Se sei già registrato           oppure    

Orario: 22/10/2019 19:25:12  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Eolico

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (6)   1   2   3   4   5   [6]    (Ultimo Msg)


GEFEA - Generatore Eolico, Basso costo, alto rendimento
FinePagina

mimmolo76
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:16

Stato:



Inviato il: 25/3/2009,00:43

Scusate se sono un pò troppo pressante ma mi è venuta un'idea balsana:

di fatto, nel passaggio di una bobina da un magnete all'altro, non facciamo altro che ripetere la stessa operazione (la variazione di flusso) n volte per ogni giro quanti sono i magneti.
Bene e se pensassimo di rivoluzionare questo funzionamento riducendo il generatore ad un magnete solo e ad una bobina?
Ipotizzate di avere un magnete ed una bobina a sezione diciamo circolare affacciata ad esso.
Adesso immaginate di ruotare la bobina su un asse ortogonale all'asse del magete (supponete il magnete cilindrico).

Se non vado errato, quando il piano della spira sarà parallelo al piano del magnete avremo flusso massimo, quando il piano spira sarà ortogonale al magnete abremo flusso nullo. Ovvero, ad ogni rotazione di 90° avremo una variazione di flusso pari a quella che avremmo nella configurazione piggott al passaggio da un magnete all'altro.
Cos' per ogni rotazione completa della spira avremo l'equivalente del passaggio della spira su due magneti in configurazione piggott!

Siccome non posso credere di aver avuto un'idea geniale, mi dite dove sbaglio?

Ciao.

 

NonSoloBolleDiAcqua

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:13786

Stato:



Inviato il: 25/3/2009,10:27

CITAZIONE (mimmolo76 @ 25/3/2009, 00:22)
Non credete che a parità di caratteristiche magnetiche un magnete cilindrico sia più utile ai nostri scopi rispetto ad uno rettangolare?

Mi spiego, sembra che lo spessore del magnete non abbia grande influenza, più importante è la superficie offerta alla bobina, pertanto se volessimo utilizzare un magnete cilindrico di uguali caratteristiche magnetiche di uno rettangolare, ovvero con la stessa superficie e lo stesso spessore (ovvero stesso volume), otterremmo a mio avviso due importanti migliorie:
1. la superficie "radiante" si sviluppa in un'area più ristretta, pertanto potremmo utilizzare bobine più piccole
2. a parità di area, il cerchio ha una circonferenza minore rispetto al perimetro di un rettangolo. Questo significa meno effetto bordo e di fatto, poichè il flusso magnetico lo abbiamo supposto uguale, maggiore concentrazione delle linee di forza nella zona interna.

Ciao e benvenuto,
mi sembra che hai sintetizzato bene decine di messaggi.


CITAZIONE (mimmolo76 @ 25/3/2009, 00:43)
di fatto, nel passaggio di una bobina da un magnete all'altro, non facciamo altro che ripetere la stessa operazione (la variazione di flusso) n volte per ogni giro quanti sono i magneti.
Bene e se pensassimo di rivoluzionare questo funzionamento riducendo il generatore ad un magnete solo e ad una bobina?

Certo, ma occorre considerare che la produzione di fem è legata in modo lineare alla velocità di variazione del flusso...si aumentano il numero di magneti per aumentare questa variazione e quindi la velocità di rotazione. La cosa migliore è ovviamente avere un solo magnete ed una sola bobina ( risparmio economico, meccanico, peso...etc)...ma se non hai una veloce rotazione devi mettere un moltiplicatore di giri e la cosa non va più bene.

CITAZIONE (mimmolo76 @ 25/3/2009, 00:43)
Ipotizzate di avere un magnete ed una bobina a sezione diciamo circolare affacciata ad esso.
Adesso immaginate di ruotare la bobina su un asse ortogonale all'asse del magete (supponete il magnete cilindrico).
Se non vado errato, quando il piano della spira sarà parallelo al piano del magnete avremo flusso massimo, quando il piano spira sarà ortogonale al magnete abremo flusso nullo. Ovvero, ad ogni rotazione di 90° avremo una variazione di flusso pari a quella che avremmo nella configurazione piggott al passaggio da un magnete all'altro.

Giusto

CITAZIONE (mimmolo76 @ 25/3/2009, 00:43)
Cos' per ogni rotazione completa della spira avremo l'equivalente del passaggio della spira su due magneti in configurazione piggott!

Giusto

Quindi....tutto giusto...ma cosa vuoi fare? Non mi è chiaro...
Ciao
Bolle



---------------
Chi sa raccontare bene le bugie ha la verità in pugno (by PinoTux).
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

mimmolo76
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:16

Stato:



Inviato il: 25/3/2009,20:01

Ciao a tutti,

devo dire che ho preso un abbaglio sulla nuova configurazione propostache sarebbe questa:

http://www.energialternativa.info/Public/NewForum/ForumEA/3/5/1/9/2/5/3/1238006186.jpg

L'abbaglio consiste nel fatto che se ipotizziamo 6 magneti ed altrettante bobine in configurazione piggott, ad ogni giro di pala corrisponderebbero 6 x 6 = 36 variazioni di flusso.
Con la configurazione da me prospettata, otterremmo per ogni giro di pala (ovvero bobina) 2 x n variazioni di flusso dove n è il numero di coppie bobina magnete, pertanto per ottenere le 36 variazioni di flusso, avrei bisogno di 18 coppie magnete bobina.
Anche raddoppiando il numero di bobine con una configurazione una configurazione meccanica un pò più fantassiosa come quella seguente, avremmo bisogno di 9 coppie bobina magnete.

http://www.energialternativa.info/Public/NewForum/ForumEA/3/5/1/9/2/5/3/1238006187.jpg

Otterremmo un vantaggio solo nel caso di una configurazione doppia rispetto a quella precedente in cui per ogni magnete ci sono 4 bobine (scusate ma non riesco a disegnare le altre due che dovranno essere ortogonali a quelle della img precedente). In tal caso, con 6 magneti avremmo 4 x 2 x 6 = 48 variazioni di flusso. Ovviamente se al posto di 4 bobine per magnete riuscissimo a posizionarne 8 la cosa sarebbe ancor più interessante.

Forse è possibile cambiare l'elemento rotante e supporre le bobine ferme ed i magneti rotanti come in questa configurazione:

http://www.energialternativa.info/Public/NewForum/ForumEA/3/5/1/9/2/5/3/1238006188.jpg

così risolviamo il problema dello spazio necessario ad avere 8 bobine rotanti intorno ad un magnete e pure il problema dei terminali delle bobine che si attorciglierebbero nella loro rotazione ma ci vorrebbero dei magneti in grado di creare un campo direzionale ortogonale su due faccie contrapposte e nullo sulle altre.
Resta comunque uno spazio maggiore tra magnete e bobina rispetto alla configurazione classica dovuto alla rotazione dei magneti che non potranno essere cilindrici.

Scusate la prolissità,

mimmolo

 

mimmolo76
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:16

Stato:



Inviato il: 25/3/2009,20:17


Ora che ci penso, avremmo un risultato ancora migliore in termini di magneti/energia traformata se pensassimo di duplicare il disco portabobine della configurazione piggott posizionandolo dalla parte simmetricamente opposta al disco magneti in modo da intercettare il flusso che nel GEFEA veniva convogliato con il ferro a C.
Credo tutto dipenda dal'efficienza del convogliatore ma qui mi arrendo, non saprei confrontare l'efficienza del convogliatore rispetto all'efficienza del secondo disco di bobine.

il mio pensiero è un pò incasinato ma si dovrebbe capire.

 

NonSoloBolleDiAcqua

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:13786

Stato:



Inviato il: 26/3/2009,10:59

mimmolo,
ad esser sincero non ho capito...il movimento è comunque relativo...ma un relativo fisico...cioè non è importante chi sta fermo o chi si muove...in genere nei generatori eolici a muoversi sono i magneti...per problemi di connessioni tra bobine...per il resto se metti due bobine fisse con un magnete che ruota...fai quello che ha fatto aricco ...ho capito male?
Ciao
Bolle

Comunque, leggendo gli ultimi interventi sul forum, mi sembra che ci sia confusione (anche tra i più esperti del settore)sulla trasformazione di energia meccanica in energia elettrica:non possiamo pensare di estrarre energia elettrica senza l'equivalente di energia meccanica...sintetizzo:è facile progettare un generatore ad 500W con magneti e bobine...ma poi chi lo spinge?Se non si ha sufficiente forza...si inchioda...(come dice proxy) buttiamo il denaro in rame, magneti...realizzando qualcosa che potrà mai generare così tanto faccine/smile.gif
Bolle



---------------
Chi sa raccontare bene le bugie ha la verità in pugno (by PinoTux).
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

mimmolo76
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:16

Stato:



Inviato il: 26/3/2009,12:49

Ciao Bolle,

scusa tanto se la mia spiegazione non è stata molto chiara.
Hai ben capito, mi sono accorto troppo tardi dell'idea di arricco sul generatore "sandwich", è di fatto la realizzazione meccanica di quello che avevo in mente io.

In merito all'energia ricavabile, non ti preoccupare è l'unica cosa che sò bene, non a caso nei miei post, quando parlavo di energia, ho sempre aggiunto l'aggettivo "trasformata".
Nonostante questo, se è vero che non ha senso costruire un generatore da 500W se non ne ho almeno il doppio a disposizione come energia meccanica, è anche vero che trovata la soluzione più "efficiente" in assoluto, si potrà adattarla o meglio "scalarla" alle necessità di potenza volute. Quello che è importante è trovare la soluzione più economica a parità di performance, poi il dimensionamento verrà di conseguenza.

Ma state proseguendo con gli esperimenti sul GEFEA?

mimmolo.


 

NonSoloBolleDiAcqua

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:13786

Stato:



Inviato il: 26/3/2009,13:49

CITAZIONE (mimmolo76 @ 26/3/2009, 12:49)
Ma state proseguendo con gli esperimenti sul GEFEA?
mimmolo.

Certo certo...si va piano ma lontato...almeno si spera!!!faccine/biggrin.gif
Bolle



---------------
Chi sa raccontare bene le bugie ha la verità in pugno (by PinoTux).
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

maxdef
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:998

Stato:



Inviato il: 18/3/2011,10:38

...che fine ha fatto il progetto GEFEA?...si è arenato?...esiste un prototipo funzionante?

 

biass

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:365

Stato:



Inviato il: 26/3/2011,19:49

con delle saldature funziona lo stesso? e mettendo una forma appuntita o una barra filettata come ricettore del magnete?


ForumEA/us/img17/8482/suppgefea.jpg



 

franc33
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1

Stato:



Inviato il: 28/4/2011,13:21

Mi sono appena iscritto e ho cominciato a leggere pazientemente questo thread, per imparare
ed eventualmente impostare la realizzazione dell'alternatore.Vedo però che la cosa si è
fermata da tempo e non ho letto il perchè.

Qualcuno può darmene notizia, posso sperare nella continuazione ?

grazie

franc



---------------
franc

 

freccialuigi
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2

Stato:



Inviato il: 1/7/2012,13:22

buongiorno a tutti
Qualcuno può spiegarmi che proporzione esiste tra quantità di magneti permanenti e quantità di ferro che li supporta ?
grazie

 

NonSoloBolleDiAcqua

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:13786

Stato:



Inviato il: 2/7/2012,21:29

Perdonami ma non ho capito la domanda.
Ciao
Bolle



---------------
Chi sa raccontare bene le bugie ha la verità in pugno (by PinoTux).
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

rood73
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2

Stato:



Inviato il: 9/7/2012,20:33

Forse intendeva il peso del disco portamagneti (spessore, diametro...)

 

everblue
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2

Stato:



Inviato il: 31/8/2013,10:13

fin qui l'argomento era di estremo interesse; peccato che sia finito così senza una ragione .......
a questo punto l'unica domanda che resta è "come fare a contattare bolle per avere lumi?"

 
 InizioPagina
 

Pagine: (6)   1   2   3   4   5   [6]    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum