Se sei gi registrato           oppure    

Orario: 14/10/2019 20:44:24  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Applicazioni E Realizzazioni Pratiche

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (55)  < ...  13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   [23]   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33  ...>    (Ultimo Msg)


Caricabatterie desolfatante?
FinePagina

kyvan
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:111

Stato:



Inviato il: 6/5/2011,13:53

CITAZIONE (Ferrobattuto @ 6/5/2011, 14:03)
Mi viene da pensare che hai un elemento in corto..... Con gli altri che stanno al massimo.

col tester riesco a verificarlo? se si, come?

 

Erygold
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:36

Stato:



Inviato il: 6/5/2011,20:57

faccine/bye2.gif
Salutoni a tutti..
un messaggio per Kekko..
sei riuscito a reperire i materiali per costruirmi un desolfattatore come quello di keyosz..
SE non ce la fai tu fammi contatare da chi puo costruirmelo..
mi serve per recuperare delle batterie che non mi danno la potenza giusta..

POi una domanda tecnica,,mi ha detto un elettrauto
che per controllare se una batteria e in corto bisogna caricarla con un amperaggio elevato e controllare che tutti gli elementi friggano ..
E? vero o no..a me mi sembra una palla..

Di nuovo salutoni a tutti

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 6/5/2011,21:41

Per Kyvan:
Dovresti poter toccare, con un paio di basoncini di rame o di ferro, dentro gli elementi coi tappi aperti, i ponticelli che collegano le piastre tra loro. In questo modo vedi le il voltaggio di ogni singolo elemento. In alcune batterie si pu fare, in altre no. Guardando dentro dal buco di rabbocco senza il tappo dovresti vedere una specie di striscia di piombo che collega tutte le piastre dello stesso segno e toccando anche quelle della cella adiacente vedi la differenza di potenziale. Purtroppo se una sigillata, una al gel o una AGM non si pu fare......

Per Erygold:
Quell'elettrauto NON ti ha detto una palla, ti ha solo spiegato un sistema per provarlo senza sfasciare la batteria. Ovvio che la corrente dovrebbe essere proprio alta, tipo per una batteriada 40Ah caricarla per un attimo con 40 o 50A, poi lo puoi vedere solo durante i primi minuti di carica, che dopo un po' in quel modo friggono tutti.
Un sistema ugualmente efficiente ma pi "distruttivo" invece consiste nel mettere in corto la batteria per pochi secondi con un cavo da avviamento: l'elemento in corto frigge immediatamente. Dopo qualche secondo friggono tutti, ma questo normale.
Perch non provi a fartelo da te il desolfatatore? Anche se non sei capace, sempre tempo di imparare..... Mai avere fretta. In ultimo, se giri per il forum dove si parla di desolfatatori, trovi che qualcuno ha anche realizzato il disegno dello stampato, anche se cos su due piedi non so dirti in quale discussione, e in quel caso facile farlo anche da se.
Saluti.
Ferro

 

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 6/5/2011,23:38

x Erygold, i pezzi ce l'ho se per te va bene con un centinaio di euro te lo faccio, o al limite se non ho tempo te lo faccio fare da un amico che ne ha gi fatti molti.
Se poi vuoi tentare a fartelo da solo sicuramente avrai una bella soddisfazione in caso ci riuscissi, fammi sapere.

Saluti kekko



---------------
L'universo dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio ci che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

enricopiozzo
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:33

Stato:



Inviato il: 7/5/2011,07:05

ho visto che avete messo lo stampato, ma comesi fa a realizzarlo?

 

Erygold
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:36

Stato:



Inviato il: 7/5/2011,09:20

Salutoni a tutti..

kekko.facciamo cosi.
visto che anche tu mi consigli di provarci..
qualche saldatura con componenti elettronici mi riesce di farla..
non ci capsco niente pe quanto riguarda le misurazioni..elettroniche..
ma se mi dai una mano qualcosa come si dice qui da noi riesco a spacciucare
l'alimentatore ce l'ho addirittura mi fa 1 60 -12-e24 volt stabilizzati e di un vecchio caricabatterie .percui potrei usare quello..

mi manca la lista degli altri componenti..se fosi cosi gentile da postarmela
per lo stampato o visto che stato costruito su una piasstrina mille fori
cosa che anche a me torna bene perch per fare le piste conto i forellini della foto..

tu i componenti non li buttare che se non ci riesco te lo faccio fare a te..
di nuovo salutoni a tutti..

per <kekko
pardono l'alimentatore 6 -12-24 volt non 60 come nel post precedente.

 

linlinlin
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:11

Stato:



Inviato il: 18/5/2011,18:13

ho costruito il desofatore di keyosz
come carico ho messo due resistenze in parallelo da 33 hom 17W , quindi 16,5 hom per 34watt , ma esse scaldano terribilmente! dopo meno di un minuto;
so che normale che scaldino ma dopo 10 minuti lo sono veramente troppo

per contro l'integrato e il diodo , con il loro piccolo dissipatore sona appena tiepiducci.

ho risolto sostituendo le resistenze con una lampadina da 5 watt (luci di posizione auto).

ho notato questo:
quando collego le resistenze la tensione ai capi della batteria solfatata che sto usando per fare i test, tende a calare , quando collego la lampada da 5 watt torna lentamente a salire, siamo partiti da 12,22 V ora siamo a 13,07V dopo 24H .
normale oppure inutile continuare perch c' qualcosa che non va?

grazie

ciao Lino

P.S. stamane la tensione salita a 13,29

P.P.S. venerdi mattina (tre giorni e mezzo dall'inizio) la tensione non sale pi, ho staccato il desolfatore , la tensione ai capi della batterie di quasi 15 volt

ho collegato un motore elettrico di una ventola di raffreddamento di una peugeot 406 , dopo circa 10 minuti la tensione inizialmente calata poi ritornata sopra i 14 volt , ora aspetto di provarla sotto un'auto

una annotazione, con il desolfatore attaccato non ho mai registrato pi di 13,29 , regolare??







Modificato da linlinlin - 20/5/2011, 10:25
 

alessandrogambi
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:8

Stato:



Inviato il: 18/5/2011,21:10

Se pu essere utile ho realizzato il pcb con eagle che rendo disponibile.
E' disponibile anche l'immagine (attenzione alle scritte - LR il lato rame).
Purtroppo non riesco a fare l'upload con ImageShack e non voglio effettuare l'ennesima iscrizione all'ennesimo porta spam.
Se una buona anima gi iscritta li vuole da pubblicare.... mi scriva!

ForumEA/us/img718/5295/circuitostampatodesolfa.png





Modificato da PinoTux - 14/11/2014, 17:58:54
 

enricopiozzo
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:33

Stato:



Inviato il: 19/5/2011,06:35

scusa la mia ignoranza in materia, ma come fai a realizzarti quella base in casa?

 

linlinlin
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:11

Stato:



Inviato il: 19/5/2011,09:46

CITAZIONE (enricopiozzo @ 19/5/2011, 07:35)
scusa la mia ignoranza in materia, ma come fai a realizzarti quella base in casa?

la stampi laser su "2" lucidi in acetato

ritagli e sovrapponi perfettamente i 2 lucidi
li metti sopra una basetta presensibilizzata (dopo aver tolto la pellicola protettiva faccine/tongue.gif e lavorando con una luce rossa)
metti il tutto per qualche minuto sotto la luce diretta di una lampada alogena ( il tempo di esposizione cambia a seconda della potenza della lampada e da quanto vecchia la basetta)( attenzione tra la lampada e la basetta con sopra i lucidi non ci deve essere alcun vetro)
metti tutto per 2 minuti in 500cc di acqua con un cucchiaino raso di soda caustica (al buio)
poi in una bacinella di plastica con una soluzione di acido muriatico 40% acqua ossigenata 60% ed un pezzo di Alluminio , di tanto in tanto muovi la bacinella per far saltar via le bollicine che si formano sulla basetta e vai avanti finch non viene fuori il disegno del circuito ( attenzione alla puzza) .
fai i fori ed fatta! faccine/clap.gif


per maggiori dettagli googla "circuiti stampati in casa"

 

alessandrogambi
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:8

Stato:



Inviato il: 19/5/2011,18:49

giustoooo

 

linlinlin
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:11

Stato:



Inviato il: 21/5/2011,07:52

ho scoperto che il mio tester digitale vicino ai trasformatori da i numeri quindi tutte le misurazioni fatte sono aim sballate.

munito di tester analogico, ice 2820R, ho ricominciato tutto da capo;
il mio desolfatore made in keyosz, collegato ad un caricabatterie 8A fatto con trasformatore ponte a diodi e amperometro , ha due possibilit di carica 12 e 24 volt

bene a 12,4 volt in ingresso riesco ad avere con una batteria carica 14 volt scarsi con il trimmer a massimo e 14,5 con ingresso a 24volt .
a 24 raggiungo 14,5 Volt circa ma scalda tutto, compresa la bobina, e in ingresso leggo una tensione di 35volt????

come carico uso una lampadina da 20 watt, le due resistenze da 33hom 17 watt in parallelo riscaldano troppo e dopo un po puzzano

in base alle Vostre esperienze tutto normale??
come faccio ad aumentare di qualche decimo di volt la tensione in uscita del desolfatore ora che il trimmer al massimo ??

grazie in anticipo all'anima pia che mi risponder

ciao
Lino




Modificato da linlinlin - 21/5/2011, 10:44
 

fly1971

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:500

Stato:



Inviato il: 21/5/2011,10:12

Molti usano questo schema su batterie recuperate ,ovviamnete che siano integre e senza corti , ma in molti casi a me successo che in primo momento la batteria sembrava senza corti , beh !iniziato un ciclo di desolfatazione con il desolfatore "classico" e un caricabatteria batteria da 0,5A pe ril mantenimento, mi sonoa ccorto che dopo un p la batteria andava in corto, forse perch con il trattatamento si "risvegliavano" dei corti, con il risultato che il piccolo caribatteria si scalda parecchio e lavoro inutile.
Pensavo e se si montasse una sorta di spia che mi indica se la batteria v in corto? durante il trattamento, sappaiamo che se c' un corto anche quando attacchiamo un caricabbetria la tensione non sale di 13,8V-2,1V*cella in corto , quindi se in corto 1 cella abbiamo che v aoltre i 11,8-12V se con 2 celle non oltre i 9,8-10V
Quindi usando un amp-op 741 con un partitore resistivo e un led , mi segnala se la tensione sopra i 12V durante la carica acceso , se scende sotto i 12V c' qualche problema o un corto in atto.
Se si vuol adattare al circuito di keyous come si potrebbe fare?
c' di mezzo la tensione impulsiva, quindi servirebbe un condensatore per livellare e inviare all' amp-op e con confrontarla con il partitore , oppure non necessario, la batteria stessa f da condensatore e tende livellarmi gli impulsi.
Mettere questa spia pu essere comodo durante la fas edi trattamento e vedere se la batteria integra o si sono creati dei ponti.

 

linlinlin
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:11

Stato:



Inviato il: 22/5/2011,19:54

faccine/sad.gif faccine/sad.gif faccine/sad.gif fatta enorme ca***ta , forzato troppo e batteria in corto, era quasi fatta , ho risolto quasi tutti i problemi, sbagliavo il metodo di taratura iniziale, per questo si riuscaldava tutto, ora devo raffreddare un po le resistenze che scaldano poi mi procuro un'altra batteria e vediamo come va
faccine/construction.gif

ciao lino


 

arturocheceladuro
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2

Stato:



Inviato il: 26/5/2011,22:23

MODERAZIONE: Il tuo messaggio stato cancellato, in quanto ingannevole e offensivo.

Kekko





Modificato da kekko.alchemi - 27/5/2011, 22:39
 
 InizioPagina
 

Pagine: (55)  < ...  13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   [23]   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33  ...>    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum