Se sei già registrato           oppure    

Orario: 21/09/2020 08:00:12  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Proposte o invenzioni ecologiche

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (2)   [1]   2    (Ultimo Msg)


bruciaspazzatura ecologico ed economico, il male minore
FinePagina

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:9574

Stato:



Inviato il: 21/11/2012,22:42

premesso che bruciare la spazzatura è una cosa da evitare


Tuttavia è una pratica diffusa ad es, d'estate in zona turistica spesso sono stato investito da densi fumi di combustione di spazzatura che qualche incivile ammonticchiava sul terreno e di notte (per evitare multe ) bruciava ammorbando ettari ed ettari di tereno

Quindi può essere utile trovare un metodo semplice ed efficacie per ridurre il più possibile l'inquinamento

Inoltre il fuoco deve risultare contenuto

Tuttavia il sistema non deve essere considerato sostitutivo di un efficiente sistema di smaltimento dei rifiuti!

Comunque in ogni caso non bruciare PVC (giocattoli ,taparelle, rivestimento fili elettrici, alcuni tipi di contenitori,...), solventi clorurati (trielina ed equivalenti, tricloroetano, tetracloruro di carbonio,vernici,ecc ecc ) causa produzione di diossine.

In pratica si possono, senza grossi rischi, bruciare solo gli scarti casalinghi e plastiche buone (senza cloro(pvc)), carta, imballaggi , e potature varie.




I densi fumi di combustione (particolarmente nocivi e puzzolenti) si formano a causa della bassa temperatura di combustione, quindi occorre costruire un focolare "coibentato" in modo che la temperatura possa essere alta (almeno rispetto a quella di un fuoco a terra) e che permetta eventualmente una post combustione

Inutile dire che deve essere fattibile con un trapano ed una fobice da lamiera o poco più ed essere economico.

L'idea è quella di procurarsi due bidoni in lamiera di ferro di dimension leggermente differenti e poi metterli uno all'interno dell'altro per creare il focolare coibentato (dallo spessore di aria),occorre poi

creare gli opportuni fori di ventilazione e lo scarico con un corto tiraggio . Si può mettere un post combustore per "annullare " i fumi


segue immagine

Immagine Allegata: bruciaspazzatura

http://www.energialternativa.info/Public/NewForum/ForumEA/4/8/1/6/5/6/7/1353535806.gif




Modificato da qqcreafis - 21/11/2012, 23:25


---------------
Al peggio non esiste limite

 

MarKoZaKKa

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1884

Stato:



Inviato il: 22/11/2012,07:54

...Ne costruirei uno per ogni vicino che brucia l'erba tirata via dall'orto... ovviamente bruciata appena la parte esterna del mucchio diventa "gialla" (che non equivale a "secca". Specialmente quando lo fanno d'estate, ovviamente alla sera quando si tengono le finestre aperte per far girare un po di brezza fresca.



---------------
Tecnico qualificato in clownerie
Windsurfer a tempo perso
Slalomaro senza speranze

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:9574

Stato:



Inviato il: 22/11/2012,11:11

beato te che bruciano solo dell'erba, in estate in quel luogo bruciano proprio spazzatura

comunque mettere due bidoni di lamiera concentrici per far salire la temperatura è una tecnologia fattibile per tutti



---------------
Al peggio non esiste limite

 

Arex77

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1334

Stato:



Inviato il: 22/11/2012,11:24

Ciao qqcreafis,
ad essere sincero c'è una vecchietta di 80 anni che conosco bene (mia mamma) che ha quell'abitudine .... ho provato ad insistere e sono riuscito a farle capire di non bruciare determinate cose... ora, la tua idea mi garba molto e non appena riesco seguirò quanto da te postato e ne realizzo uno ... poi vi posto le foto!!
Grazie qqcreafis!!!
Arex

 

MarKoZaKKa

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1884

Stato:



Inviato il: 22/11/2012,14:04

qqcrafis, se nel mucchi d'erba rimangono "accidentalmente" le bottiglie di plastica, la gomma dell'acqua vecchia, i guanti rotti, mica li tolgono... poi il tutto brucia a bassa temperatura ed i fumi sono tanto freddi che si alzano per due metri e poi cadono a terra, stagnando nella valle.
Un vicino l'ho "istruito" chiamando i vigili urbani e dicendo che c'era un rogo di spazzatura... ma nella vallata sono tanti, rischio la fine di frankenstain (... torva di contadini con forconi fiaccole e randelli che mi assedia faccine/smile.gif )... l'afterburner come lo faresti?
Arex, mia madre ne ha 65 ed ogni volta litigo... ma non è solo questione d'età, ho visto gente coetanea mia farlo, e sono gli stessi che quando vedono i roghi di spazzatura alla TV commentano l'inciviltà degli altri...



---------------
Tecnico qualificato in clownerie
Windsurfer a tempo perso
Slalomaro senza speranze

 

Arex77

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1334

Stato:



Inviato il: 22/11/2012,15:01

Ciao Marko,
sono d'accordo con te .... tuttavia l'inciviltà è data in parte dall'ignoranza e in parte dalle fregature vere e proprie che le varie amministrazioni ogni giorno regalano al contribuente! Poi, volessimo aggiungere un commentino, mica la bruciano la spazzatura quelli della raccolta? ?
Comunque sta di fatto che l'idea di qq mi garba assai ....

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:9574

Stato:



Inviato il: 22/11/2012,19:04

CITAZIONE
Un vicino l'ho "istruito" chiamando i vigili urbani e dicendo che c'era un rogo di spazzatura...

è un'opzione, ma si sa.. dopo le rose del giardino si seccano,

comunque l'importante è che non (il meno possibile) si bruci pvc (i giocattoli e plastiche molto rigide sono di pvc), diluenti strani, oli per trasformatori, roba insomma particolare, le bottiglie dell'acqua sono di pet e si possono benissimo bruciare così come la gomma e le buste di plastica


comunque faccio il disegno dell'afterburner

Immagine Allegata: bruciarudoafterburner

http://www.energialternativa.info/Public/NewForum/ForumEA/4/8/1/6/5/6/7/1353608836.gif




Modificato da qqcreafis - 22/11/2012, 19:50


---------------
Al peggio non esiste limite

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:9574

Stato:



Inviato il: 22/11/2012,19:34

è chiaro che il progetto è aperto, non ci sono dimensioni in quanto può essere fatto in vari modi, piccolo grande ecc ecc




il postbruciatore dovrebbe innescarsi autonomamente , solo una cosa... contiene abbastanza la combustione ma il camino potrebbe lanciare piccoli pezzi infuocati, forse si potrebbe aggiungere qualche accorgimento per ridurre il fatto...


Dovrebbe andare in temperatura abbastanza rapidamente, ed una volta in temperatura dovrebbe produrre poco fumo. La circolazione d'aria deve essere curata in modo che non solo sia sufficiente ma anche in modo che ci sia un preriscaldamento (nel disegno è vagamente indicato come l'aria che diventa rossa)


il tiraggio deve essere ben studiato, nel mio disegno l'aria viene dall' alto da fori sul coperchio del bidone grande per via di massimizzare il preriscaldamento ma potrebba dare dei problemi di tiraggio a freddo, insomma si tratta di sperimentare..




Modificato da qqcreafis - 22/11/2012, 19:59


---------------
Al peggio non esiste limite

 

Arex77

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1334

Stato:



Inviato il: 22/11/2012,20:59

L'importante è l'idea poi la miglioreremo se sarà il caso ... se incontro difficoltà ti chiederò qualche consiglio qq ...

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:9574

Stato:



Inviato il: 22/11/2012,21:10

ok fammi sapere ...



---------------
Al peggio non esiste limite

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:9574

Stato:



Inviato il: 23/11/2012,20:11

da http://it.wikipedia.org/wiki/Diossine


CITAZIONE
presenza di sostanze clorurate, di tipo prevalentemente organico

queste non ci devono essere! Il sale da cucina (NaCl ) non conta,(è ok)

CITAZIONE
presenza di metalli di transizione (Fe, Cu..)

le pareti sono di ferro ma comunque non ci devono essere sostanze clorurate

CITAZIONE
presenza di sostanze che forniscono idrogeno (materiali organici)

Queste ci sono per forza

CITAZIONE
temperature comprese tra 200 e 500 °C

la temperatura della fiamma nel post combustore dovrebbe essere superiore, e sicuramente in un fuoco a terra ci sono parti fredde

CITAZIONE
combustione in presenza di ossigeno in difetto

il post combustore da un eccesso di ossigeno

CITAZIONE
assenza di zolfo

comunque il nostro combustore non può rivaleggiare con un inceneritore professionale, pardon termovalorizzatore, ma sicuramente è molto, molto meglio di un fuoco sparso a terra


l'analisi comunque mostra quanto sia importante mantenere un'alta temperatura di combustione




Modificato da qqcreafis - 23/11/2012, 21:09


---------------
Al peggio non esiste limite

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:9574

Stato:



Inviato il: 24/11/2012,15:12

nessuno ha idee su come abbattere ulteriormente l'inquinamento? o come fare migliorie varie?



---------------
Al peggio non esiste limite

 

Arex77

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1334

Stato:



Inviato il: 24/11/2012,15:38

Ciao qqcreafis,
non ti ho più risposto ma penso tu abbia capito che in me di tecnico c'è poco... sarebbe interessante avere un dimensionamento del postcombustore e anche della proporzione tra involucro esterno e bruciatore ... suppongo che non volendo aggiungere apparecchiature di ventilazione forzata bisogni in qualche modo sfruttare il tiraggio naturale e questo potrebbe dare problemi se non opportunamente calcolato, che dici, mi sbaglio?

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:9574

Stato:



Inviato il: 24/11/2012,21:47

CITAZIONE
in me di tecnico c'è poco...

nel senso che sei un letterato ??? faccine/huh.gif

comunque basta un poco di buon senso, martello e scalpello (e voglia di provare)


la differenza tra esteno ed interno (l'ampiezza dello spessore di aria) sono pochi cm, nel disegno la differenza è esagerata ed in ogni caso dipende da ciò che si trova, penso che un minimo possa essere di 2cm ottimale intorno ai 4cm e direi inferiori ai 10cm ( quindi la differenza minima tra i diametri dei bidoni di 4cm l'ottimale circa 8cm e la massima 20cm) per l'altezza ci sono più possibilita in quanto si può mettere sotto uno spessore.

Più critica la distanza tra i coperchi deve essere abbastanza piccola diciamo circa 3cm in quanto si deve scaldare l'aria in ingresso al post

i due tubi del post devono essere di poco differenti ad es interno 8-10 esterno 12-14(?) (8 10 12 cm dovrebbero essere tubi standard da stufa)


comunque rifaccio il disegno del post (ho notato un'imprecisione) che deve funzionare come un venturi quindi ci deve essere una parte senza fori che si innesta nel condotto principale

i gas caldi lanciati nel camino princitale trascinano l'aria che dovrebbe reagire con i gas combustibili

regolando la distanza tra i coperchi(variando con spessori l'altezza del bidone piccolo)si regola la facilità con cui l'aria arriva al combustore e quindi la carburazione

Immagine Allegata: postcombustore

http://www.energialternativa.info/Public/NewForum/ForumEA/4/8/1/6/5/6/7/1353791772.jpg




Modificato da qqcreafis - 24/11/2012, 22:26


---------------
Al peggio non esiste limite

 

qqcreafis

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:9574

Stato:



Inviato il: 29/11/2012,22:57

dai su... tanto lo sò che la bruciate, la spazzatura ... Se proprio lo "dovete" fare consiglio di costruire questa sottospecie di inceneritore, almeno almeno utilizzate un grosso bidone di ferro su mattoni con fori di areazione ed un qualche camino



---------------
Al peggio non esiste limite

 
 InizioPagina
 

Pagine: (2)   [1]   2    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum