Se sei già registrato           oppure    

Orario: 23/09/2020 12:39:17  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Acqua: come utilizzarla, generarla e sfruttarla

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (11)   1   2   3   [4]   5   6   7   8   9   10   11    (Ultimo Msg)


Generare acqua dall'aria, Stagni di rugiada
FinePagina

camillo1
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:56

Stato:



Inviato il: 17/7/2012,13:35

Già, è vero. A meno che non occorra una spintina per l'avvio del processo di condensazione. Male che vada, si avrebbe un serbatoio di contenimento dell'acqua.
Rimane comunque inspiegabile come ci sia così poco materiale su un argomento tanto importante.
Un ultimo dubbio:
Dalla figura che hai proposto, seguendo il percorso dell'aria con le frecce blu e rossa, si vede che l'aria sotto terra si muove in discesa; pensi che l'inclinazione contraria (tale è quella che potrei dare per raccogliere l'acqua) possa inficiarne il funzionamento? Dico questo perchè è naturale che l'aria, entrando sotto terra si raffreddi e quindi vada in basso. Capisco che potrebbe essere non molto chiaro quello che ho detto, però mi spiego con un esempio: se alla figura che hai postato inverti la direzione dell'aria (è ciò che dovrei fare) pensi che il sistema funzioni ancora?

 

maxdef
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:998

Stato:



Inviato il: 17/7/2012,16:20

no non credo che la leggera inclinazione del tubo possa influire sul movimento dell'aria.... ed è anche quello che pensavo di realizzare io,con la leggera inclinazione per far defluire l'acqua verso l'entrata dell'aria caldo/umida...

 

camillo1
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:56

Stato:



Inviato il: 17/7/2012,22:02

E' importante, perchè avrei intenzione di posare una batteria di 30 tubi. Visto che lo scavo è da fare, meglio ripartire la spesa su più tubi. Considerato che in uno scavo largo 1 metro si possono posare 10 tubi affiancati, se lo scavo è profondo 1 metro e 30, si possono posare 3 strati di 10 tubi l'uno. Le entrate sarebbero a gomiti a scalare, orientati al vento, mentre le uscite sarebbero una a fianco all'altra, della stessa altezza, con un tettuccio trasparente per non far entrare impurità.
Sono però frenato dal fatto di non poter visionare un impianto esistente; il lavoro ha un costo non piccolo e temo che una piccola imperfezione nell'esecuzione possa determinare l'insuccesso.

 

maxdef
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:998

Stato:



Inviato il: 18/7/2012,07:26

che lunghezza prevedi per i tubi?...nella mia scarsa traduzione del documento mi sembra di aver letto di un problema di riscaldamento della zona intorno ai tubi, con conseguente diminuzione dello scambio di calore aria/terreno e quindi del rendimento,quando questi siano eccessivamente corti,detto questo sarebbe da valutare bene l'idea di stipare i tubi ravvicinati e a strati...

 

camillo1
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:56

Stato:



Inviato il: 18/7/2012,10:09

Non più di 20/25 metri. Ma non credo che il problema del riscaldamento dei tubi sia determinato dalla loro lunghezza, questa semmai, penso influisca sulla quantità di acqua prodotta, che dipenderà certamente dalla superficie totale sulla quale avviene la condensa. Certamente, l'aria calda, passando attraverso i tubi, tenderà a riscaldarli, così come le gocce d'acqua tenderanno a portare la temperatura interna a quella del punto di rugiada. Il terreno quindi dovrà essere in grado di mantenere il sistema ad una temperatura inferiore. Mi sto chiedendo se esista un termometro che si possa interrare ad un metro per misurare la temperatura del terreno a quella profondità. Se non si riesce a misurare quella, si rischia di gettare i soldi e di essere scambiati per matti.

 

maxdef
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:998

Stato:



Inviato il: 18/7/2012,11:17

ma stai pensando questo sistema più come approvigionamento d'acqua o come climatizzatore?

 

camillo1
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:56

Stato:



Inviato il: 18/7/2012,12:55

Come approvvigionamento di acqua. L'aspetto del condizionamento è secondario, ma visto che si fa un lavoro (se si fa) tanto vale farlo completo, dirottando 1 tubo in casa. Sono certo che come climatizzatore funzionerebbe egregiamente; considerando che un semplice aspiratore da cappa di cucina muove 100 metri cubi di aria all'ora, l'aria della casa sarebbe ricambiata più volte al giorno con altra aria poco umida e fresca (veramente ideale).
Col tuo post precedente mi hai messo una bella pulce nell'orecchio: E' probabile che ogni tubo necessiti di una certa quantità di terra intorno, per dissipare efficacemente il calore interno.
Comunque, se la temperatura del terreno è molto più bassa della temperatura di condensazione, la cosa potrebbe funzionare fino a sera e poi ricominciare il giorno seguente, dopo il raffreddamento notturno.
E' chiaro che il terreno non è più da considerare a temperatura costante, visto che comunica con l'esterno attraverso i tubi, tutto sta a vedere in quale misura si riscalda durante il processo di condensazione.

 

maxdef
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:998

Stato:



Inviato il: 18/7/2012,13:12

questo potrebbe essere utile,ha giusto 1m di cavo per la sonda
http://www.ebay.it/itm/LCD-TERMOMETRO-DIGI...=item3f1936eab2

 

camillo1
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:56

Stato:



Inviato il: 18/7/2012,14:30

Grazie, la prossima sttimana vedo di andare a comprarne uno. Penso proprio che sia la prima cosa da fare. Mi occorre in acciaio e resistente ai colpi di mazza, perchè sono in terreno argilloso durissimo.
In alternativa, devo fare un buco con la trivella e infilarci la sonda.
Non riesco a leggere il diagramma psicocrometrico, che dovrebbe dare la temperatura del punto di rugiada in relazione all'umidità e temperatura dell'aria in ingresso. Basterebbe riuscire ad interpretare quel valore e confrontarlo con quello del terreno ad un metro in profondità e il gioco sarebbe fatto.

 

maxdef
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:998

Stato:



Inviato il: 18/7/2012,15:18

la trivella è senz'altro preferibile,ma anche con un tubo e la mazza si può fare il foro dove inserire la sonda e dopo richiudere con sabbia....il diagramma non lo riesco a leggere nemmeno io

guarda questa tabella
www.carlisi.info/rugiada.asp





Modificato da maxdef - 18/7/2012, 16:28
 

camillo1
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:56

Stato:



Inviato il: 18/7/2012,15:24

Sono riuscito a trovare un diagramma psicrometrico (parola difficile anche da pronunciare) pulito e leggibile: Per un'aria a 35° con una percentuale di umidità
del 60% il punto di rugiada sarebbe 25°.
Posto una tabellina con alcuni valori:
Aria a 35°
umidità 40% punto di rugiada 19°
umidità 50% punto di ruguada 21°
umidità 60% punto di rugiada 25°
umidità 70% punto di rugiada 30°
Direi con una certa sicurezza che in estate, sopra al 50% di umidità possa iniziare il fenomeno di condensa.

 

camillo1
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:56

Stato:



Inviato il: 18/7/2012,21:28

www.dossier.net/utilities/wet_bulb_e_dewpoint/index.html;
Guarda un po' questo link.
Calcola il punto di rugiada mettendo i valori di temperatura aria e umidità relativa.

 

maxdef
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:998

Stato:



Inviato il: 19/7/2012,08:01

...il link diretto non si apre mi rimanda alla home page,ma non riesco a trovare il calcolatore...

 

camillo1
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:56

Stato:



Inviato il: 19/7/2012,19:00

Già, fa così anche a me, non capisco.
Comunque, basta che su google ricerchi "calcolatore dew point" e ne trovi più di uno.
Ce n'è uno, che, immesso il valore di pressione, temperatura dell'aria e dew point, restituisce il valore di umidità che deve esserci nell'aria per avere la condensa. Se al posto del valore del dew point, uno mette la temperatura del suolo a 1 metro, può già rendersi conto se riuscirà ad avere l'acqua.

 

ponzo
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:29

Stato:



Inviato il: 20/7/2012,00:00

CITAZIONE (camillo1 @ 18/7/2012, 15:30)
Grazie, la prossima sttimana vedo di andare a comprarne uno. Penso proprio che sia la prima cosa da fare. Mi occorre in acciaio e resistente ai colpi di mazza, perchè sono in terreno argilloso durissimo.
In alternativa, devo fare un buco con la trivella e infilarci la sonda.
Non riesco a leggere il diagramma psicocrometrico, che dovrebbe dare la temperatura del punto di rugiada in relazione all'umidità e temperatura dell'aria in ingresso. Basterebbe riuscire ad interpretare quel valore e confrontarlo con quello del terreno ad un metro in profondità e il gioco sarebbe fatto.

faccine/clap.gif faccine/clap.gif

faccio anch'io le prove faccine/biggrin.gif...costa poco farle....se le temperature coincidono(magari anche scendendo mezzo metro altro nella terra...ho un bell'escavatore che non adpetta altro... faccine/clap.gif )il gioco è fatto....questo mese ho speso 50 euri per quell'acqua in plastica faccine/sad.gif...avrei già ammortizzato.....un sistema per tirar su le bottiglie di vetro già belle piene e fresche....e via... faccine/clap.gif faccine/clap.gif

CITAZIONE (camillo1 @ 18/7/2012, 16:24)
Sono riuscito a trovare un diagramma psicrometrico (parola difficile anche da pronunciare) pulito e leggibile: Per un'aria a 35° con una percentuale di umidità
del 60% il punto di rugiada sarebbe 25°.
Posto una tabellina con alcuni valori:
Aria a 35°
umidità 40% punto di rugiada 19°
umidità 50% punto di ruguada 21°
umidità 60% punto di rugiada 25°
umidità 70% punto di rugiada 30°
Direi con una certa sicurezza che in estate, sopra al 50% di umidità possa iniziare il fenomeno di condensa.

Mmmmm

difficile che a un metro si trovino 19 gradi....

però...calcolando che in uno scantinato...l'estate il fresco si sente,direi che scendendo ancora un pò i valori potrebbero essere raggiunti.parlando sempre di piena estate... faccine/unsure.gif

 
 InizioPagina
 

Pagine: (11)   1   2   3   [4]   5   6   7   8   9   10   11    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum