fa, non è uno schema unifilare ma una sorta di disegno comprensibile anche per quelli non addetti ai lavori. (spero che gli esperti del settore mi perdoneranno).
ForumEA/us/img846/9383/collegamentogeneratorer.jpg

Un saluto
SpitsFire





---------------
IPSA SCIENTIA POTESTAS EST

 

jqprez
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:9

Stato:



Inviato il: 11/10/2011,08:09

grandioso! bravo veramente! complimenti e grazie!

 

maiollo

Avatar
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:109

Stato:



Inviato il: 16/10/2011,18:46

Ciao e complimenti x l'opera. Una domanda da nubbio. Ma il generatore non perde efficienza, se collegato direttamente alle batterie e non invece passando per un regolatore di carica PWM o MPPT?
L'energia sotto i 12 volt (o 24v x chi usa un banco di batterie da 24volt) generati non vanno persi?
Ciao.

 

SpitsFire

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:341

Stato:



Inviato il: 16/10/2011,20:09

CITAZIONE (maiollo @ 16/10/2011, 19:46)
Ciao e complimenti x l'opera. Una domanda da nubbio. Ma il generatore non perde efficienza, se collegato direttamente alle batterie e non invece passando per un regolatore di carica PWM o MPPT?
L'energia sotto i 12 volt (o 24v x chi usa un banco di batterie da 24volt) generati non vanno persi?
Ciao.

Ciao maiollo, se ti riferischi al mio quadro di "comando e controllo" ti dico che è quello lo schema classico per collegare un regolatore di carica PWM.
CITAZIONE
L'energia sotto i 12 volt (o 24v x chi usa un banco di batterie da 24volt) generati non vanno persi?
Ciao.

Sia con un regolatore PWM che MPPT l'energia prodotta dal generatore al disotto della soglia di carica della batteria non è produttiva, il regolatore MPPT fa la differenza solo per il surplus di energia prodotta dal generatore. Ti riporto un esempio tratto da un manuale di regolatore di cariica MPPT:


"La tensione di lavoro generata da un pannello fotovoltaico (specifico per impianti “ad
isola”) è tipicamente intorno ai 16-18Volt (e non 12Volt come la tensione di batteria).
Questo “surplus” di tensione (V) non viene considerato nei regolatori di carica
tradizionali (a tecnologia PWM), mentre nei regolatori MPPT tutta la tensione
generata dal pannello viene utilizzata al fine di aumentare l’energia disponibile per la
carica della batteria.
Se la corrente generata da un pannello fotovoltaico durante una certa condizione
d’irraggiamento solare è 3 Ampere, con un regolatore PWM tradizionale la corrente
che viene trasferita alla batteria per la ricarica è anch’essa pari a circa 3Ampere.
Mentre, utilizzando un regolatore MPPT si riesce a sfruttare tutta la potenza
generata dal pannello (come sopra illustrato nella formula matematica W = A x V )
utilizzando anche il valore della tensione fornita dal pannello per la carica della
batteria.
Pertanto, supponendo che la tensione generata del pannello sia in quel momento di
17Volt, la potenza erogata dal pannello sarà di 17V x 3A = 51Watt.
Quindi, se la tensione di batteria è 13Volt e la potenza fornita dal pannello in
quell’istante è di 51Watt, la corrente che verrà inviata alla batteria per la carica sarà
di ben 3,9 Ampere (51W del pannello diviso i 13Volt della batteria A=W/V)."

Un saluto
SpitsFire



---------------
IPSA SCIENTIA POTESTAS EST

 

maiollo

Avatar
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:109

Stato:



Inviato il: 16/10/2011,22:27

Ciao e grazie per la risposta, ma un dubbio mi percuote l'emisfero.
Con il generatore collegato direttamente alle batterie, sopra i 12 volt l'energia prodotta verrà tutta accumulata.(anche se mi sembra strano) Oltretutto farà dominare la F.E.M. del generatore alla tensione della batteria sino alla sua carica. Ma rimane un dubbio. faccine/sick.gif
Perchè costruiscono gli mppt (o anche pwm puri) per generaore eolico? Solo per deviare su un carico zavorra a carica completa?
L'MPPT non ha un sistema di inseguimento dell'impedenza, atto ad estrarre il massimo dalla relazione V prodotta-corrente-resistenza? Cosa non possibile nell'altro modo.

Poi x sfruttare l'energia anche sotto i 12 volt, non sarebbe opportuno inserire, dopo il ponte trifase, un dc-dc step-up? sempre questo con il collegamento diretto.
Ciao.

 

SpitsFire

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:341

Stato:



Inviato il: 17/10/2011,18:45

CITAZIONE (maiollo @ 16/10/2011, 23:27)
Ciao e grazie per la risposta, ma un dubbio mi percuote l'emisfero.
Con il generatore collegato direttamente alle batterie, sopra i 12 volt l'energia prodotta verrà tutta accumulata.(anche se mi sembra strano) Oltretutto farà dominare la F.E.M. del generatore alla tensione della batteria sino alla sua carica. Ma rimane un dubbio. faccine/sick.gif
Perchè costruiscono gli mppt (o anche pwm puri) per generaore eolico? Solo per deviare su un carico zavorra a carica completa?
L'MPPT non ha un sistema di inseguimento dell'impedenza, atto ad estrarre il massimo dalla relazione V prodotta-corrente-resistenza? Cosa non possibile nell'altro modo.

Poi x sfruttare l'energia anche sotto i 12 volt, non sarebbe opportuno inserire, dopo il ponte trifase, un dc-dc step-up? sempre questo con il collegamento diretto.
Ciao.

Ciao maiollo, mi stai portando in un campo non mio e credo che stiamo andando anche un po fuori tema; sarebbe più opportuno che tu aprissi una nuova discussione con un titolo appropriato in modo tale che persone più esperte di me sui regolatori di carica e la relativa elettronica potranno chiarirti ogni tuo dubbio in merito.
Che ne pensi?
Un saluto
SpitsFire



---------------
IPSA SCIENTIA POTESTAS EST

 
 InizioPagina
 

Pagine: (17)   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   [11]   12   13   14   15   16   17    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum