Se sei già registrato           oppure    

Orario: 24/09/2020 14:08:13  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Solare Fotovoltaico

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (15)   1   2   3   [4]   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15    (Ultimo Msg)


Invertet Edison ED30MPII e banco 24v 200Ah Plantè, Lavorano bene insieme?
FinePagina

ITA815

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5522

Stato:



Inviato il: 19/10/2018 18:24:25

Se è per questo non solo su altri forum si lamentano.
Io ho contatti con altre persone che non sono sui forum ma che hanno acquistato la prima versione delle Primordial, quelle con l' involucro nero tanto per intenderci, e le hanno parcheggiate acquistando altre celle di marche più conosciute e commerciali che nulla hanno a che vedere con il sistema Plantè.
Ma comunque non accostare minimamente le mie celle con quelle della Primordial ... sono 2 tecniche e 2 configurazioni completamente differenti.
Io ho risolto tutte le problematiche che generano le celle Plantè in fase di formazione ... solo che al momento questa tipologia di piastre hanno lavorato tra 1 e 2 anni in sola formazione e non ho un riscontro su cosa può succedere in fase di un utilizzo normale.
Per questo motivo quest' inverno mi costruisco le prime 13 celle e le rendo operative entro quest' estate ... poi, dopo qualche mese di utilizzo, avrò una idea di come si comportano fuori dalla formazione.



Modificato da ITA815 - 19/10/2018, 18:36:50
 

ITA815

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5522

Stato:



Inviato il: 19/10/2018 18:26:54

CITAZIONE (AlessandroT, 19/10/2018 18:16:10 ) Discussione.php?215253&3#MSG44

CITAZIONE (ITA815, 19/10/2018 18:10:02 ) Discussione.php?215253&3#MSG35
CITAZIONE (AlessandroT, 19/10/2018 15:00:17 ) Discussione.php?215253&3#MSG33
E secondo me non possono essere usate neanche per UPS perché con questo basso tasso di scarica le proporzioni del banco dovrebbero essere enormi!

Vero ... ma avendo una percentuale di utilizzo in scarica molto bassa hanno tutto il tempo che serve per fare una ricarica completa evitando la solfatazione.

Scusa ITA volevo dire che se le danno come scarica max a 1/10 devono considerare il banco 10 volte superiore al loro max assorbimento (anche se poi il black out dura 30 minuti.)

Questo dipende dalla tipologia dell' impianto UPS ... di certo gioca molto a sfavore il fatto che le puoi utilizzare solo al 10% della loro capacità in fase di scarica.
Su questo hai perfettamente ragione.

 

Claudio

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:9401

Stato:



Inviato il: 19/10/2018 18:40:32

Secondo me questa tipologia di accumulatore non ha incontrato sviluppo a livello commerciale proprio per questi motivi, se fatto come hobby può portare soddisfazioni personali ma a livello commerciale difficilmente avrà evoluzione, alla fine il loro costo non è il materiale, ma il tempo per formarle.



Modificato da Claudio - 19/10/2018, 18:44:45


---------------
Inverter PIP4048MS-2014, 5250W pannelli, 500A AGM

 

ITA815

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5522

Stato:



Inviato il: 19/10/2018 19:03:50

Sono d'accordo solo in parte sul tuo discorso Claudio.
E' vero che non ha riscontrato molto successo questa tipologia di accumulatore causa le problematiche sopra descritte ... ma è anche vero che lo sviluppo e lo studio di questi accumulatori non è mai stato veramente approfondito.
I risultati che ho ottenuto io, nella mia iniziale ignoranza e al momento, non li ha mai ottenuti nessuno.
Per cui resto dell' idea che si possa ancora riportare le Plantè ai suoi massimi vertici come accumulatore di lunga durata aggiungendo quello che ora manca ... cioè la potenza.
Al momento i miei test di potenza hanno dato tutti una risposta positiva ... ma sono tutte risposte positive in fase di formazione escludendo solo il test del link che ti ho mandato che, in quel caso, i cicli di carica/scarica erano normali ... ma per il 99% degli altri test i risulti positivi raggiunti sono ottenuti con tensioni di fine carica equalizzate.
Ora si tratta solo di vedere cosa succede a queste celle prototipo, e come si comportano, con un utilizzo normale e con correnti e tensioni di fine carica normali ... naturalmente utilizzando e simulando parametri erogati da un comune inverter di un fotovoltaico.
Ma io sinceramente sono fiducioso ... dal mio punto di vista ho risolto buona parte dei problemi riscontrati sulle Plantè commerciali della Primordial o di altre marche che vendono accumulatori simili.
Ora si tratta solo di vedere nei primi sei mesi di funzionamento delle celle prototipo, utilizzandole in condizioni normali di carica/scarica, quali nuovi problemi possono emergere e come risolverli.
Staremo a vedere più avanti.



Modificato da ITA815 - 20/10/2018, 22:47:02
 

supermomo717
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:59

Stato:



Inviato il: 23/10/2018 14:52:43

Leggo con piacere tutto quello che avete riportato, oltre che a seguire quanto sperimenta ITA85 con le celle di sua realizzazione. Io mi sono già fatto una personale opinione di chi mi ha fornito gli accumulatori, del suo modo di operare, della (IN)completezza delle informazioni che forniscono e della discutibile correttezza di quelle che invece scrivono; e starò sicuramente a vedere il futuro cosa gli riserva aziendalmente parlando. Il mercato sentenzierà.
Anyway, adesso raccolgo ancora un pò le idee e deciderò il da farsi con questo e vedere se come diceva il tecnico, sono recuperabili.
Vie percorribili per le quali chiedo la vs. opinione:

Che modello di regolatore di carica mi consigliate in grado di fornire tensioni, correnti e tempi adeguato per questo pacco?

Mal che vada, apro i contenitori, libero le piatre da quello schifo di goldone bianco che le fagogita, le riporto per bene a lucido e riconpongo il tutto rifacendo una formazione come Dio comanda. Almeno non mi arrivino con già depositi di strano materiale bianco sul fondo.



Modificato da supermomo717 - 23/10/2018, 15:14:46
 

Claudio

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:9401

Stato:



Inviato il: 23/10/2018 18:03:45

Penso siano assolutamente recuperabili, è piombo puro, non dovrebbe esserci nessuna sostanza, tipo aggiunta di ossidi impastati, sulle piastre.
Il problema delle tradizionali piombo sono le paste con ossidi impastati, quando quelli esauriscono la loro chimica fine dei giochi, ma il piombo, se di buono spessore, penso si possa rigenerare.
Piombo è piombo, la magia sta nella formazione e consolidamento della materia attiva.



---------------
Inverter PIP4048MS-2014, 5250W pannelli, 500A AGM

 

AlessandroT

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:4002

Stato:



Inviato il: 23/10/2018 18:22:06

Comunque per prima cosa armati di densimetro contatta la primordial e fatti dire la densità Dell acido che hanno messo nelle batterie, se il densimetro dice che sono solamente solfatate caricale a 30 volt e falle ciclare e vedi se la densità aumenta, come dice Claudio sono recuperabili al 100 percento a meno che le piastre non iniziano a sgretolarsi per qualche motivo dovuto alla formazione errata o come dice Claudio un errato consolidamento della materia attiva.



---------------
6 poly 250w. Bella stagione 4 sotto inverter pip 3024 e 2 sotto boiler 24v, inverno tutti sotto inverter. 12 batterie epzs 180ah con densità acido abbassata da 1,28 a 1,24

 

ITA815

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5522

Stato:



Inviato il: 23/10/2018 18:41:57

CITAZIONE (supermomo717, 23/10/2018 14:52:43 ) Discussione.php?215253&4#MSG49

Vie percorribili per le quali chiedo la vs. opinione:

Che modello di regolatore di carica mi consigliate in grado di fornire tensioni, correnti e tempi adeguato per questo pacco?

Mal che vada, apro i contenitori, libero le piatre da quello schifo di goldone bianco che le fagogita, le riporto per bene a lucido e riconpongo il tutto rifacendo una formazione come Dio comanda. Almeno non mi arrivino con già depositi di strano materiale bianco sul fondo.

Domande legittime ma con risposte non sicure in quanto non sappiamo cosa ci sta sotto il feltro bianco che ricopre le piastre.
Io penso che l' inverter che ti hanno venduto dovrebbe avere la funzione di equalizzazione ... se non ci sta fatti il segno della croce ...
dovresti attivare l' equalizzazione sull' inverter e vedere se tempi e tensioni corrispondono, almeno per un minimo, ai dati iU riportati sul manuale in pdf.
Dovrai fare almeno una decina di cicli di carica/scarica e vedere che salta fuori.
Se non si risolve nulla, o poco di più, allora si è obbligati ad aprire almeno una cella e liberarla dai feltri e vedere cosa ci sta veramente sotto.
Si prende la misura della superficie di una positiva e lo si moltiplica per il numero di positive di cui è composta la cella.
Tramite un programma che si trova su questo sito si calcola la superficie totale e quanto rendano veramente le piastre.
Per il processo di formazione serve un carica batterie pronto avviamento in grado di erogare oltre 20 A.
Tutto il resto è da valutare perché il piombo che viene usato per quelle celle dovrebbe essere senza antimonio ... molto più puro del mio ma ha il difetto di piegarsi, o imbarcarsi, con il tempo ... le mie piastre invece sono provviste in abbondanza di antimonio le quali diventano dure come sassi e non si piegano.
Naturalmente le mie piastre hanno meno capacità di accumulo ... anche se però arrivano a percentuali in capacità per cm^2 nettamente superiore ad altre celle ... si parla del doppio di capacità più o meno.
Per cui qualsiasi operazione di modifica della cella è solo a livello sperimentale perché non si sa a cosa si va incontro.

 

AlessandroT

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:4002

Stato:



Inviato il: 23/10/2018 21:19:06

ITA questo inverter dovrebbe poter equalizzare fino a 31,5 volt poco più di 2,62 volt per cella.



---------------
6 poly 250w. Bella stagione 4 sotto inverter pip 3024 e 2 sotto boiler 24v, inverno tutti sotto inverter. 12 batterie epzs 180ah con densità acido abbassata da 1,28 a 1,24

 

ITA815

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5522

Stato:



Inviato il: 23/10/2018 21:21:26

Speriamo ...

 

supermomo717
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:59

Stato:



Inviato il: 04/11/2019 17:34:59

Ho accantonato le plantè che hanno dato più tristezza che gioia a favore di un Kilowatt SIRIUS 3,55. Un accumulatore a supercondensatori. Tutta altra storia.



Immagine Allegata: sirius.jpg
 
ForumEA/U/sirius.jpg

 

Claudio

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:9401

Stato:



Inviato il: 04/11/2019 18:35:42

Fantastico, raccontaci un po' come va e le caratteristiche e se sai dirci cosa c'è dentro, siamo moooooolto curiosi.



---------------
Inverter PIP4048MS-2014, 5250W pannelli, 500A AGM

 

supermomo717
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:59

Stato:



Inviato il: 05/11/2019 14:15:24

Certamente, lo sto giuto provando in questi giorni, ma dato il tempo inclemente non ancora al 100%.
Cmq ha correnti di carica e scarica pazzesche, fino a 125A.
Numero di cicli estremanente alto e garanzia 10 anni, fornita direttamente dalla casa madre.
Se ne frega della temperatura con range dai -30° agli 80°
Ha un buon software di gestione con tanto di SD interna per il monitoraggio.
Si trovano facilmente online le caratteristiche, ma è nel manuale utente che si capisce veramente con cosa si ha a che fare. Anche questo lo si trova in rete.
Per ora, l'unica cosa di cui mi pento è aver speso dei soldi per le plantè, tuttavia le tengo perchè una volta cariche le uso per fornire una carica costante al modulo così da aumentarne l'autonomia.
Unico neo. Pesa un botto e costicchia.

 

Claudio

Avatar
GigaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:9401

Stato:



Inviato il: 05/11/2019 15:09:53

Ottimo, la mia era una curiosità, all'interno vi sono solo capacitor o anche batterie, tipo LiFeYPO4?



---------------
Inverter PIP4048MS-2014, 5250W pannelli, 500A AGM

 

supermomo717
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:59

Stato:



Inviato il: 06/11/2019 15:25:58

Non c'è accenno di qualcosa di diverso dai capacitor all'interno.

 
 InizioPagina
 

Pagine: (15)   1   2   3   [4]   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum