Se sei già registrato           oppure    

Orario: 16/07/2020 03:23:26  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Applicazioni E Realizzazioni Pratiche

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (167)  < ...  18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   [28]   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38  ...>    (Ultimo Msg)


Homemade Inverter "modulo DC/AC"
FinePagina

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 25/03/2014 19:35:22

Noooo non ci credo Elettro... Ma davvero stanno così?? E io che pensavo chissà come erano fatte bene. A primo impatto può sembrare una genialata, ma è solamente una scorciatoia che però ha una gravissima pecca! Riuscire a fare una sinusoide digitalizzata su due rami diversi, implica il fatto di avere un micro mediamente potente, con almeno due o tre timer indipendenti l'uno dall'altro. Lasciare un capo fisso serve per usare meno risorse, ma si crea un problema di fondo, non si recuperano le extratensioni. Queste infatti per essere recuperate implicano il fatto che tutti i mos devono essere interdetti, se uno resta attivo durante il ritorno del picco, succede semplicemente che i picchi vengono cortocircuitati anziché rimandati nella sorgente.

Dai dai, che tra un po' arriva lo schedino serio made in Italy!



Modificato da kekko.alchemi - 25/03/2014, 20:41:15


---------------
L'universo è dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio è ciò che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

ElettroshockNow

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4656

Stato:



Inviato il: 25/03/2014 22:49:40

Molto interessante il discorso del recupero .... però mi riesce difficile comprenderlo.

Non riesco ad immaginare cosa accade , però posso misurarlo

La schedina cinese consente di impostare il modo di funzionamento :
-unipolare o bipolare
selezionabile tramite il pin 20 .

Quindi potrei misurare il rendimento (con gli strumenti che possiedo) e comparare i risultati.
Da una parte il vantaggio di recuperare le perdite di commutazione di due finali su quattro , dall'altro il recupero delle extratensioni .....

Ma in via teorica è possibile quantificare il recupero ?

Per le perdite di commutazione stiamo medimente sui 45W a finale a 3Kw di erogazione.
(Ho considerato 500nS di zona attiva a 25Khz con 24V e 150A).



Modificato da ElettroshockNow - 25/03/2014, 22:55:24
 

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 26/03/2014 00:25:16

Devi sempre pensare che ogni tensione positiva e negativa ne genera una negativa e positiva, quando rilasciata ai capi di un induttanza. Ora però se questa induttanza è vincolata ad un polo di una batteria, quando si genererà la tensione inversa, questa non potrà essere recuperata, in quanto la tensione in uscita dall'induttanza, sarà contraria a quella della batteria a cui è connessa per un capo. L'unico modo che hai per recuperarla è staccarla completamente dalla batteria e collegarla ad un ponte di diodi, in questo modo la tensione sarà raddrizzata e indirizzata nel giusto "verso". Il ponte di diodi nel ponte completo è già presente, ma è fondamentale che tutti i mos siano interdetti, altrimenti torniamo all'esempio di un polo sempre connesso.

Per quantificare le perdite non è facile, perchè hai bisogno di carichi induttivi che producano cosfi, come ad esempio i motori asincroni. Un altro aspetto che rende migliore la soluzione bipolare, è il fatto della robustezza, sempre legato al fatto che le extratensioni vengono gestite e non cortocircuitate. Smaltire le extratensioni significa infatti abattere i picchi senza arrecare danni ai finali.

Per misurare non è facile, non puoi farlo con un semplice tester, devi poter leggere le correnti in maniera bidirezionale e in true RMS, non stai misurando una corrente continua, ma una corrente pulsata e bidirezionale.

Volevo chiederti una cosa invece, hai modo di misurare quanto assorbono i driver per pilotare i tuoi finali? Devo selezionare dei DC-DC converter che serviranno per l'alimentazione dei driver e del micro, che devono essere galvanicamente isolati da tutto. Ma prima dovrei costruire il tutto, se riesci a darmi una misura anche non precisa posso fare una stima.

Kekko



---------------
L'universo è dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio è ciò che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

ElettroshockNow

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4656

Stato:



Inviato il: 26/03/2014 11:50:26

Parli degli assorbimenti dei gate ?
Nelle prove parallelando 5 irfp4310 ho rilevato picchi da 5A con una resistenza di gate da 2,2 Ohm (una a mosfet) ......
Visto che la carica avviene in circa 200nS .... la corrente RMS è pochissima.

Per quanto i driver IR2110 li misuro oggi pom , ma il valore dovrebbe essere simile a quello dichiarato dal datasheet

Invece per la prova comparativa misurerei l'assorbimento lato batterie nei due casi (unipolare e bipolare) collegando all'inverter lo stesso carico (tipo il trapano) e forse il banco condensatori dovrebbero sopperire al mio deficit strumentale

 

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 26/03/2014 15:34:34

Si parlo dei gate! Bene allora, perchè ho dei DC-DC a due rami da 250 mA a ramo, quindi dovrei farcela...

Per il deficit, non so, si tratta di correnti pulsate bidirezionali, anche con i condensatori è un po' difficile, però puoi mettere prima dei condensatori un diodo, elimineresti la bidirezionalità lato strumenti, ma avresti sui due casi delle pulsazioni completamente diverse.



---------------
L'universo è dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio è ciò che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 26/03/2014 21:45:02

Ahh una cosa, considera che il trapano ha un motore a spazzole quindi il cosfi non è molto elevato, per vedere la differenza dovresti collegare un motore asincrono tipo un motore di lavatrice per esempio.

Oggi ho selezionato i DC-DC converter che avevo, guardate che belli
Ci sono quelli con due uscite da 12V galvanicamente isolate, che verrano utilizzati per le tensioni di gate dei due rami, e quelli da 5V che verranno utilizzati per la gestione logica del microcontrollore e tutto il resto, sempre tutto isolato dalla tensione che alimenterà la sezione di potenza, che sarà sicuramente piena zeppa di armoniche e picchi di ritorno.

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/A/IMG_4468_800x600.JPG

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/A/IMG_4469_800x600.JPG

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/A/IMG_4470_800x600.JPG

Kekko



---------------
L'universo è dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio è ciò che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

alexamma

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:482

Stato:



Inviato il: 28/03/2014 21:36:00

E' difficile partecipare ad una discussione così tecnica quando la conoscenza non lo permette ma l'interesse per questo progetto e' altissima........forza ragazzi noi siamo in ascolto...........



---------------
l'acqua è poca e la papera non galleggia

 

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 29/03/2014 00:28:21

arriviamo arriviamo! ...sto finendo la parte software per la gestione della sinusoide e delle varie periferiche.

Kekko



---------------
L'universo è dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio è ciò che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

ElettroshockNow

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4656

Stato:



Inviato il: 29/03/2014 14:29:44

Nasce il piccolino con un autoconsumo di 6W ....
http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/A/rps20140329_142742_784.jpg

 

farstar1965

Avatar
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:293

Stato:



Inviato il: 29/03/2014 18:35:39

Bello bello bello, quel videoregistratore......
Altre foto ? altri dati ?
Siamo famelici.

Grazie ciao



---------------
Più impari più ti rendi conto di quanto sei ignorante.

 

NonSoloBolleDiAcqua

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:13786

Stato:



Inviato il: 29/03/2014 20:28:28

CITAZIONE (ElettroshockNow, 29/03/2014 18:35:39 ) Discussione.php?55031252&28#MSG426

Nasce il piccolino con un autoconsumo di 6W ....

fenomenooooooooooooFaccine/Smileys_0074.gifFaccine/Smileys_0074.gifFaccine/Smileys_0074.gif
SUM



---------------
Chi sa raccontare bene le bugie ha la verità in pugno (by PinoTux).
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

alexamma

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:482

Stato:



Inviato il: 29/03/2014 20:53:35

Solo 6 watt ,bolle ha pienamente ragione



---------------
l'acqua è poca e la papera non galleggia

 

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 30/03/2014 04:29:28

Sei troppo Forte Elettrooooo!!!! grande grande grande!!



---------------
L'universo è dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio è ciò che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

ElettroshockNow

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4656

Stato:



Inviato il: 30/03/2014 13:15:30

.... il trucco c'è ....
Ho usato due vecchi toroidali per lampadari (220/12) connessi in parallelo con ottimi risultati.
In aggiunta ho usato un filtro con taglio più basso (L=1mH C=4.7microF) e ridotto il condensatore di uscita (1 microF).

Ora l'inverter assorbe a riposo 6W (circa 200mA) ed è questo il suo pregio in quanto 400VA effettivamente sono pochini ...
Cmq essendo un onda sinusoidale pura accetta tutti i carichi e interrompe l'erogazione se si oltrepassano i 20A di assorbimento per più di 0.5S.
Accetta come tensione in ingresso un range da 20V a 32V mantenendo una efficienza del 90/95%.
L'aletta di raffreddamento di abbondanti dimensioni a reso non indispensabile la ventilazione (tiepida alla massima potenza).
I mosfet sono pilotati con una tensione di gate di 12V e una resistenza di gate da 4.7 Ohm (come da schema seguente)
Il banco condensatori è composto da 8 Condesantori da 2200microF 50V in parallelo.
Il modulo è settato con un Dead Time di 500nS e configurazione unipolare.

Gli schemi che ho usato:
MODULO DC/AC(settato a 24V LINK e con sensore corrente settato a 20A LINK)
PONTE


http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/A/rps20140330_131103_628.jpg

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/A/rps20140330_131308.jpg

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/A/rps20140330_131448_897.jpg



Modificato da ElettroshockNow - 30/03/2014, 14:35:09
 

ElettroshockNow

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4656

Stato:



Inviato il: 30/03/2014 13:41:14

L'induttanza necessaria per il filtro è stata realizzata avvolgendo 50 Spire con filo smaltato avente diametro 2mm su un nucleo ETD49 materiale 3C90 con un traferro di 0.3mm (spazio tra i due semi nuclei )
http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/A/rps20140330_134005_735.jpg

Ora mi getto sul grande inverter trasformerless mentre mi gusto il capolavoro di kekko.

Ciao
ElettroshockNow

PS: .... domani arriva il rotore del motore a vapore .... evvai



Modificato da ElettroshockNow - 30/03/2014, 13:47:17
 
 InizioPagina
 

Pagine: (167)  < ...  18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   [28]   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38  ...>    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum