Se sei già registrato           oppure    

Orario: 19/03/2019 03:08:13  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Agricoltura

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (4)   [1]   2   3   4    (Ultimo Msg)


Radicazione Talee
FinePagina

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 3/6/2013,02:58

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/C/img3923800x600.jpg






Salve a tutti, voglio descrivervi questo bell'esperimento di idroponica che ho fatto, mirato a far radicare talee di vite per una coltura sperimentale che ora vi descriverò.

Ma partiamo dall'inizio...
L'estate di tre anni fa, ad Agosto, mi trovavo in vacanza nelle meravigliose Alpi del Trentino, e mentre passeggiavo in fitti boschi di abete, mi imnbattei in una rarità davvero singolare. Su un albero di abete, vecchio di circa 100 anni, c'era una lunga vite arrampicata su di esso, nel bel mezzo di un bosco a migliai di metri di altitudine. Incuriosito da quanto vidi insieme a mio padre cercai di individuare che tipo vite fosse, ma non ci fu nulla da fare, era un esemplare di vite, almeno per noi sconosciuta. Così un po' per curiosità e un po' perchè mio padre possiede un azienda vitivinicola, decisi di provare a riprodurla. Sicuro del fat
to che era la stagione più sbagliata per prelevarne delle talee, ma sicuo anche del fatto che non mi sarei arreso, decidetti di prelevarne comunque delle talle, prestando molta attenzione a prendere solamente rami del II° e III° anno con sole gemme dormienti (vedremo poi cosa sono).

Le incartai arrotolandole in un giornale bagnato, le chiusi in un barattolo con un po' d'acqua sul fondo e le conservai in frigo a 4-5 °C per il resto della vacanza.
Intorno al 20 di Agosto tornato a casa con le talee nello zaino, mi convinsi che non potevo lasciarle seccare e dovevo per forza di cose riuscire nell'impresa di riprodurre una vite coltivata chissà quanti secoli fa in un posto che ora non esiste più, a migliaia di metri di altitudine.

Vi descriverò quindi in modo dettagliato come dovreste procedere per far radicare le vostre talee in un perido completamente sbagliato e in condizioni estreme come quelle che ho dovuto affrontare io con la mia vite.
Per poter riuscire nell'esperimento sarete costret
ti a ricorrere ad una radicazione forzata con ormoni in ambiente idroponico. Tranquilli è abbastanza semplice e non è niente di tropp complicato, l'importante è essere scrupolosi in ogni dettaglio.
La prima cosa che dovete fare è tagliare dalla vostra pianta (nel mio caso una vite) delle porzioni di ramo che abbiano 2 o 3 anni di età. Quelli del primo anno, e cioè quelli attuali, non vanno bene in quanto sono troppo teneri, vegetalmente molto attivi e quasi privi di corteccia e gemme dormienti. Potete quindi riconoscere i rami di 2 o 3 anni perchè hanno in genere una corteccia più spessa e più scura dei nuovi rami pieni di vegetazione. Dovete però cercarli lontani dalla punta della pianta, perchè avete bisogno delle gemme dormienti, cosa sono? Sono delle gemme sotto-corteccia che non sono germogliate, che o germoglieranno il prossimo anno o più probabilmente non germoglieranno mai, a meno che, non le stuzzicate un po'!

Il ramo ideale per la vostra talea si presenta più o meno così:


ForumEA/us/img199/5403/img3900800x600.JPG








ForumEA/us/img826/4099/img3902800x600.jpg





Un altra cosa importante che vi consiglio, è di prelevare talee che abbiano almeno una diramazione (nodo da cui partono due rami) nella parte inferiore dove vorremmo far spuntare le nostre radici. E' importante questo, perchè le radici cresceranno prevalentemente proprio in prossimità di questa diramazione.
Ora il prossimo passo sarà quello di procurarvi presso un vivaio degli ormoni radicanti come il mitico Transplantone o un suo equivalente.


ForumEA/us/img200/7186/img3932800x600.JPG







ForumEA/us/img10/5098/img3936800x600.jpg





Ora prendete un bicchiere di vetro o un fondo di bottiglia VERDE, è importante che sia di questo colore perchè questo colore, come per le bottiglie di vino, filtra i raggi UV che altrimenti copliranno la parte che deve radicare delle talee non favorendole ad emettere radici. Non è un caso infatti de le foglie sono verdi, trattengono ottimamente gli UV. Se non avete un barattolo di vetro verde, potete ovviare con un barattolo trasparente oscurato con della carta stagnola, ma vi perderete il fantastico spettacolo nel vedere le radici spuntare e crescere.

Detto questo siete pronti ad affrontare il vostro primo esperimento di idroponica, che non altro che una tecnica di coltivazione senza terreno, con le piante immerse in una soluzione acquosa di fertilizzanti, ormoni e un substrato di varia natura. Di tutto questo, quello che utilizzeremo per le nostre talee sono soltanto acqua e ormoni, in quanto il nostro scopo è solamente farle
radicare per poi trasferirle in piena terra, dove una vite è sicuramente più a suo agio.
Prima di procedere con il prossimo passo, vi annoio ancora un po' con le motivazioni di questa scelta.
In genere le talee sono fatte prendendo un rametto di una pianta interrandola direttamente in un vaso, facendo emettere le radici direttamente nella terra. Questa soluzione è la più semplice ma anche quella che presenta meno possibilità di riuscita, specie se le vostre talee sono state prelevate ad Agosto, in piena attività vegetativa. Per questo abbiamo optato per la radicazione idroponica, in quanto le talee stando immerse in acqua possono permettersi un ottimo apporto linfatico in tutte le loro periferie. Se stavano in terra, la quantità d'acqua a loro disposizione sarebbe stata troppo bassa, e molto difficilmente nelle nostre condizioni avrebbero attecchito.

Quindi chiariti i motivi della scelta, prendete un'abbondante punta di coltello di Transplantone e sciogletela in circa 200 ml di acqua, ora mette
le talee nel radicante e conservatele in casa in un luogo mite, dove non faccia ne caldo ne freddo, o dove arrivi una buona radiazione solare. In genere il posto migliore è vicino ad una finestra che aprite raramente.


http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/C/img3905800x600b.jpg





E' importantissimo non cambiare mai l'acqua nel bicchiere, rabboccate solamente quella che evapora, ma non cambiatela mai! Il transplantone oltre che a stimolare la radicazione evita anche il marciume dell'acqua, quindi state tranquilli, anche se vedete melmette o filature varie, non la cambiate, ma rabboccatela solamente. Questo perchè in quell'acqua le vostre talee inizieranno a versare, tramite il taglio inferiore, la linfa che si dissolverà nell'acqua e verrà riutilizzata dalla talea stessa tramite il suo apparato ascendente e discendente. Se cambiate l'acqua quindi toglierete la vitale linfa alla talea, procurandone
la morte.
Attendete quindi circa 2 mesi, avendo cura di non far calare mai il livello dell'acqua. Dopo qualche settimana vedrete già le gemme dormienti risvegliarsi ed emettere i primi germogli.
<

ForumEA/us/img211/1548/img3907800x600.jpg







http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/C/img3910800x600.jpg





ForumEA/us/img4/327/img3912800x600.jpg

Attendendo con molta pazienza circa due mesi, le gemme continueranno a crescere emettendo le prime vere e proprie foglie, ora la talea è nel punto critico, o muore o mette radici per soddisfare la forte richiesta di nutrimento che i germogli richiedono. Se avete fatto tutto correttamente nel 70% dei casi le vostre talee inizieranno a
tirar fuori, con immensa soddisfazione, le prime radici! Presentandosi come in foto qui sotto:
ForumEA/us/img827/1945/img3913800x600.jpg

ForumEA/us/img208/4826/img3915800x600.jpg



http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/C/img3918800x600.jpg





ForumEA/us/img4/6765/img3919800x600.jpg



http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/C/img3920800x600.jpg







http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/C/img3921800x600.jpg







http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/C/img3922800x600.jpg







http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/C/img3923800x600_1.jpg








http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/C/img3924800x600.jpg





ForumEA/us/img827/5725/img3925800x600.jpg

ForumEA/us/img43/3461/img3927800x600.jpg

Belle vero? faccine/smile.gif

Ora arrivati a questo punto, quando le radici arrivano a 3-4 cm di lunghezza siete pronti a trasferire le
talee in piena terra. Anche questa operazione è un po' critica, e questo perchè le esili radici cresciute in acqua sono molto fragili, e basta poco per romperle. Per questo non dovete assolutamente pressare la terra nel vaso, correreste il rischio di spezzare le radici dopo la tanta attesa...
Per far aderire in modo perfetto la terra alla talea e alle radici, ci faremo quindi aiutare dall'acqua. Prendiamo un vaso e mettiamo un po' di terriccio sul fondo, su questo appoggiamo la talea e con molta delicatezza versiamo la terra intorno alla talea SENZA pressarla.
ForumEA/us/img577/8872/img3929800x600.jpg

Arrivati alla cima del vaso, aggiungiamo acqua in abbondanza, fin quando non la vedrete uscire dal fondo, a questo punto la terra nel vaso sarà calata di parecchio. Aggiungetene atra e ripetete l'operazione con l'acqua, finché la terra si stabilizzerà ad una buona altezza.
Conserva
te il vostro vasetto con la talea nello stesso posto (è importante per il suo adattamento) in cui la talea è stata fino ad ora. Mettete un sottovaso al vasetto, in modo che vi resti sempre un po' d'acqua che verrà succhiata per capillarità dalla terra e quindi dalle nuove radichette. Per evitare marciumi e incrementare la crescita delle radici, potete innaffiare il vasetto con una piccola percentuale di radicante disciolto in acqua.

La talea è pronta a diventare una vera pianta bella, rigogliosa e robusta come la mamma! faccine/laugh.gif

ForumEA/us/img547/9674/img3938800x600.jpg

ForumEA/us/img441/7832/img3939800x600.jpg

Non siete curiosi di sapere come è diventata a distanza di tempo la talea?? E' diventata una pianta molto forte, ha delle cara
tteristiche uniche, resiste alle malattie meglio di tutte le altre viti (selezione naturale) non soffre la siccità, è resistente al gelo (era in alta montagna) e soprattutto è di una varietà di uva rossa che oggi non esiste più!
Ne sto replicando diverse decine di piante, per farne un piccolo vigneto sperimentale e vedere che tipo di vino ne venga fuori! E' proprio una bella soddisfazione esserci riuscito!

PS: Domani vi metto le foto della talea da grande! faccine/smile.gif

Un saluto a tutti, Kekko.











---------------
L'universo è dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio è ciò che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

PinoTux

Avatar
GigaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:3430

Stato:



Inviato il: 3/6/2013,18:21

faccine/thumbup.gif

Se mi gira metterò le foto del mio mini-orticello intensivo.... faccine/smile.gif



---------------
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza"
http://iv3gfn.altervista.org/
http://pptea.altervista.org/

 

lasalute

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:7556

Stato:



Inviato il: 3/6/2013,18:54

Ovviamente nella pratica di formazione delle radici varia da pianta a pianta. Ovvero ci sono quelle più predisposte come il salice piangente che emette radici anche se lo metti in un vaso di sabbia senza acqua e altre che le emettono con più difficoltà.



---------------
L'impianto ha il centro stella spostato illegalmente e quindi soggetto a sanzione amministrativa a basso cosɸ

 

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 3/6/2013,19:01

Certamente Lasalute! Anche la vite fa parte di quelle piante che emettono radici con facilità, la sfida è stata farlo di Agosto... faccine/smile.gif

Per piante come l'ulivo, dove fare le talee risulta molto ma molto difficile si ricorre alla margotta, altra pratica abbastanza semplice che non necessita di ormoni o altre complicazioni... poi certo se si utilizzano sicuramente da una mano.

Anni fa feci una margotta di un ulivo, venuta al primo colpo e ora è un bell'alberello che continua a crescere. Anche in questa pratica bisogna rispettare qualche accortezza però. E' quasi tempo di una nuova discussione faccine/smile.gif

X Pino, metti metti!!

Saluti Kekko



---------------
L'universo è dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio è ciò che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

stefano idroponico
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1

Stato:



Inviato il: 3/6/2013,20:12

Ottimo questo lavoro.... io ho realizzato un impianto per le talee di mirtillo , goji e ribes...

Ciao!




Modificato da kekko.alchemi - 3/6/2013, 23:04
 

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 3/6/2013,22:06

Ciao Stefano! Ho rimosso i link perchè non sono consentiti, come da specifiche nell'introduzione di questa sezione.
Ma ci farebbe molto piacere se postassi i tuoi risultati partecipando attivamente alla sezione.

Un saluto Kekko



---------------
L'universo è dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio è ciò che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

ElettroshockNow

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4656

Stato:



Inviato il: 5/6/2013,11:24

Un nuovo mondo tutto da scoprire ........
Ottima guida ..... molto dettagliata ma sopratutto a prova di mignolo verde (cioè me !)

 

giacar78
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1

Stato:



Inviato il: 11/11/2014 20:21:11

Salve

ho letto questa esperienza riguardo la radicazione di talee di viti in acqua.

Vorrei chiedere se potreste aiutarmi nella scelta di un ormone radicante che abbia gli stessi effetti del transplantone che e stato utilizzato qui.

Quale prodotto potrei utilizzare secondo voi?

 

calcola
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4313

Stato:



Inviato il: 11/11/2014 21:30:00

Ma è una vite "fragola"?



---------------
Impara l'arte e mettila da parte
14 pannelli da 100w, inverter kemapower 3kw, regolatore morningstar tristar ts60, banco batterie n.1 di 12 elementi 2v 480Ah C5 corazzate per trazione pesante, banco batterie n.2 di 400Ah in C5 formato da 24 elementi 2V 200Ah corazzate al gel per fotovoltaico in due serie da 12 elementi, centralina di gestione impianto autoprodotta.

 

tgsimo_a

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1508

Stato:



Inviato il: 11/11/2014 21:56:43

Anch'io sono curioso di sapere a quale specie appartenga... sospetto anch'io tipo fragola...
E tutte le nuove piante??? Sempre talee o innesti o margotta???



---------------
Signore dammi la pazienza... perché se mi dai la forza spacco tutto!!!

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 30/03/2015 20:53:20

Bellissima la tua tecnica e ben studiata per non danneggiare le giovani radici nell'interramento. Vorrei mettere in questa discussione anchio qualcosa:
Riproduzione di piante: Questa guida é utile per chi in casa o in giardino vuole riprodurre delle piante senza acquistarle, nel tempo diventeranno come la pianta madre.

Le piante si possono riprodurre : per seme , per talea di radici,per rizomi,per tubero,per divisione,per pollone,per steli,per propaggine aerea(margotta),per propaggine di punta, di ceppo, per interramento,talea di stelo,talea di legno,innesto.

attrezzature : coltello,forbici da giardino,mastice per alberi

Moltiplicazione per seme : preparazione, tenere immersi i semi in acqua per 12-24 ore prima di piantarli. Riempire con terra il recipiente cm.6 sotto bordo. Pressare con le dita la terra . Seminare spargendo i semi. coprire con spolveratura di terra i semi. Pressare nuovamente ma con una tavoletta.Annaffiare. Poneteli in un posto riparato.

Talea di radici : Lavare le radici prelevate , tagliate le radici vicino la corona togliete la punta con taglio obliquo interrate. Funziona per PIANTE ALPINE Anemone,geranio primula. PIANTE ERBACEE Acanto,Limonium. ARBUSTI Lamponi,Aralia ALBERI Catalpa,Robinia. RAMPICANTI Bignonia,Passiflora.

Il rizoma : é un fusto ingrossato che si sviluppa lateralmente più o meno in superficie.Vengono prelevati dopo circa 2 mesi dalla fioritura (Iris,Calle,Mughetto,Peonie;Menta) estirpare tutta la ceppaia.Eliminare i rizomi vecchi tenendo quelli nuovi.Tagliare le foglie e ridurre le radici cm.6/7. Rimpiantare

Per tubero : é la patata Dividetela controllando che ogni parte abbia un occhio . Spolverizzare le parti tagliate con funghicida. Piantate in terra dopo che il funghicida si é asciutto.

Per divisione ( bulbi ).Giacinti,Narcisi e altri. Si scava la pianta e si prelevano i bulbetti giovani e si ripianta il tutto. Interrare a una profondità pari al doppio della loro altezza.

Divisione di piante (genziane,geranio,veronica altre) Scavare la pianta recidere gli steli più alti dividere la pianta in più parti in senso verticale.
Polloni (Cycas,yucca, altre)Il pollone é una piccola pianta che si sviluppa lateralmente sopra o sotto terra .Staccare il pollone in primavera dalla pianta madre.Ripiantarlo adoperando un composto di terriccio con aggiunta di sabbia. Eliminare quasi tutti i getti che ha.

Foto :Talea di clementina ,palmetta da seme,Aloe per divisione radici,cycas per pollone.

Propagine interrata é una tecnica di riproduzione che consiste nel prendere degli steli dalla pianta madre e interrarle lasciando un tratto fuori terra , previa asportazione delle foglie nel tratto interrato, dopo circa un mese spuntare la cima della propagine interrata lasciare per un anno.

Propagine aerea o margotta é una delle tecniche più antiche per la riproduzione.Si sceglie un ramo di pianta legnosa a circa 20 cm.dalla cima che viene indotto a radicare. Potare foglie e getti laterali , incidere lo stelo,prendete dello sfagno,lo bagnate e poi strizzatelo.Avvolgetelo intorno allo stelo preparato sovrapponete un quadrato di politene nero e fermare quest'ultimo con nastro isolante adesivo.
Alla fine del periodo (stagione vegetativa) potate i getti nuovi fuoriusciti.Tagliare lo stelo subito dopo la margotta.Allentare leggermante lo sfagno e le radici invasare .

Talee di stelo ,rametto prelevato cm.15/18 da pianta madre ,lasciare alla talea ,solo due foglie all'apice.La talea di legno tenero viene prelevata in primavera a più capacità di radicare di una a legno duro prelevata al termine della stagione vegetativa. Per stimolare la talea a radicare si usa o l'ornome da radicamento o intaccarle alla base per stimolare la formazione di radici.I rametti possono essere prelevati appena sotto il nodo della gemma o di internodo (in mezzo a due gemme),oppure di tallone ,quest'ultima viene prelevata da un getto laterale.Dopo l'interramento in vaso annaffiare.Spalmare sulla sommita della talea un mastice per legno ,tenere il terreno umido ma non troppo. Mettere il vaso in un luogo riparato.

Si possono effettuare anche talee di foglie specie per quelle monocodiledoni.Prendete una foglia sviluppata recidetela sezionatela a striscie trasversali ad angolo retto rispetto alle venature distanziando i tagli di cm.4. Inserire le talee verticalmente nel vaso preparato con terra.Annaffiare riponetelo in un ambiente riparato tenendo umido il terreno.

Altra pratica é l'innesto questo può essere a spacco,a intarsio laterale,a penna,a scudetto,a corona. Le operazioni devono essere abbastanza veloci per non far asciugare i tagli effettuati sulla marza e sul porta-innesto. Attrezzi:forbici,coltello,mastice,nastro.

Innesto a spacco .Scegliere una pianta adatta a fare da portainnesto,a metà inverno scegliere un'altra pianta da cui prelevare alcuni rami o steli rami (marze) di legno duro lunghi circa 20 cm.Interratele 10/12 cm in un luogo fresco(nord)in modo che le gemme dei rametti siano meno sviluppate di quelle del porta-innesto.In primavera quando la linfa risale ,tagliate il porta-innesto a cm.20 da terra per piante da frutta, quasi al livello del terreno per piante ornamentali.Estraete le marze dal terreno prendete quella con il diametro quasi uguale alla cima del porta-innesto e tagliatela al di sopra della 4 o 5 gemma, dalla parte opposta (base della marza ) fate un taglio obbliquo lungo cm 4 scarsi(angolazione e inclinazione uguale al taglio sulla base del porta-innesto).Per aumentare l'adesione fra i due e solidità si aggiunge la lingua.Quest'ultima non é altro che un taglio verticale fatto sulle due inclinazioni profondo 1cm.su 1/3 del diametro.Legare con nastro in politene.Applicare mastice per alberi sulla cima della marza.

Innesto a spacco terminale . Estrarre la marza dal terreno fare un taglio obbliquo sul terminale della stessa sopra una gemma .Dalla parte della base effettuare due tagli opposti lunghi circa cm.4 (forma a cuneo).Sul porta-innesto fare un taglio verticale lungo cm.4 verso il basso .Incuneare nel taglio del porta-innesto la marza preparata, in modo che resti esposta una piccola parte di superficie. Fasciare la zona dell'innesto con nastro di politene. Applicare mastice sopra all'apice della marza.(Betulle,Ciliegi da fiore,meli da fiore,Sorbo degli uccelli,Castagno,Cotoneaster

Innesto a intarsio laterale. Alla base della marza fate due tagli di sbieco lunghi cm.4 con un coltello uno opposto all'altro. Sul porta innesto incidere lo stesso da cm.5 verso il basso per cm.4.Con cautela piegare verso l'esterno il porta-innesto ,in modo da inserire il cuneo della marza di lato.Fasciare con nastro di politene.Quando le due parti si sono unite, togliere la fasciatura e tagliare gradualmente sopra il porta-innesto ( in due tagli a distanza di 30gg.) .Applicare mastice sul taglio.(Aceri Giapponesi,Betulle,Rododendri)

Innesto laterale a penna. Eseguite un taglio obbliquo verso la base della marza,dalla parte opposta fare un taglietto a cuneo. Sul porta-innesto ripulire delle foglie per cm.15 il tratto inferiore, verso il fondo praticare un taglio lungo cm.4.Alla base del taglio intaccare leggermente inclinato verso il porta-innesto,eliminare il tratto, fate aderire la marza al porta-innesto legarli con nastro il politene. A saldatura avvenuta tagliare gradulmente il porta-innesto masticizzare i tagli.(conifere in genere)

Innesto a scudetto.(tra maggio-agosto) Sul porta-innesto eliminare tutte le foglie e rametti basili fino a cm.30 da terra.Praticare nella corteccia del porta-innesto una incisione a T.Scegliere un rametto ,levargli le foglie ma lasciando per ciascuna cm.1 di picciolo attaccato.Fare un taglio superficiale circa mm 6 più in basso della gemma matura e superarla di cm.3.Piegare il lembo di corteccia per estarre il picciolo e inserire nel porta-innesto con taglio a T. Tagliare la coda sopra la gemma.Fasciare con nastro lasciando fuori la gemma con il picciolo.Quando la gemma si sarà saldata al porta innesto togliere la legatura. A fine inverno recidere la parte superiore del porta-innesto proprio sopra la gemma.(Mandorlo,Melo,Ciliegio,Pesco,Rose,Susino.Altre)

Innesto a intarsio semplice, si procede sul porta-innesto, si fa penetrare il coltello verso il basso sp.mm.6 lungo cm.4 con inclinazione verso l'interno del fusto ,cercando di fare un taglio simile per fare aderire il frammento della gemma. Intaccare la marza e asportando la gemma stessa. Unire i due soggetti ,fasciare con nastro lasciando fuori la gemma con il picciolo.Quando la gemma si sarà saldata al porta innesto togliere la legatura. A fine inverno recidere la parte superiore del porta-innesto proprio sopra la gemma.

Innesto a corona. si pratica in primavera,quando le piante sono in succhio si utilizza per ringiovanire un albero o per cambiarne la varietà, soprattutto sulle piante da frutto.Scegliere una pianta adatta a fare da portainnesto,a metà inverno scegliere un'altra pianta da cui prelevare alcuni rami o steli rami (marze) di legno duro lunghi circa 20 cm.Interratele 10/12 cm in un luogo fresco(nord)in modo che le gemme dei rametti siano meno sviluppate di quelle del porta-innesto. Si procede tagliando tutta la vegetazione della pianta porta-innesto, lasciando solo il fusto, alto da terra circa un metro o poco più. Quindi si praticano alcune incisioni verticali sul fusto, che vanno a tagliare solo lo strato di corteccia; le incisioni devono essere distanziate di almeno 5-8 cm tra loro. Distaccare la corteccia dal fusto attorno al taglio praticato con un coltello,attenzione a non tagliare il lembo di corteccia. Preparare le marze tagliandola alla base cm 4 di lunghezza e in diagonale a rientrare verso il centro della marza, in modo che la superficie della marza risulti appuntita e ben appiattita; quindi inserire la marza nello spacco precedentemente preparato, in modo che la superficie aderisca perfettamente al tronco. Appena al di sopra della superficie lasciate 3/4 gemme l'ultima deve guardare verso l'esterno. Avvolgere più volte attorno al fusto ed alle marze nastro per innesti.Ricoprire tutte le superfici di taglio con del mastice per potatura Nell’arco di alcune settimane le,marze dovrebbero germogliare.



Immagine Allegata: 1424368676p.jpg
 
ForumEA/D/1424368676p.jpg



Modificato da pluto1962 - 30/03/2015, 20:56:21


---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

Roero

Avatar
PetaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:10293

Stato:



Inviato il: 03/04/2015 22:51:46

Pluto: sbaglio o nella foto sopra c'è un vaso di aloe arborescens?
Io ne ho parecchie e molto più grandi, le uso contro il mal di stomaco e funzionano alla grande.



---------------
Correttezza, lealtà e sempre a testa alta.

 

sabin

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:522

Stato:



Inviato il: 04/04/2015 08:03:05

Discussione interessante. Leggerò con calma.
Intanto accenno l'argomento che mi interessa, ovvero.
Una vite da tavola, che dia pochi problemi di malattie,
adattabile in clima con forti escursioni termiche tra giorno e notte.
Dato che l'acquisto della vite innestata è altamente inaffidabile,
spesso dopo due anni ci si accorge che non è la razza che si desiderava,
l'unica via è la talea



---------------
Inverter UPS Power Star W7 (onda pura) ingresso 24 v... 220V 2 Kw con spunto da 6 Kw? (direi 3Kw)
Pannelli 11,1 mq. Wp 1320 (x120 Wp mq)... n° 5 monoc. 72 celle 750 Wp (SO) su MPPT SolarMate 40A
n° 3 polic. 60 celle 570 Wp (Sud) su PWM 30A... batterie: 2 coppie SMA (trazione) 24V 120 Ah C/10 (+ 2 avviamento 70Ah)
Switch enel/batterie con Arduino Pro Mini

 

calcola
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4313

Stato:



Inviato il: 04/04/2015 15:41:29

Sabin, la vite europea è soggetta a numerosi parassiti, quello che cerchi non esiste. L'unica via è quella delle numerose varietà ibride tra la vite vinifera e le viti americane, sono molto resistenti ed alcune adatte come uva da tavola. Il loro principale difetto è il gusto fragola dei loro frutti, ma non è forte in tutti gli ibridi in alcuni quasi non si sente. Molti ibridi interessanti sono stati prodotti fino agli anni 40 in Sicilia ed in Piemonte, forse potresti reperire qualcosa presso i campi di collezione delle facoltà di agraria.



---------------
Impara l'arte e mettila da parte
14 pannelli da 100w, inverter kemapower 3kw, regolatore morningstar tristar ts60, banco batterie n.1 di 12 elementi 2v 480Ah C5 corazzate per trazione pesante, banco batterie n.2 di 400Ah in C5 formato da 24 elementi 2V 200Ah corazzate al gel per fotovoltaico in due serie da 12 elementi, centralina di gestione impianto autoprodotta.

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 04/04/2015 17:25:26

CITAZIONE (Roero, 04/04/2015 15:41:29 ) Discussione.php?54466546&1#MSG11

Pluto: sbaglio o nella foto sopra c'è un vaso di aloe arborescens?
Io ne ho parecchie e molto più grandi, le uso contro il mal di stomaco e funzionano alla grande.

Si é l'aloe ha molte proprietà come la prepari per prenderla?



---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 
 InizioPagina
 

Pagine: (4)   [1]   2   3   4    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum