Se sei già registrato           oppure    

Orario: 04/12/2020 08:45:34  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Agricoltura

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (5)   1   2   3   [4]   5    (Ultimo Msg)


L'orto in campagna,cenni generali e elenco ortaggi
FinePagina

birgipi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1485

Stato:



Inviato il: 28/06/2015 20:11:17

CITAZIONE (pluto1962, 28/06/2015 20:04:50 ) Discussione.php?212749&3#MSG44

Ciao birgipi dove la semini in terra o in vaso?

In terra

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 28/06/2015 20:37:13

Per l'erba cipollina devi stare attento ai ristagni d'acqua poni dell'argilla espansa sotto la zolla della pianta, metti vicino la Santoreggia domestica . Per le consociazioni vanno bene insalata,carote,fagioli.Prezzemolo e basilico vanno bene con pomodoro.Con l'erba cipollina solo il basilico.



---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 02/07/2015 10:36:45

Porro; si adatta bene a diversi tipi di climi, ma i migliori risultati si ottengono nelle zone temperate. E' una pianta particolarmente resistente al freddo. Predilige terreni sciolti e profondi,rifugge dai ristagni d'acqua. Ph ottimale terreno tra 6,5 e 7,5. La concimazione non deve essere eccessiva, perché riduce la resistenza al gelo. Sono sufficienti 3-4ql di letame o composto ben maturo/100mq, integrati dall'irrorazione di macerato di ortica, subito dopo il trapianto per stimolare e irrobustire le giovani piantine. E' bene non ripetere la coltivazione del porro sullo stesso luogo del terreno per almeno 3-4 anni. Il porro si consocia bene con cipolle, sedano, pomodoro, scorzonera, lattuga cavoli, indivia. Risultani negativi si hanno invece con fagioli, rape rosse e piselli. Molto utile é alternare le file d'impianto carote e porri. A seconda della zona il porro può essere seminato a maggio raccolta da dicembre a aprile. A settembre con raccolta da maggio-giugno. Per la semina occorrono 50-80 g di seme /100mq. Con piantine diametro min.4-5mm e circa 15cm di altezza.Le piantine si distanziano 30-35cm tra le file e 8-20cm sulla fila. Opere colturali successive sono la sarchiatura per arieggiare il terreno e contenere le infestanti, la rincalzatura e il diradamento se l'impianto é stato eseguito a seme. Il porro può essere raccolto da quando presenta il diametro di un dito fino al massimo sviluppo



Immagine Allegata: porri.jpg
 
ForumEA/F/porri.jpg



Modificato da pluto1962 - 02/07/2015, 12:00:12


---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 02/07/2015 11:12:40

Rapa; Richiede un clima temperato-umido,nelle zone eccessivamente calde e asciutte le radici non si ingrossano. Predilige suoli di medio impasto ben dotati di calcare esenti da ristagni d'acqua concimazione 3-4 di letame o composto ben maturo interrato durante la lavorazione del terreno ogni 100mq. Si associa con lattuga, pisello, spinacio, pomodoro, insalata da taglio,fagioli rampicanti e bietola da costa.Semina da maggio a settembre a spaglio o in file distanti 20-30 cm sulla fila la distanza tra le piante é di 15-20cm. Ogni 10mq di coltura occorrono da 4 a 7g di seme. Il periodo migliore per la semina é fra il primo quarto e il terzo giorno prima della luna piena.Diradamento dopo 20-30 giorni dalla semina, quando le piante hanno 4-5 foglie si dirada a 8-10cm in primavera e a 10-15cm,in autunno. Raccolta a scalare da settembre a maggio appena le radici raggiungono le dimensioni desiderate. Le cime(infiorescenze e foglie tenere) si raccolgono da 40 a 120 giorni dalla semina. La produzione di radici varia dai 2 a 3 q/100mq di coltura, le cime intorno ai 2 q/100mq.



Immagine Allegata: rapa.jpg
 
ForumEA/F/rapa.jpg



Modificato da pluto1962 - 02/07/2015, 11:57:38


---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 02/07/2015 11:56:01

Ravanello; Teme la siccità e le temperature elevate che conferiscono alle radici un sapore piccante. Molto adattabile, ma i migliori risultati si ottengono con terreni sciolti, ben esposti e esenti da ristagni d'acqua. La brevità del ciclo colturale (circa 3 settimane per le varietà più precoci) rende vano ogni intervento. Terreni troppo ricchi di azoto determinano la spaccatura delle radici. Si associa bene con carote,insalata,piselli,fagioli,cavoli. La consociazione con lattuga o crescione migliora il gusto e ne riduce il sapore piccante, mentre la vicinanza con il cerfoglio lo accentua.
Semina a spaglio o in file distanti 15cm utilizzando 30-50 g di seme/10mq. Per avere un prodotto invernale si semina a giugno-luglio in file distanti 30 cm. Si effettua il diradamento a 15 cm quando
le piantine hanno emesso la seconda-terza foglia. Sarchiatura da effettuare per eliminare le infestanti durante i primi stadi di sviluppo del ravanello. Nei mesi caldi assicurare una buona disponibilità
idrica per non avere radici troppo piccanti ma senza eccedere altrimenti può provocare la spaccatura delle radici. Le più precoci si raccolgono dopo 20 giorni dalla semina, quelle più tardive dopo 50-60 giorni dalla semina produzione 100-200kg di radici/100 mq



Immagine Allegata: ravanello.jpg
 
ForumEA/F/ravanello.jpg



---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 02/07/2015 12:35:52

Scorza bianca e nera; La scorza bianca si differenzia dalla nera per alcuni aspetti: La prima ha fiori di colore rosaceo, blu o viole e la radice, che é poi la parte commestibile, gialla; la seconda ha fiori gialli, foglie più ampie nella parte basale e radice di colore brunastro. Predilige le zone calde e soleggiate anche se adattabile. I migliori risultati si ottengono su terreni sciolti e profondi ph ottimale tra 6 e 7,5. La concimazione và da 2-3 q di composto o di letame ben maturo/10mq di superficie interrati durante la lavorazione o meglio ancora interrati nella coltura precedente. Sono piante molto sensibili alla presenza di sostanza organica non completamente degradata, la quale determina la biforcazione delle radici. Semina da febbraio a maggio a postarelle distanti cm 15 o in file distanti 25-30 cm; sulla fila la distanza é di 5-10 cm. I semi vanno collocati a 2-3 cm di profondità. Per 10 mq di coltura occorrono 10-15 g di seme.Diradamento con piantine alte 3-5 cm si dirada a 6-8 cm. La pacciamatura con un sottile strato di paglia o erba secca facilità l'emergenza dei semi.Si esegue anche la sarchiatura per limitare le infestanti. E' importante per ottenere radici succulente é di evitare la precoce monta a seme con l'irrigazione. Ha un ciclo molto lungo la pianta dalla semina alla raccolta occorrono circa 200 giorni.
La raccolta inizia a ottobre e prosegue fino a marzo. Bisogna estrarre le radici dal terreno con molta cura per evitare di spezzare i fittoni. 150-250 kg da 100mq di terreno.



Immagine Allegata: scorza bianca.jpg
 
ForumEA/F/scorza bianca.jpg



---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 02/07/2015 13:57:35

Sedano a costa; Richiede un' elevata disponibilità idrica durante tutte le fasi del suo sviluppo. Assicurare comunque il regolare sgrondo delle acque. Il sedano richiede temperature tra i 16°-20°. Temperature troppo basse tra i 5°-10°, possono stimolare una precoce fioritura che, com'è noto, nelle normali condizioni di crescita avviene solamente al secondo anno di vegetazione. Il sedano richiede terreni medio impasto con ph intorno alla neutralità. Non sono indicati per la sua coltivazione, né i terreni troppo sabbiosi ne quelli troppo argillosi. E' molto importante che il terreno sia preparato con un'opportuna livellazione,sminuzzamento e rullatura per assicurarsi che non si creino costipamenti e ristagni. Concimazione con letame ben maturo o composto da incorporare durante la fase di preparazione da 4 a 6q/100mq.Le piantine vanno poste in esterno in tarda primavera. Consociazione con pomodoro,cavolo,porri cetrioli. Distanza d'impianto 35-40 cm tra le file e 12-17cm all'interno della fila. Altezza delle piantine circa 15cm . Interventi idrici ogni 2-3 giorni. E' preferibile l'irrigazione da scorrimento e non d'aspersione. Può essere raccolto in qualsiasi momento del suo sviluppo. Troppo a lungo nel terreno i piccioli diventano legnosi. La resa varia da 1,5q/100mq delle produzioni anticipate ai 4-6 q/100 mq delle colture in pieno campo. Per l'imbincamento delle coste 15-20 giorni prima della raccolta rincalzare con terra le piante lasciando fuoriusciresolo la parte finale delle foglie In alternativa fasciare le piante con carta,paglia o fogli di plastica scura.



Immagine Allegata: sedano.JPG
 
ForumEA/F/sedano.JPG



Modificato da pluto1962 - 04/07/2015, 21:44:11


---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 02/07/2015 15:01:02

Sedano rapa; ha esigenze simili a quelle del sedano a coste richiede 2-3 q di letame o composto ben maturo/100mq di superficie.Si associa bene a cetriolo,fagiolo,cavoli,pomodoro piselli e porro.Da evitare patata e lattuga.La messa a dimora delle piantine avviene tra aprile e maggio 35x40 cm tra le file e di 20x25 sulla fila.E' importante che il colletto venga collocato 1cm sopra il livello del terreno.La raccolta inizia in autunno e prosegue fino alla primavera successiva.Le piante vanno estirpate quando le foglie cominciano a ingiallire,la radice ha raggiunto il massimo ingrossamento e la polpa ancora soda e croccante. Resa dai 3-5q di radici ogni 100mq di superficie



Immagine Allegata: 288952980.jpg
 
ForumEA/F/288952980.jpg



---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 02/07/2015 16:19:31

Spinacio; richiede un clima temperato fresco,é molto sensibile alla siccità, a causa della quale monta subito a seme. Una volta ben sviluppato resiste bene alle gelate fino a -6°. Richiede terreni di medio impasto o sciolti ricchi di sostanza organica e di calcio ph ottimale terreno tra 6,5 e 7,5. Evitare a tutti i costi di apportare una quantità eccessiva di azoto, poiché questa pianta ha una spiccata
tendenza ad accumulare, nelle foglie, un'elevata percentuale di nitrati anche con concimazioni organiche. In genere sono sufficienti 1-2q di letame o composto ben maturo/100mq di coltura interrato durante la fase di lavorazione del terreno o meglio ancora sulla coltura precedente. Grazie alla sua rapida crescita si presta a essere coltivato come coltura intercalare tra le file di altri ortaggi a crescita più lenta come fagioli, piselli che inoltre proteggono le foglie dello spinacio
dall'insolazione eccessiva. Si associa bene a porro, sedano ,rapa, piselli e fave. Per avere un raccolto continuo si può seminare scalarmente ogni 15-20 giorni da marzo fino a novembre, in solchi distanti 20-25cm e profondi 1,5-2 cm. Nelle zone più fredde da ottobre in poi é necessario proteggere le piantine con tunnel. Per ogni 10mq. di coltura occorrono da 16 a 30 g di semi. Pacciamatura necessaria per le colture estive per conservare l'umidità del terreno. L'irrigazione é necessaria specialmente nei mesi più caldi. Per combattere l'insorgere del marciume nei semensai si può mescolare ai semi polvere di carbone di legna.Raccolta a scalare si effettua recidendo accuratemente alcune foglie per pianta risparmiando il germoglio centrale o falciando l'intera pianta appena questa ha raggiunto un buon sviluppo vegetativo.
Resa intorno ai 2-3ql di foglie/100mq. La regolare raccolta delle foglie stimola le piante a un ricaccio più prolungato e regolare nel tempo.



Immagine Allegata: spinaci.jpg
 
ForumEA/F/spinaci.jpg



---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 02/07/2015 16:32:15

Valeriana; Teme il caldo-arido e resiste bene al freddo. Si adatta a qualsiasi tipo di terreno ma preferisce quelli argillosi-calcarei con una buona dotazione idrica. Concimazione 1-2q di letame o composto ben maturo/100mq interrati in fase di preparazione del terreno . Si associa con ravanelli, porri e cavoli. Semina a spaglio, da luglio ad agosto possibilmente all'ombra di altre piante, interrando i semi 0,5-1 cm di profondità In genere sono sufficenti 15-20g di semi/10mq di coltura. Raccolta da settembre e continua fino a marzo a seconda della varietà. Nelle zone più fredde é necessario proteggere le piantine con piccoli tunnel. Resa da 50-150kg/100mq di coltura



Immagine Allegata: valeriana.jpg
 
ForumEA/F/valeriana.jpg



Modificato da pluto1962 - 02/07/2015, 21:04:54


---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 02/07/2015 21:04:25

Zucca; Teme il gelo richiede clima temperato caldo. La temperatura ottimale per il suo sviluppo é intorno ai 18-24°. Oltre i 30° o al di sotto dei 10° possono sorgere problemi. Si adatta a qualsiasi tipo di terreno, risultati migliori però si ottengono sui terreni medio impasto, soffici e ricchi di sostanza organica e ben drenati. Ph ottimale terreno é tra 5,5 e 6,8. Per la concimazione é una coltura molto avida. Richiede 3-4q di letame o composto ben maturo/100mq di superficie.La sostanza organica può essere interrata durante i lavori di preparazione del terreno che devono essere molto accurati poiché il fittone della zucca può superare il metro di lunghezza. Non ripetere la coltivazione della zucca prima di 2-3 anni ne farla seguire ad altre cucurbitacee,solanacee o leguminose.Si associa bene con patata e mais dolce. La semina si effettua in aprile-maggio (temperatura intorno ai 12°) In postarelle di 4-5 semi,collocati a 2-3 cm di profondità La distanza tra le postarelle é di 150-200 cm.Per 10mq di coltura occorrono da 3-7g di semente.La sarchiatura và praticata durante i primi stadi di sviluppo della coltura. Il diradamento và effettuato quando le piantine presentano 2-3 foglie lasciando così 1 o 2 piante per buca a seconda della fertilità del terreno e della tecnica colturale adottata. Deve essere effettuata la rincalzatura in prossimità dei nodi dei tralci per facilitare lo sviluppo di radici avventizie. La cimatura é un' altra pratica che và effettuata sul tralcio pricipale dopo la seconda o quarta foglia (secondo il vigore della pianta e la fertilità del terreno) per favorire lo sviluppo dei germogli ascellari, che poi verranno cimati a loro volta. Per ottenere zucche di grandi dimensioni si devono lasciare ingrossare solamente 2 o 3 frutticini per pianta. I tralci con i frutti si cimano alla seconda foglia dopo il frutto. La raccolta si effettua da settembre a novembre prima delle gelate, quando le foglie seccano e i frutti sono ben maturi. La produzione varia da 4 a 10q/100 mq di coltura a seconda del tipo di varietà. Per migliorare la conservazione dei frutti é bene porre sotto le zucche tavole di legno o altri supporti che evitano il contatto diretto con il terreno durante il loro sviluppo. In locali ben ventilati e freschi la loro conservazione può durare fino a 6 mesi.



Immagine Allegata: zucca.jpg
 
ForumEA/F/zucca.jpg



Modificato da pluto1962 - 02/07/2015, 22:33:52


---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 03/07/2015 21:09:02

Zucchino; A causa delle sue origini tropicali lo zucchino richiede clima temperato caldo. Già a 10-12° la pianta arresta il suo sviluppo. Temperature ancora più basse,soprattutto durante lo stadio giovanile,possono compromettere la produzione. La temperatura ottimale é intorno ai 15-18° di notte e 24-30° di giorno. Lo zucchino é esigente anche in fatto di umidità, poiché consuma molta acqua per la sua crescita. Richiede terreno molto più fertile di quello impiegato per la zucca, di medio impasto, profondo con una buona dotazione di sostanza organica e ben esposto.Concimazione 3-4q di letame o composto ben maturo/100mq interrata durante la preparazione del terreno. E' bene non ripetere la coltivazione dello zucchino nello stesso posto del terreno prima di 2-3 anni, né utilizzare per la sua coltivazione un terreno occupato in precedenza da altre cucurbitacee, solanacee o leguminose. Lo
zucchino si consocia bene con fagioli rampicanti e cipolle. La messa a dimora delle piantine si effettua nel terreno quando é svanito ogni pericolo di gelate e le piante presentano 4-5 foglie vere. In genere si adotta la distanza di 100-120 cm tra e sulle file. Per la semina si effettua da aprile -maggio in postarelle profonde 10-15 cm e di 30-40 cm di diametro, in ognuna delle quali vengono posti 2-3 semi. Quando le piantine emettono la seconda foglia si esegue il diradamento lasciando una piantina per postarella. Per 10 mq di coltura occorrono 2-3g di semi. Si esegue la sarchiatura nei primi stadi di sviluppo,la pacciamatura si esegue subito per conservare l'umidità del terreno e contenere le infestanti.In alcune regioni si esegue la potatura dei rami laterali quando questi hanno raggiunto i 60cm di lunghezza così da stimolare l'emissione dei getti laterali. L'irrigazione é necessaria subito dopo il tramianto o la semina e durante i mesi estivi per mantenere costantemente umidi i pimi 25-30cm di terreno. Evitare l'irrigazione ad aspersione che facilita la diffusione delle crittogame. La pianta può essere soggetta a afidi provocando l'appassimento delle foglie e l'istaurarsi di virosi. Con trattamento di macerato di ortica di 24 ore si ottiene la somparsa degli afidi dopo 2-3 giorni,efficaci
anche le impolverazioni con litotamnio, farina di rocce o cenere di legna. Soggetta anche a virus del mosaico e all'oidio. La raccolta é a scalare e si protrae per 40-60 giorni e anche più. Le zucchine
dovrebbero essere raccolte quando il fiore portato all'apice dei frutti sta per schiudersi. Quando le piante sono in piena produzione la raccolta deve essere effettuata ogni giorno per evitare di avere
frutti con semi troppo evidenti e buccia indurita. La produzione varia da 2 a 7 kg. di frutti per pianta.



Immagine Allegata: zucchine.jpg
 
ForumEA/F/zucchine.jpg



---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 03/07/2015 22:14:30

giorni per la germinazione - coltura- Durata del ciclo di coltivazione in giorni :

15, Aglio, 150-180
28, Asparago, dal 2° anno
10, Barbabietola, 60-80
12, Bietola da coste, 45-60
15, Carciofo, dal 2 anno
15, Cardo, 150-200
10, Carota, 80-120
8, Cavoli e broccoli, 100-150
6, Cetriolo, 60-90
12, Cipolla, 150-180
7, Fagiolo rampicante, 70-140
7, Fagiolo nano, 60-110
10, Fava, 120-150
12, Finocchio, 120-140
7, Lattuga, 40-100
15, Melanzana, 150-180
12, Peperone, 150-180
8, Pisello, 120-160
8, Pomodoro, 100-150
10, Porro, 180-210
20, Prezzemolo, 80-240
8, Radicchio, 45-500
6, Rapa, 40-90
6, Rapanello, 40-60
7, Rucola, 20-60
15, Sedano, 120-150
10, Spinacio, 40-70
8, Valeriana, 50-70
10, Zucca, 100-150
10, Zucchino, 90-150



Modificato da pluto1962 - 03/07/2015, 22:17:39


---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 05/07/2015 14:39:01

Questo può aiutare di più. http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/F/ortaggi_1.xls



Modificato da pluto1962 - 05/07/2015, 15:00:55


---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 

pluto1962

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:2683

Stato:



Inviato il: 05/07/2015 15:11:07

Il tortarello; Sembra un cetriolo ma non lo é: é il tortarello,un ortaggio facile e rustico, molto coltivato nelle regioni del Sud-Est d'Italia,soprattutto nella varietà Lunga bianca.Si consuma crudo: la sua polpa tenera,fresca e ben digeribile e il suo sapore ricorda quello del cetriolo.Si seminano direttamente a dimora, solitamente da metà aprile a metà maggio al Nord e da marzo a giugno al Centro-Sud e nelle zone costiere, coprendo eventualmente le aiuole nelle prime settimane con piccoli tunnel o tessuto non tessuto.
La semina
Tradizionalmente la semina in pieno campo si effettua a file, a postarelle distanti 80-90 cm l’una dall’altra, nelle quali vanno posti 2-3 semi alla profondità di circa 5-6 cm; le file devono invece essere distanti circa 1 metro l’una dall’altra. Quando le piantine hanno raggiunto le dimensioni di circa 12-15 cm occorre eseguire il diradamento lasciando quella migliore, tenendo conto del fatto che nell’effettuare questa operazione occorre evitare di scalzare la piantina che rimane.
La coltura si può anche avviare trapiantando le piantine con pane di terra, prodotte in proprio in contenitori alveolati; con il trapianto il periodo di raccolta si anticipa di 10-15 giorni rispetto alla semina diretta in pieno campo. La raccolta avviene circa dopo 60 giorni la semina.



Immagine Allegata: Come-Coltivare-Tortarello.jpg
 
ForumEA/F/Come-Coltivare-Tortarello.jpg



---------------
Il verde che ci circonda va protetto a tutti i costi

 
 InizioPagina
 

Pagine: (5)   1   2   3   [4]   5    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum