Eolico
Regolatore ibrido Eolico fotovoltaico e altre fonti ,Perfezionamento del mio regolatore dopo patatrac

VISUALIZZA L'ALBUM

Pag: (5)   1   2   3   [4]   5    (Ultimo)


FinePagina

eneo

Avatar
GigaWatt


Utente
Msg:2068

Stato:



Inviato il: 9/5/2009,09:38

il collaudo e' stato positivo, a breve faccio una nuova versione completa di tanti accessori utili per noi appassionati....a breve se tutto va bene lo metto in commercio....

 

maxdef
GigaWatt


Utente
Msg:998

Stato:



Inviato il: 11/5/2009,13:11

CITAZIONE (eneo @ 9/5/2009, 10:38)
....a breve se tutto va bene lo metto in commercio....

....se è ad un prezzo "equo solidale" mi prenoto faccine/tongue.gif....anche se,spero non me ne vorrai,ma questa affermazione stona con lo "spirito" di questo forum....o perlomeno per come la vedo io faccine/wink.gif




Modificato da maxdef - 11/5/2009, 15:46
 

eneo

Avatar
GigaWatt


Utente
Msg:2068

Stato:



Inviato il: 12/5/2009,16:26

ciao max puo' darsi.......
mi sono sempre ritrovato ad affrontare parecchi problemi di affidabilita' dell'impianto e di gestire il tutto in maniera automatica tutto il sistema, ora ci sono riuscito....e per lo piu' ottimizzando al massimo i consumi, il regolatore, se cosi' si puo' chiamare, e' indipendente dalla rete enel ed e' particolarmente adatto per case isolate come baite o casette di campagna, per eolico o ibrido.
brevemente anticipo in linea di massima quello che il regolatore multifunzione fa':
1 - regolatore di carico in derivazione a doppio stadio con la possibilita' di aggiungere un carico come una elettropompa che solleva l'acqua nei momenti piu' ventosi.
2 - scambio in automatico tra enel-eolico mediante l'inserimento di valori di tensione di max e min inseriti dall'utente, possibilita' di esclusione di questa funzione.
3 - tasto per spegnimento regolatore.
4 - tasto per accensione in manuale dell'energia accumulata
5 - led verde energia eolica in funzione
6 - rilevatore di black out, in questo caso l'impianto commuta direttamente l'energia accumulata in casa.
7 - led rosso acceso black out
8 - rele' crepuscolare per accensioni luci esterne a 12 o 24v
9 - funzione di equalizzazione in modalita' automatico o spento.
10 - funzione di programmazione settimanale
11 - funzione di autodiagnostica manuale
12 - visualizzatore istantaneo della corrente, con visualizzazione della media mensile e annuale.

 

tommy_sp
milliWatt


Utente
Msg:13

Stato:



Inviato il: 12/5/2009,17:10

ciao eneo, complimenti per il lavoro, preciso e davvero versatile! faccine/smile.gif

anch'io ora che ho praticamente ultimato il gen eolico vorrei passare ad un sistema di regolazione "digitalizzato" come il tuo.. il mio shunt scabeccio mi fa tremare ogni volta che viene del vento un po' piu forte... faccine/dry.gif

perciò quoto max, se davvero lo commercializzerai anch'io ne voglio uno!!!

ciao faccine/smile.gif

 

fa_1976it

Avatar
Watt


Utente
Msg:68

Stato:



Inviato il: 14/5/2009,12:12

CITAZIONE (eneo @ 9/5/2009, 10:38)
il collaudo e' stato positivo, a breve faccio una nuova versione completa di tanti accessori utili per noi appassionati....a breve se tutto va bene lo metto in commercio....

Hai mica anche qualche generatore alla Piggot da vendere?

fabrizio

 

eneo

Avatar
GigaWatt


Utente
Msg:2068

Stato:



Inviato il: 14/5/2009,13:11

CITAZIONE (fa_1976it @ 14/5/2009, 13:12)
Hai mica anche qualche generatore alla Piggot da vendere?

fabrizio

no quelli li tengo per il 2012 faccine/bye2.gif ...non si sa mai....sono come ighina che smonta e rimonta le proprie apparecchiature... faccine/diespam.gif

 

eneo

Avatar
GigaWatt


Utente
Msg:2068

Stato:



Inviato il: 8/6/2009,11:01

buongiorno a tutti, che dire sono stati quattro giorni di vento super con l'inverter sempre collegato alle luci...magari fosse sempre cosi'....
sabato inoltre i venti sono stati talmente eccezionali da mandarmi il generatore fuori giri....il sistema a plc ha funzionato a meraviglia dissipando molte volte 500w di energia di subero su lampadine auto....altro che mosfet....
essendo troppo forte il vento ho messo in corto il generatore, ma non tutte e tre le fasi, sono avaro di energia anche in caso di tempesta...in modo che con una fase in corto le altre due caricavano il pacco batterie con il generatore leggermente frenato...il corto lo effettuato dopo i ponti....da considerare che l'alternatore e' composto da una coppia di tre fasi....il risultato e' stato che il sistema era piu' rumoroso e avendo la meta' di potenza per fase il corto si puo' effettuare tranquillamente con un semplice rele' da auto da 25-30A, le scintille sono meno evidenti.
domenica che il vento era leggermente piu' calmo, ho effettuato altri test sempre con le fasi, ho elimanto una fase per vedere il guadagno sia in velocita' e sia in coppia, l'aumento c'e' stato...pero' come previsto sono aumentati i rumori e le vibrazioni...penso che con un alternatore radiale il fenomeno diminuisca....per via delle dimensioni ridotti.
ho avuto un po' di tempo per controllare il nuovo regolatore, ho eliminato anche l'equalizzatore, ho notato aprendo le batterie un po' di sostanza bianca galleggiante, ho paura che con l'equalizzazione possa mandare in corto qualche piastra specialmente su batterie usate....comunque se si ha a disposizione un desolforatore il problema non sussiste..
ho inserito una funzione di risparmio energia al sistema per preservare e aumentare l'efficienza delle batterie....devo spremere al meglio ogni watt dal generatore..

 

rasus
milliWatt


Utente
Msg:1

Stato:



Inviato il: 14/6/2009,17:40

ciao a tutti complimenti per i lavori svolti da voi tutti ho letto con attenzione ogni singolo post dall inizio alla fine ed è stato molto costruttivo ^^ in ogni caso sono alquanto ignorante in campo eolico (sono specializzato in quello fotovoltaico) e vorrei dire la mia su alcuni punti..il controllo tramite plc è ottimo anche se esistono gia in commerci deviatori automatici per lo scambio eolico (o fotovoltaico)-enel e si applica all uscita dell inverter...ho letto poi che usate inverter ad onda modificata...usateli solo per lampade a risparmio energetico o carica batterie...per il resto è sconsigliato l uso ^^
Credo proprio che ora mi dedicherò anche io alla costruzione di una paletta eolico XD cosi dò una mano a questi poveri pannelli
buon lavoro a tutti

 

fly1971

Avatar
MegaWatt


Utente
Msg:523

Stato:



Inviato il: 14/7/2009,17:03

Ciao eneo, ma il progetto della centralina con gestione PCL, ne presententi una copia dello schema per chi ha un pò di competenza di elettronica e vuole cimentarsi nell'autocostruzione o ne fai solo una versione commerciale?



---------------



 

eneo

Avatar
GigaWatt


Utente
Msg:2068

Stato:



Inviato il: 15/7/2009,07:13

ciao fly, non penso che ne faro' una versione commerciale, anzi e' gia' troppo che funziona la prima versione, ancora non ho avuto tempo di apportargli le modifiche opportune, vedo entro stasera di scrivere quello che ho in mente da fare....

 

eneo

Avatar
GigaWatt


Utente
Msg:2068

Stato:



Inviato il: 15/7/2009,15:01

il sistema e' costituito da un plc che legge costantemente tramite resistenze e condensatore la tensione sulla/e batteria/e....le sue funzioni sono queste:
1 - accensione inverter 12cc-220vca dopo aver prefissato un valore settabile dall'utente, esempio superato la soglia dei 13.4v si accende l'inverter....
2 – regolatore del carico in derivazione a doppio stadio , il primo stadio e' settabile attraverso la selezione della tensione ed e' ritardato tramite un'altro parametro sempre settabile in secondi. il ritardo e' stato aggiunto perche' senno ' i rele' suonarebbero' la maracas e andrebbero a farsi friggere in poco tempo, non so se mi spiego.
il secondo stadio invece e' settabile solo la tensione mentre per il ritardo e' impostato ad un secondo.
il primo e il secondo stadio attivano dei rele' a 12v o a 220v, quello che avete, per la derivazione dei carichi su resistenze o altre utenze.
ho aggiunto due stadi per avere una resa migliore del sistema visto che di solito non abbiamo sempre il vento al massimo, il primo stadio puo' essere calcolato sulla velocita' media esempio se il generatore a 5 ms produce 100w sui rele' ci attacco due lampadine a 12v da 55w....sul secondo stadio invece devono essere attaccate resistenze o carichi che assorbano tutta la potenza del generatore....
ho pensato a due stadi perche' sul primo, che e' quello che si attivera' con maggior frequenza, ci si puo' attaccare delle piccole utenze come ad esempio una piccola pompa per l'acqua cosi quando c'e' parecchio vento la pompa manda l'acqua dal pozzo in un raccoglitore e utilizzare per annaffiare il proprio giardino.
3 – scambio automatico enel-eolico con la selezione della tensione del minimo e massimo, esempio voglio che faccia lo scambio quando la batteria mi segnala 13.4v enel-eolico e che quando poi scende al di sotto dei 12v mi fa' di nuovo lo scambio eolico-enel.
lo scambio avviene con impostazioni ritardati e selezionabili dall'utente in secondi.
i due rele' a 220v sono normalmente aperti in fase normale per abbassare il consumo, non ci sara' mai l'errore che le due correnti si possano incontrare, vedi schemino di bolle.....
i due rele si attivano soltanto con lo scambio e solo quando le batterie sono cariche e andranno ad energia eolica, io li ho messi a 220V.
possibilita' di escludere questa funzione, per ottimizzare l'impianto quando non ci siamo in casa, in questo caso l'inverter si accende a 0.3v prima della soglia impostata dal primo stadio e si spegne dopo 10 minuti se la tensione rimane in questa frazione al di sotto dei 0.3v tensione primo stadio....
4 – tasto per spegnimento plc, non e' un reset e il plc non si spegne del tutto va solo in letargo, questo per permettere di fare manutenzione senza ricevere una scossa elettrica nel caso che interviene con del forte vento....
5 – tasto per accensione in manuale dell'energia eolica, tutte le funzioni sono attivate tranne quella dello scambio.
6 – led verde in caso di accensione dell'energia eolica.
7 – rilevatore di black out, nel caso ci sia una interruzione dell'energia eletterica il sistema che legge sempre la tensione a 220v fa partire in automatico la corrente eolica, in questo caso si accende un led rosso, l'energia comunque si accendere e si spegnera' sempre entro i valovi impostati con lo scambio enel-eolico.
8 – funzione crepuscolare, un rele' si attiva ogni sera ed e' impostabile dall'utente, esempio voglio che si accende dalla 9 di sera fino alle 5 di mattina o fino ad esaurimento della tensione minima della batteria precedentemente impostata sullo scambio. questa impostazione accende un rele' a 12v oppure a 220v a secondo delle lampadine che si useranno.
9 – funzione di equalizzazione, questa funzione permette una fase di carica piu' alta di 1v sulle funzioni gia' preimpostate sul primo e secondo stadio, max 15v, questa funzione viene effettuato una volta al mese fino al raggiungimento delle due ore di tempo totale. con questa funzione attivata tutto il resto rimane spento ad eccezione dell'inverter che fa' intervenire i rele' per i carichi in derivazione. la funzione deve rimanere spenta quanto la programmazione settimanale e' attivata.
come detto qualche risposta prima ho eliminato questa funzione, ma penso che con un sistema combinato eolico-fotovoltaico debba rimanere.
10 - funzione di programmazione settimanale, possibilita' di attivare giorno per giorno una utenza, molto utile per case isolate e baite di campagna, esempio voglio che il sabato alle ore 18 si attivi il sistema con tutte le utenze collegate, esempio un piccolo frigorifero in casa al mare, oppure una stufa a pellet in una baita di campagna.....
11 - funzione di autodiagnostica, con un tasto in manule o una volta al mese il plc fa partire tutti rele' una alla volta ad un intervallo di due secondi in modo che l'utente puo' vedere se funziona oppure in automatico il plc legge le tensioni su ogni rele', se questo si discosta va in protezione e blocca l'impianto..
12 - amperometro e visulizzatore della corrente in ampere attraverso una resistenza shun il plc legge la caduta di tensione che avviene ai due capi e ne rileva la corrente...

ormai sono mesi che il plc funziona, ma non con tutte le funzioni sopra elencate, e penso che il sistema sia valido anche se un po' lento rispetto ad uno elettronico, in compenso e' piu' duraturo, piu' malneabile, i pezzi di ricambio come i rele' 12 o 220 sono facilmente reperebili...ecc....per lo schema devi attendere e anche per la versione definitiva, se vuoi posso fornirti i dati da inserire nel plc ma in questo caso ti servira' la chiavetta per il trasferimento dei dati....ciao ciao

 

eneo

Avatar
GigaWatt


Utente
Msg:2068

Stato:



Inviato il: 21/7/2009,07:46

l'altro giorno mi e' venuto in mente, visto che le fasi dell'alternatore lo permetteno, di utilizzare due fasi delle sei disponibili per caricare in maniera separata delle batterie, diciamo una zona di ricovero per batterie da inserire con un desolforatore....in questo caso devo agiungere un altro ingresso al plc che mi legge la tensione e un piccolo deviatore di carico per la potenza in ecceso....
oltre a questo mi e' venuto in mente anche un'altra idea di come dissipare l'energia in eccesso, in casa mia, far partire delle ventole di areazione poste su alcune tubazioni che escono dalle fondazioni, queste sono cave e dentro c'e' sempre condensa.....

 

eneo

Avatar
GigaWatt


Utente
Msg:2068

Stato:



Inviato il: 24/9/2009,07:36

Ancora un patatrac.
Ieri sera, dopo un po’ di giorni che vedevo che l’impianto non andava a eolico, pensando che forse c’era stato poco vento, ho abbassato la soglia di intervento di commutazione del plc, i due rele’ hanno iniziato a fare accendi e spegni……
Ho pensato ecco qua si e’ rotto il plc, ma invece no, mi e’ andato in corto l’inverter….
Succede che il plc mantiene attivo un rele’ a 220v enel, quando commuta accende prima l’inverter e poi la 220v modificata fa attivare l’altro rele’, l’inverter andando in corto mi abbassava terribilmente la tensione della batteria al di sotto della soglia del plc facendo attaccare e staccare l’impianto.
Un’altra volta ma perche’???? e sono tre…..
Basta a spendere soldi, ma come si puo’ fare per alimentare le luci senza costosi e sofisticati circuiti elettronici.?
Una lampadina a basso consumo a 220v puo’ funzionare con corrente continua e quanta tensione gli serve??
Avere energia e non poterla usare e’ proprio demoralizzante…..
Non ho proprio idea come fare…..
Tutti i suggerimenti sono graditi….

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Utente
Msg:4117

Stato:



Inviato il: 24/9/2009,07:44

CITAZIONE (eneo @ 24/9/2009, 08:36)
Una lampadina a basso consumo a 220v puo’ funzionare con corrente continua e quanta tensione gli serve??

Una lampadina a basso consumo funziona anche a 300V continui, ossia la 230 raddrizzata, che dentro ha un ponte raddrizzatore, per cui funziona anche a corrente pulsante, onda quadra, onda modificata ecc. ecc.
Puoi usare quelle a bassa tensione, così non devi trasformare niente, oppure procurati (o farti.... sono facili da fare) un inverterino in onda quadra.
Ancora non ho modo (ne soldi) per mettere mano al mio impianto autonomo, ma stai sicuro che , anche a scapito dei rendimenti, (il sole e il vento sono gratis....) tutte quelle sofisticazioni elettroniche non ce le metterò. E' sempre e comunque una mia scelta....
Saluti.
Ferro

 

eneo

Avatar
GigaWatt


Utente
Msg:2068

Stato:



Inviato il: 24/9/2009,09:53

hai ragione ferro, se compri inverter e altri apparati elettronici si allunga l'ammortamento e se si rimpono non ne parliamo, dove sta piu' la convenienza?
l'inverter sta in garanzia vedremo.
questa e' la mia idea se puo' andare.
penso che trasformero' l'impianto luci a 24v con lampadine a bassa tensione, da fare a piu' fasi, prima quelle esterne e poi quelle interne alla casa.
ho l'impianto elettrico strutturato in modo che ho parecchie zone distinte e separate dalla linea prese e luci, pertanto farlo un po' alla volta non mi risulterebbe troppo faticoso per le tasche.
pero' ci sono alcune cose da fare.de
1 - quando non e' attivo l'impianto a 24vcc bisogna alimentare le luci con la rete enel utilizzando un trasformatore 220-24v e un radrizzatore, anche se la tensione non e' perfettamente a 220v le lampadine dovrebbero funzionare tranquillamente perche' hanno un range di lavoro variabile.
2 - la caduta di tensione su un cavo da 2.5mmq e' trascurabile come anche quello da 1.5mmq le correnti in gioco sono nell'ordine di 0.5-1A per lampade a 11w o doppi come nelle comuni plafoniere. la caduta si aggirano sul 10% con 50mt di cavo.
3 - per l'alimentazione del plc serve un'alimentazione a 12v facilmente realizzabile con un semplice alimentatore stabilizzato.
4 - protezioni in caso di malfunzionamento dell'impianto uno per il plc e uno per il trasformatore. su questo mi dovrete dare una mano perche' non so cosa fare.

 
 InizioPagina
 

Pag: (5)   1   2   3   [4]   5    (Ultimo)

Versione Completa!

Home page     TOP100-SOLAR    Home page forum