Se sei già registrato           oppure    

Orario: 09/04/2020 02:18:36  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Pellettatrici

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (4)   1   2   [3]   4    (Ultimo Msg)


Elettronica per pellettatrici, indispensabile aiuto per i pellettatori
FinePagina

Arex77

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1334

Stato:



Inviato il: 5/9/2012,16:22

Qualcuno direbbe: ORPO! faccine/smile.gif
Cb eh certo che ci sei, ci siamo tutti avranno in mano quel che si realizza qui.
Spiego meglio le mie intenzioni: attualmente ho la macchina che funziona a gasolio e sto cercando di farci aiutare a creare l'elettronica per questa macchina. Xò ho sempre l'intenzione di provare per voi a far andare l'anulare con una fila di fori con la corrente monofase di casa. Praticamente mi sono offerto e faccio da cavia nella sperimentazione.
Io di elettronica ne capisco na mazza e quindi ho chiesto aiuto a chi in questo campo è un mezzo mago.... se deciderà di fare come ha fatto in precedenza sarà lui stesso a pubblicare qui tutti i dati della sua creazione (almeno il mio desiderio sarebbe questo), quindi non ci son segreti.
Poi, visto che si tratterà di assemblare elettronica e neanche questo lo so fare faccine/sad.gif chiederò aiuto a qualcuno che lo sappia fare ... ovviamente corrispondendo il dovuto.
Dalle mie parti si dice: Gnanca el can el move la coda par gnent! Trad: Nemmeno il cane scodinzola per niente!
Una volta arrivati a far funzionare i due sistemi li avrete qui a disposizione: chi è capace, leggerà qui i componenti e si costruirà l'insieme, chi (come me) non è in grado chiederà aiuto corrispondendo il dovuto come faccio io.
Può andare ragazzi? Il discorso fila o va modificato? (se la pensate in modo diverso purché non sia disfattista come quello di qualcuno ... a me interessa solo che questa cosa venga fatta e rimanga qui a disposizione di chiunque ne abbia bisogno).

Corvo, non è che per caso tu non tieni conto delle potenze esigue con cui motorizziamo le pellettatrici vero?
Perchè con 80cv che tu hai a disposizione la puoi anche coprire di segatura la macchina (ammesso che non ti si impianta), ma con 10,12,17cv si ha bisogno di avere costanza nell'ingresso del materiale .... o meglio, è la soluzione migliore insieme alla verifica continua sforzo motore ...
Un saluto Arex




Modificato da kekko.alchemi - 5/9/2013, 02:56
 

corvo50

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:861

Stato:



Inviato il: 5/9/2012,17:56

CITAZIONE (cb900red @ 5/9/2012, 15:30)
faccine/bye2.gif arex----- a iso' nenche me (ci sono anche io )
per la mia macchina---220 v ----- 3 cv ----- 2800 giri
faccine/construction.gif faccine/construction.gif
da usare dalle 19,00 alle 07.00 e il sabato e la domenica tariffa enel ridotta
motoriduttore bonfiglioli 220 v ------0.9 a----0.12 cv

in costruzione per rendere l'alimentazione e la miscela piu' omogenea della mia macchina-
per il momento l'intenzione e' quella del RS 203 che comanda un rele'
quando avro' finito vediamo quello che offre il forum
un saluto cb900red faccine/bye2.gif

ecco..bravo ..vedi di offrire qualcosa anche tu però.il forum si arricchisce con l'esperienza di tutti..se non facciamo così ..non si arriva da nessuna parte

arex.mica ho detto che il regolatore non serve,anzi ...

 

cb900red

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:95

Stato:



Inviato il: 5/9/2012,19:50

faccine/clap.gif ciao corvo ho visto il tuo filmato e la tua produzione non penso che la tua macchina sia a 220V-------
comunque per dare qualche altro ragguaglio il mio motore non e' normale (d'altronde come il proprietario ) faccine/laugh.gif faccine/alien.gif e' un motore specifico per compressori che quando partono hanno piu' spunto -----quindi anche quando e' in funzione e va sotto sforzo entra in funzione il secondo condensatore e supera lo sforzo temporaneo perche' riduce il n° di giri ---per quello che ho optato per questo tipo ------ buon faccine/construction.gif
un motore normale si inceppa molto spesso perche' faccine/drunk.gif troppo
faccine/bye2.gif un saluto cb900red

 

dami65

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:57

Stato:



Inviato il: 6/9/2012,12:02

ragazzi per far funzionare le pellettatrici a dovere purtroppo ci vuole l:aiuto dell;inverter.purtroppo le pellettatrici industriali sono tutte comandate da inverter

 

Arex77

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1334

Stato:



Inviato il: 6/9/2012,12:13

Ciao Dami, potresti avere ragione ... quindi si avrebbe l'inverter collegato al motore e l'elettronica che controlla l'inverter?




Modificato da kekko.alchemi - 5/9/2013, 02:56
 

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 6/9/2012,14:27

Ciao ragazzi, l'idea di introdurre l'elettronica sulle pellettatrici mi sembra una gran cosa, sicuramente farà aumentare i rendimenti ottimizzando i carichi, facendo consumare quindi meno energia al motore.

Se si utilizza un motore in corrente continua (cosa che non credo) si può semplicemente interporre un mosfet sulla massa di alimentazione del motore e con un PWM regolarne l'amperaggio. Se invece utilizzate un motore asincrono (opzione più probabile) si può procedere in due modi. Se l'intenzione è quella di modulare l'alimentazione di segatura allora si può procedere con un ON/OFF sul motore del nastro trasportatore o della coclea, in questo caso basterà un relé o un triac, ma il continuo accendere e spegnere causerà forti picchi di assorbimento sugli avviamenti. La soluzione migliore è quella di introdurre un inverter a frequenza variabile composto da un ponte di Mosfet o IGBT, ovviamente è la soluzione più complicata ma la più efficente perchè permette di variare i giri del motore a piacimento facendo consumare al motore esattamente l'energia richiesta dall'applicazione senza picchi di assorbimento e andamenti singhiozzanti.

Nel caso si voglia modulare il motore della trafila della pellettatrice la scelta dell'inverter è d'obbligo.

In commercio esistono inverter a frequenza variabile trifase e monofase, il loro costo per 3 KW è un po' alticcio parliamo di cifre sopra i 200 euro e inoltre non sono automatici in quanto cmq serve un elettronica di controllo che gli dica a quale frequenza lavorare.
Se avete intenzione di realizzare un progetto del genere sarò ben lieto di aiutarvi, la buona notizia è che visto che lavorate a tensione di rete non saranno necessari trasformatori o switching per elevare le tensioni. Sarà sufficente raddrizzare la tensione di rete livellarla renderla di nuovo alternata (freq variabile) tramite il ponte di IGBT e infine filtrare la nuova sinusoide con un filtro apposito. Questo potrebbe essere lo schema a blocchi di massima, ma fra questo e la realizzazione pratica ce ne passa davvero molto! faccine/smile.gif

Saluti Kekko



---------------
L'universo è dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio è ciò che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

corvo50

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:861

Stato:



Inviato il: 6/9/2012,17:19

bravo kekko..molto esperto di corrente ed elettronica....ma vorrei dire anche la mia.mi correggo sulla potenza del motore per la coclea,avevo detto 1kw,ma è alquanto esagerato,750w sono già tanti,perchè si adotta una riduzione di almeno 1/20,quindi il motore puo sopportare comodamente un continuo on-off senza picchi di spunto degni di considerazione.è quasi come se partisse a vuoto.quindi un relè interfaccia,qualora la scheda elettronica non regga 750w è d'obbligo.per il motore elettrico della trafila,io non andrei a toccare la corrente,ma agirei con un variatore di giri meccanico,che verrebbe tarato su una media dello sforzo,e poi lasciato lì.alla scheda resterebbe solo il compito di regolare l'apporto di segatura,basandosi sui giri e lo sforzo del motore,dopo regolazione manuale del variatore .un po faragginoso,e penso che metterebbe in difficoltà l'utente non esperto..per cui occorre trovare altra soluzione.certo se esistesse un variatore meccanico..che si possa comandare elettricamente sarebbe l'uovo di colombo..ma non so se esistono..e poi quanto dovrebbe costare ????

 

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 6/9/2012,17:28

Bhe se le cose stanno così è più semplice del previsto allora... Per il variatore meccanico nessuno ci vieta di collegare un motorino sulla manovella di regolazione, a quel punto basterebbe mettere un sensore di hall sull'asse della trafila per conoscerne i giri e regolarsi di conseguenza. Per il motore della coclea se è un 750W come hai detto si può tranquillamente mettere un relé o un triac. Servirebbe poi un sensore di corrente montato in serie sul motore della trafila in modo da conoscerne gli assorbimenti e far variare la segatura di alimentazione in base agli sforzi (variazioni di amperaggio) della trafila.

Kekko



---------------
L'universo è dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio è ciò che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

corvo50

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:861

Stato:



Inviato il: 6/9/2012,17:32

CITAZIONE (kekko.alchemi @ 6/9/2012, 18:28)
Bhe se le cose stanno così è più semplice del previsto allora... Per il variatore meccanico nessuno ci vieta di collegare un motorino sulla manovella di regolazione, a quel punto basterebbe mettere un sensore di hall sull'asse della trafila per conoscerne i giri e regolarsi di conseguenza. Per il motore della coclea se è un 750W come hai detto si può tranquillamente mettere un relé o un triac. Servirebbe poi un sensore di corrente montato in serie sul motore della trafila in modo da conoscerne gli assorbimenti e far variare la segatura di alimentazione in base agli sforzi della trafila.

Kekko

mi correggo.non serve neanche tutto ciò..ecco qua variatore meccanico a comando elettrico
in questo modo.la scheda puo intervenire sia sullo sforzo del motore principale,sia sull apporto di segatura,meglio di così..a quanto pare le soluzioni sono piu di una .non facciamo i conti senza l'oste, per la coclea costa meno sicuramente un inverter di un variatore meccanico,per il motore trafila,è inutile e non serve ridurre i giri del motore,ma quelli della trafila.così facendo,l'elettronica ha piu campo per gestire al meglio tutta la macchina.non sò se il motorino da 750w riesce a lavorare senza scaldare a bassi giri,per via dell'inverter .chiaro che è il portafogli che ostacola tutto.quindi l'inverter per la coclea ,visti i 250-300 eurazzi che costa non è avvicinabile,rimane la soluzione swicth on-off range di intervento e di riposo molto ampi..perchè non conosciamo le capacità "digestive" della macchina.la logica della scheda dovrebbe essere anche piuttosto semplice:mentre mantiene costante l'assorbimento del motore principale,riducendo i giri della trafila,dovrebbe contemporaneamente ridurre l'apporto di segatura,fino al punto in cui è possibile riportare a regime massimo la trafila .per i tempi on-off..non conosciamo a priori i tempi di carica e i tempi di smaltimento,andrebbero tarati in linea di massima con una prova sul campo.sembrerebbe logico che mentre si allungano i tempi di smaltimento si accorcino anche quelli di carica,e viceversa,quindi la scheda dovrebbe lavorare in questo senso www.varmec.com/ita/products_var.htm...r.htm[/URL[/URL]]
per quanto riguarda i sensori,ritengo indispensabili:sensore di temperatura massima trafila,sensore di assorbimento motore,ma questo fà già parte del progetto..si puo aggiungere un sensore di livello massimo di segatura dentro la trafila (stà al costruttore scegliere a che altezza posizionarlo)un sensore che rilevi i giri della trafila o del motore diventa inutile
orpo..cb900 non hai ancora capito che la mia macchina è attacata alla motoagricola con il cardano ???




Modificato da corvo50 - 6/9/2012, 20:07
 

Arex77

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1334

Stato:



Inviato il: 6/9/2012,20:32

faccine/w00t.gif , ragazzi è un piacere vedere che tutti ci mettono del loro!
Ringrazio Kekko... per la miseria quel ragazzo li mi stupisce ogni giorno in giro per il forum ... è giovanissimo ma ne sa una più del diavolo ... Sei forte Kekko!

Corvo, si si può utilizzare l'on/off ma io personalmente preferirei evitarlo ... nell'anulare non darebbe grossi problemi (vi svelo "un segreto": il mio nastro non alimenta in modo continuo come una coclea, praticamente scarica una palettata alla volta, più veloce o meno veloce ma così funziona).... ragazzi per la mono non va bene un on/off .... la percezione dell'orecchio è limitata ma l'elettronica si accorgerebbe di quanti sbalzi di assorbimento si avrebbero.
Io continuo a preferire un motore coclea/nastro sovradimensionato e lavorerei sui giri dello stesso sempre accoppiandolo al motovarioridutore, macchinosamente come dice qualcuno lavorerei sulla meccanica e lascerei all'elettronica la gestione di un funzionamento normale dove agirebbe su un raggio di pochi finali della coclea ...
faccine/tongue.gif qualcuno starà pensando: mazza se non è pesante sto qua ...




Modificato da kekko.alchemi - 5/9/2013, 03:00
 

cb900red

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:95

Stato:



Inviato il: 6/9/2012,22:04

salve secondo me anche un sensore di giri potrebbe servire----------
esempio tipo limitatore di velocita' dell'auto che quando arriva alla velocita' programmata
suona ----
oppure un anemometro delle tende collegando la girante al motore elettrico e invertendo i contatti quando calano i giri la coclea si ferma e riprende quando il motore riprende il funzionamento normale forse una delle tante idee stramballate

eiii corvo forse mi e' sfuggita qualche pagina del forum-----
comunque adesso ho capito il tuo avatar faccine/w00t.gif faccine/laugh.gif faccine/w00t.gif faccine/laugh.gif faccine/w00t.gif
un saluto cb900red

 

Arex77

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1334

Stato:



Inviato il: 6/9/2012,22:12

ORPO CB!!! Per favore traduci che c'ho capito 'na mazza faccine/wacko.gif ...




Modificato da kekko.alchemi - 5/9/2013, 03:00
 

cb900red

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:95

Stato:



Inviato il: 6/9/2012,23:08

faccine/bye2.gif ciao arex per esempio l'anemometro delle tende da sole motorizzate serve a riavvolgere le tende quando il vento soffia troppo forte invertendo i contatti quando il motore elettrico gira troppo piano ( vuol dire che c'e' troppo prodotto e il motore si inceppa) allora l'anemometro interviene ---
in teoria l'anemometro collegato meccanicamente all'albero del motore elettrico ( nel mio caso 2800 giri ) quando la macchina funziona normalmente il contatto dell'anemometro fa funzionare la coclea ----quando il prodotto non omogeneo mette il motore sotto sforzo il n° di giri rallenta e l'anemometrodiminuendo i giri interviene sulla coclea interrompendola questa e' la teoria ----
spero di aver dato un po di chiarimenti
un saluto cb900red a domani faccine/bye2.gif

 

Arex77

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1334

Stato:



Inviato il: 6/9/2012,23:40

Allora se ho capito giusto questo non mi diminuisce i giri della coclea bensì la ferma per farla ripartire quando i giri motore tornano alla normalità? Anche questa è un'idea (ammesso che possa funzionare)... non sarebbe il massimo ma in fondo aiuterebbe almeno nei momenti di crisi ....
Meditiamo.... intanto chissà cosa sta inventando il guru ... http://i42.tinypic.com/2jb5pv4.gif
A proposito Cb, il tetto lo hai finito?
ForumEA/us/img856/6066/buona20notte.gif



 

cb900red

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:95

Stato:



Inviato il: 9/9/2012,15:35

faccine/bye2.gif ciao arex speriamo che qualche esperimentarista riesca con qualche sensore
a trovare la nostra soluzione anche pilotando qualche Varilight (varilait)........ faccine/rolleyes.gif
per il tetto sono alla meta' sud ForumEA/us/img266/6140/28072012968.jpg


dopo aver collegato il camino nuovo ForumEA/us/img526/8988/img1064e.jpg

faro' anche l'altra meta' .......
esperimenti della macchina per segatura permettendo...
ForumEA/us/img705/5007/img1083pt.jpg
un saluto cb900red faccine/bye2.gif

 
 InizioPagina
 

Pagine: (4)   1   2   [3]   4    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum