Se sei già registrato           oppure    

Orario: 27/05/2020 08:05:54  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Sezione Generica

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (32)  < ...  12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   [28]   29   30   31   32    (Ultimo Msg)


Piombo nuovo da vecchie batterie.
FinePagina

Lupo cattivo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1137

Stato:



Inviato il: 21/9/2009,11:19

CITAZIONE (DOLOMITICO @ 21/9/2009, 09:41)
Sarebbe curioso capire cosa sono quegli scarti,cosi per sapere puoi fare una stima di quanto piombo recuperi per materiale trattato?
Es:1/3 o 2/5
Perche da quello che ho visto io di piombo vero e proprio non ce n'è pui tantissimo,e vedo che anche tu ne raccogli diciamo 1/4 rispetto al tutto,dico bene?

Sarei curioso pure io.
Avanzo delle ipotesi, assolutamente buttate lì quindi da prendere con beneficio di inventario.
Ossidi e solfati di piombo che non sono stati ridotti.
Solfuri di piombo (dai solfati) ridotti solo in parte.
Antimonio sotto forma di sale (dalla lega originale delle piastre)
Calcio sotto forma di sale (dalla lega originale delle piastre)
Leghe di piombo e vari metalli sopra citati, dove però il piombo è in quantità ridotta, che hanno un punto di fusione decisamente più alto.

 

Keyosz
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1959

Stato:



Inviato il: 21/9/2009,17:13

Un pò timoroso dei fumi generati e limitato dallo sguardo altamente sospettoso del vicinato mi devo mi malgrado astenermi dall'emularvi, però ammiro i risultati della vostra iniziativa e l'impegno! faccine/clap.gif

Ciò nonostante non volgio rinunciare alla costruzione di un adeguato banco di elementi al piombo fai-da-te, così proseguo per la strada dei rottami di piombo per la materia prima necessaria alle strutture interne di sostegno delle piastre e mi affido alle batterie usate per l'acido e parte delle materie attive.

Domani dovrebbe arrivare il primo carico da 100Kg di rottami di piombo al prezzo di 60€, valuto la qualità e l'affidabilità del "fornitore" per eventualmente pianificare altre forniture, anche perchè devo ancora valutare la tecnica esatta di costruzione e quindi il peso di piombo necessario per ogni elemento...

Se foste più vicini si potrebbe dividere il lavoro: vi potrerei batterie a volontà, voi "raffinereste" la materia prima e in compenso vi realizzerei degli elementi finiti faccine/laugh.gif

 

alby992

Avatar
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:124

Stato:



Inviato il: 21/9/2009,20:40

Effettivamente i fumi generati non sono paragonabili ad un barbecue pieno di salsiccie, braciole e costate...ahahahaha...l'odore è decisamente meno gradevole...e i vicini sicuramente non ringraziano...io sono fortunato a fare tutto in mezzo ad un campo...comunque ottimo prezzo 60 cent/Kg faccine/wink.gif

Per i rendimenti aspetto il prossimo fuoco, dove peserò tutto, prima e dopo, provando a ripassare i residui della prima ossidoriduzione, per vedere se effettivamente c'è ancora piombo nei residui creati ...comunque essendo questi residui pesanti, penso che siano leghe di piombo che fanno fatica a dividersi (se possono)...Penso che da 1/4 a 2/5 ci siamo...ma aspetto l'esito

Prossimamente tempo permettendo farò questa prova, prima però devo aprire qualche batteria

Avevo letto che Dolomitico toglieva l'acido con la pompetta dell'acquario..potresti gentilmente mettere una foto , perchè guardando in rete,a pochi euro si trovano solo quelle da immergere...o sbaglio?

ciao e grazie...Alberto

 

DOLOMITICO

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1363

Stato:



Inviato il: 22/9/2009,08:28

Appena arrivo ti faccio la foto,cmq è un tubo di plastica con una pompetta a fisarmonica su un lato,la trovi nei brico non ricordo se nel reparto accessori auto oppure acquari,mi pare la seconda....
Io spino la batteria come una damigiana,finche le celle arrivano in superfice,poi alzo la batteria su un lato in modo che l'elettrolita si sposta appunto di lato e poi risucchio fuori tutto in una tanica di palastica.

 

alby992

Avatar
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:124

Stato:



Inviato il: 23/9/2009,21:05

ciao Dolomitico....pensavo alla pompetta elettrica per l'acqua...mi sono sbagliato, se non ho capito male parli di questa pompetta...
ForumEA/us/img443/4747/pompetta.jpg
ciao e grazie per il consiglio...

 

DOLOMITICO

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1363

Stato:



Inviato il: 24/9/2009,09:36

Si,è una variante,ho anche quella della foto che hai postato,la mia è un tubo di 5 mm circa con la pompette su una estremita.

Costa pochi €

 

DOLOMITICO

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1363

Stato:



Inviato il: 10/10/2009,16:07

Oggi ho provato a riaccendere la forgia,pioveva,quindi il tempo era giusto.
Ho aggiornato la ventolona cui avevo sostituito il motore a 220v con uno a 18 volt recuperato da una stampante,vi ho collegato un trasformatore con 2 velocità cosi ho ottenuto la regolazione sia della quantita d'aria che della velocita.
La prova è stato un mezzo successo,sinceramente pensavo un po meglio,ma la colpa grossa mi sono accorto è nella forgia stessa.
Ho recuperato 3.5 kg di piombo da ossidi e schifezze vari,ma il problema è nel foro di scarico,il piombo fuso che scende trova l'aria fredda che sale tappando in poco tempo il foro,bisogna stare molto all'occhio alla velocita della ventola,che non sia troppo veloce,ma cmq credo che il problema mi si ripresentera,quando sono riuscito a stappare l'occlusione ne ho tirato fuori un blocco da sicuri 2kg di piombo che si era bloccato li.
L'ideale sarebbe far defluire il piombo recuperato per un'altro passaggio,io contavo di inclinare la forgia di qualche grado per fare in modo che il piombo scenda su un lato per poi fuoriuscire in un contenitore.
Un'altra cosa molto sgradevole sono i fumi,una vera schifezza,diciamo che non è proprio il sistema migliore per trattare grosse quantita,io pensavo di riuscire a trattare almeno 2 secchi alla volta,ma mi rendo conto che gia uno è di troppo.
Poi rimangono molti pallini di piombo in giro per il materiale di scarto che devo studiare come raccogliere.
Cmq se non si presentava la noia dello scarico tappato sarebbe stata una giornata di sicuro piu fruttuosa.

 

Marcodp
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2

Stato:



Inviato il: 21/10/2009,22:33

Scusate, sono rimasto affascinato da i vs post e sperimenti sugli accumulatori e il loro eventuale recupero, io sono un meccanico ma di batterie me ne intendo piu o meno come tutti gli utilizzatori nulla i piu....ma da un po di tempo di costruttori di batterie ( me lo ha comunicato uno del commerciale non tecnico quindi cio che dice e' tutto da prendere con le pinze) per evitare la perdita di tensione quando non viene usate e dato che le auto moderne tra centraline ecc provocano lo scaricamento gia di suo, al loro interno non sono piu di pombo puro ma benzi mezze di piombo (prob quelle positive) e mezze di zinco, mi domandavo se qualcuno sapeva qualcosa se veramente e' cosi, e se cosi fosse non e' che sia quello che provoca problemi alla fusione del piombo?...a voi la palla...faccine/smile.gif

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 21/10/2009,22:38

Ciao Marcodp, benvenuto nel forum.
Bhè, non è che sono mezze di zinco, lo zinco è in lega col piombo, ma c'è anche del calcio e alcuni altri metalli. La realtà vera è che cercano in tutti i modi di renderle il più compatte possibile e più potenti, ma anche più economiche e meno durature possibile, così se ne vendono più spesso..... Quella delle centraline è una delle tante scuse.... Se la batteria fosse buona non si scaricherebbe facilmente.
Saluti.
Ferro

 

Marcodp
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2

Stato:



Inviato il: 21/10/2009,22:53

grazie della celere risposta e del benvenuto...in lega....quindi rende ancora piu difficile rendere il recupero del piombo puro, erano meglio quelle vecchie con carcassa in bachelite e il coperchio chiuso dalla pece ( che gli anziani mi dicevano che le revisionavano) ahhh il consumismo...ma tra un po torneremo a fare anche quello non solo come hobby.. faccine/biggrin.gif

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 22/10/2009,08:05

CITAZIONE (Marcodp @ 21/10/2009, 23:53)
grazie della celere risposta e del benvenuto...in lega....quindi rende ancora piu difficile rendere il recupero del piombo puro, erano meglio quelle vecchie con carcassa in bachelite e il coperchio chiuso dalla pece ( che gli anziani mi dicevano che le revisionavano) ahhh il consumismo...ma tra un po torneremo a fare anche quello non solo come hobby.. faccine/biggrin.gif

Credo che usando il nostro sistema di recupero del piombo dagli ossidi, tramite riduzione col carbone in fiamma viva, molti dei metalli in lega col piombo se ne vadano con le scorie, ma questo ce lo può confermare solo Dega, chimico del forum.
Che erano meglio quelle vecchie batterie con la cassetta in Ebanite nera è scontato, si potevano aprire e riparare. Io sono uno di quegli "Anziani" che dici tu, che da giovane ne ho riparate diverse..... Oggi coi materiali moderni si sarebbe potuto fare addirittura meglio, con coperchi pressostampati a tenuta stagna, bulloneria in materiale antiacido e guarnizioni in gomma al silicone........ Che ci vuoi fare? Vedo però che sei anche tu del mio parere, che le "Vacche Grasse" stanno per finire.
Saluti.
Ferro

 

DOLOMITICO

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1363

Stato:



Inviato il: 22/10/2009,08:26

Mi associo alle vacche grasse.
Ciao marcodp,se ti interessa una rispolverata dei sistemi di una volta trovi il link per un bel libro americano d'epoca (1929) ove ti spiegano la vecchia arte della riparazione con molte foto.
Io so che quando recuperano le batterie mi pare che alla fusione di piombo aggiungono soda caustica per dividere gli altri metalli dal piombo stesso,ma non ne conosco bene la procedura.
Lo zinco non ce lo vedo tanto.
So che usano proporzioni diverse di antimonio fra le positive e le negative,ma in ogni caso non dovrebbero creare tanti problemi al fai da te.

 

Keyosz
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1959

Stato:



Inviato il: 22/10/2009,15:14

Ciao Marcodp e benvenuto,
in merito allo zinco mi pare strano anche a me, perchè dalle varie prove pratiche effettuate in chimiche diverse per accumulatori, ti posso garantire che lo zinco viene attaccato e corroso dall'acido solforico in modo molto vivace e veloce, se fosse in lega con il piombo delle batterie da auto aumenterebbe la corrosione, l'usura e la fragilità a mio avviso.

Lo zinco, come il ferro, è uno di quei metalli che non vanno d'accordo con l'acido solforico, ma al contrario con le soluzioni basiche come soda caustica o idrossido di potassio.

Per quanto riguarda il piombo, separarlo da altri metalli è relativamente facile se lo si lascia decantare in forma liquida in quanto è talmente pesante che tutto quello che non è piombo viene a galla, basta scremare lo strato superiore di residui e ossidi e si dovrebbe ottenere un buon grado di purezza per i nosti usi hobbistici!

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 22/10/2009,22:34

Lo zinco viene corroso un po' da tutto, in quanto è un metallo che si lega facilmente con molti altri elementi.
Però nel caso di leghe metalliche, i vari metalli che compongono la lega sono in soluzione tra loro, come il sale nell'acqua, e perciò non si separano per fusione o per decantazione nella fase liquida, bisogna toglierli aggiungendo composti appropriati alla lega.
Se messo in lega col piombo accorcia la durata degli accumulatori..... Ha raggiunto lo scopo! faccine/wink.gif faccine/mad.gif
Saluti.
Ferro

 

Keyosz
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1959

Stato:



Inviato il: 23/10/2009,17:38

Vuoi vedere che abbiamo scoperto un altro barbatrucco dei produttori, oltre all'architettura interna, per far durare ancor meno le batterie e vendere di più??? faccine/sick.gif

 
 InizioPagina
 

Pagine: (32)  < ...  12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   [28]   29   30   31   32    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum