Se sei già registrato           oppure    

Orario: 20/09/2021 03:17:34  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Discussioni Ambientali

Pagine: (3)   1   2   [3]    (Ultimo Msg)


Cause e Cure della malattia di Alzheimer
FinePagina

Ricercatore1

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:431

Stato:



Inviato il: 17/06/2021 15:40:26

Allora, cerco di spiegarmi meglio ripetendo che, ESISTE UN MECCANISMO DI AZIONE DELL'OSSIGENO PARAMAGNETICO ANCORA SCONOSCIUTO ALLE SCIENZE, ED E' IL SEGUENTE. Riflettiamo prima sull'IDROGENO: questo gas è facilmente IONIZZABILE, volendo dire che si verifica il distacco dell'unico elettrone dell'Idrogerno per effetto di un minimo calore di circa 55°C. Al raggiungimento di questa minima temperatura l'elettrone dell'Idrogeno viene "strappato" determinando l'Elettromagnetismo dell'Idrogeno, ATTIVANDO CONTEMPORANEAMENTE LE REAZIONI FISICHE CON IL PARAMAGNETISMO DELL'OSSIGENO, PRODUCENDO IN QUESTO MODO L'ENERGIA ELETTRICA (o elettrochimica) la quale è presente nell'Aria e anche nel Sangue.
Possiamo quindi essere certi che, nel sangue l'energia elettrochimica prodotta dall'Idrogeno Elettromagnetico e l'Ossigeno Paramagnetico determina i POTENZIALI d'AZIONE (impulsi elettrochimici) i quali sono necessari per le Attività Cerebrali, Cardiache, e Muscolari.

Per questo motivo, un'aumento di Ossigeno Disciolto Paramagnetico nel sangue, il quale aumento si può ottenere o con le Ossigenoterapie, oppure con l'Attività Fisica Aerobica, determina un'incremento di energia elettrochimica nel sangue consentendo l'attivazione dell'automatismo neurofisiologico che produce la RIGENERAZIONE CELLULARE, dunque crescono Nuove Cellule del Cervello e nuove cellule degli altri organi del Corpo consentendo così la regressione della eventuale Malattia di Alzheimer o altre patologie degenerative.

Capisco però che, per il momento è difficile accettare queste che considero certissime realtà non ancora conosciute dalle Scienze, per averne una dimostrazione è però abbastanza facile, E' NECESSARIO AUMENTARE I LIVELLI DI OSSIGENO DISCIOLTO NEL SANGUE (aumento progressivo della pO2 arteriosa) UTILIZZANDO PER ESEMPIO LA OSSIGENOTERAPIA IPERBARICA, in questo modo crescono Nuove Cellule del Cervello, determinando la Neurogenesi, e si ottiene anche la guarigione dalla Malattia di Alzheimer.
Buona Vita



Modificato da Ricercatore1 - 17/06/2021, 15:48:38
 

lupocattivo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2449

Stato:



Inviato il: 17/06/2021 17:50:07

Replico, sempre per una migliore conoscenza sul tema, a favore di chiunque desideri avere informazioni corrette.

Esistono vari strumenti per misurare la percentuale di Ossigeno miscelato con altri gas.
Uno di questi è il Paramagnetic O2 Analyser.

Il "Paramagnetismo" è una proprietà fisica che si manifesta in presenza di campi magnetici, come del resto spiega il principio di funzionamento dello strumento.

ABSTRACT: "The operating principle of the paramagnetic sensor is the paramagnetic susceptibility of the oxygen molecule, a physical property which distinguishes oxygen from most other gases."

Questa proprietà si palesa quando la molecola di O² è sottoposta ad un intenso Campo Magnetico ed è inversamente proporzionale alla temperatura.

Per quanto riguarda poi la Ionizzazione dell'Atomo di Idrogeno (H) ricorrendo all' Equazione di Boltzmann (la si può trovare QUI) per cui si ricava un valore di 13.6 elettronvolt che in gradi Kelvin sono un dato del valore dell'ordine di 10`000 K° .

Se da qualche parte trovate 104 K è un refuso perchè si intende 10 elevato alla quarta potenza...

Non mi sembra proprio che la Scienza brancoli nel buio... Ci sono persino gli strumenti e le formule matematiche per misurare la realtà...

 

Ricercatore1

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:431

Stato:



Inviato il: 20/06/2021 08:22:58

Non mi sembra proprio che la Scienza brancoli nel buio... Ci sono persino gli strumenti e le formule matematiche per misurare la realtà...


Lupo, tu pensi che la Scienza in generale, e specialmente quella Medica non brancoli nel buio, però le cause e le cure risolutive delle gravi malattie degenerative ancora sono sconosciute ai ricercatori e i medici.

Alcuni esempi:

Alzheimer
Sclerosi Laterale Amiotrofica
Sclerosi Multipla
Parkinson
Tumori
E altre malattie del Cervello e del Corpo le cui cause e cure la Scienza Medica ancora non le conosce.


LINK



Pensiamo ora brevemente alle Scienze Fisiche, Astrofisiche, e Astronomiche, le quali si domandano: Quale è la realtà che riguarda l'Energia e la Materia Oscura?

LINK

Dunque vediamo che le Scienze NON hanno ancora le idee chiare, o sbaglio?

 

lupocattivo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2449

Stato:



Inviato il: 20/06/2021 10:00:08

CITAZIONE (Ricercatore1, 20/06/2021 08:22:58 ) Discussione.php?211963&3#MSG33


... Dunque vediamo che le Scienze NON hanno ancora le idee chiare, o sbaglio?...



Ho detto che le "Scienze" non brancolano nel buio, proprio per attestare lo scetticismo verso sedicenti Luminari paragonabili al noto professor Prosper-René Blondlot ...

Purtroppo molto spesso "Opinioni" o peggio "sensazioni", soprattutto se si propagano attraverso i canali dei Media di massa assurgono alla gloria di "Comandamenti".

Questo fatto è dovuto soprattutto a Carenze di Memoria di tutti noi.

Giusto per fare un esempio attuale; chi si ricorda che dissero e ancora ripetono che l'attuale "Epidemia" denominata COVID-19 è la peggiore di tutti i tempi? Qualcuno ha fatto i conti e le conclusioni sono queste!

La presa in giro più sfrontata è il "Consenso Informato" che estorcono ai vaccinandi...
In realtà è una raccolta di informazioni personali di definizioni mediche e dati di anamnesi...

Di solito, anche per consultare la più stupida paginetta web ci viene prospettata l'informazione riguardo la Privacy .

Per il Vaccino invece NULLA!!! E non sappiamo nemmeno tutta questa massa di dati chi la raccoglierà e che uso ne farà...Ogni Centro Vaccinale fa di testa sua e non mi è chiaro chi sarà Responsabile dei Dati!

Per la Vaccinazione, con parole mellifue la responsabilità affibbiano allo sprovveduto Vaccinando, così saremo "Cornuti e Mazziati"!!!

Lupo-Profeta: cosa scommettete che tra qualche tempo più di qualcuno si vedrà negare un prestito o anche un'occupazione a causa di sue pregresse malattie?

Meditate Gente...

 

Ricercatore1

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:431

Stato:



Inviato il: 13/07/2021 10:23:00

DALLA MALATTIA DI ALZHEIMER SI PUO' ANCHE GUARIRE, MA E' INDISPENSABILE CURARSI CON L'OSSIGENO.

Alzheimer: ricercatori scoprono come ridurre velocemente i sintomi grazie all’ossigeno
Una terapia eseguita direttamente in una camera iperbarica potrebbe modificare completamente il decorso della malattia di Alzheimer, riducendo i sintomi in appena 14 giorni
di STEFANIA DEL PRINCIPE -
Nuove speranze per una delle forme di demenza più temute. La patologia, infatti, sembra impossessarsi dei ricordi delle persone strappando letteralmente l’intero passato di un individuo. Purtroppo, ad oggi, non esiste una terapia realmente efficace. Abbiamo a disposizione farmaci che – se assunti ai primissimi stadi – aiutano a rallentare il progresso della malattia. Ma niente di più, tutti gli altri sono considerati medicinali che mitigano esclusivamente i sintomi generati dal forte declino cognitivo. Ma una nuova speranza pare arrivare da alcuni scienziati dell'American Friends of Tel Aviv University di New York che hanno appena pubblicato i loro risultati su Neurobiology of Aging.
Ossigenoterapia
I ricercatori dell'American Friends of Tel Aviv University di New York, sembrano aver trovato una soluzione per il trattamento dei pazienti affetti da Alzheimer. Si tratta di una cura nota con il nome di ossigenoterapia iperbarica. Pare che tale trattamento sia in grado di modificare positivamente i deficit comportamentali e fisici tipi della malattia.
Un trattamento rivoluzionario
Secondo il coordinatore principale dello studio, Uri Ashery, l’idea potrebbe essere considerata un vero e proprio trattamento rivoluzionario. «Abbiamo dimostrato per la prima volta al mondo che l'ossigenoterapia iperbarica può effettivamente migliorare la patologia della malattia di Alzheimer e correggere i deficit comportamentali associati alla malattia», ha dichiarato Ashery.
Ossigeno puro
La terapia pare essere tanto semplice quando efficace: i pazienti sottoposti a ossigenoterapia iperbarica possono respirare ossigeno puro in un’apposita camera pressurizzata. In tale camera, la pressione dell’aria viene aumentata di circa il doppio rispetto a quella normale. In questa maniera la solubilità dell’ossigeno a livello ematico aumenta vistosamente trasportando correttamente tale elemento per tutti i vasi sanguini presenti nel corpo umano.
La funzione dell’ossigeno
In questo modo l’ossigeno è in grado di stimolare i fattori di crescita e le cellule staminali che piano piano portano alla guarigione. Per arrivare a tali conclusioni, i ricercatori hanno eseguito lo studio su modello animale, nei murini affetti da malattia di Alzheimer. In laboratorio gli scienziati hanno ricostruito delle piccole camere di ossigeno iperbariche.
Bastano due settimane
Durante lo studio, della durata di quattordici giorni, i piccoli murini affetti da Alzheimer sono stati sottoposti a un trattamento iperbarico con ossigeno per un’ora al giorno. Dopo sole due settimane sono stati condotti dei test comportamentali e biochimici a livello dei tessuti per verificare se il trattamento funzionava nei piccoli pazienti affetti da Alzheimer.
I risultati
Dai risulti è emerso che il trattamento è stato in grado di diminuire vistosamente i disturbi comportamentali rispetto ai topi del gruppo di controllo. Inoltre è stato possibile evidenziare come le placche beta amiloidi si siano state ridotte del 40 percento. Una percentuale simile è stata ottenuta anche per quanto riguarda la riduzione della neuroinfiamamazione. Infine, i ricercatori ci tengono a sottolineare che la cura con l’ossigeno iperbarico è generalmente ottimamente tollerata e utilizzata nelle cliniche di tutto il mondo. Insomma, pare proprio che siamo sulla buona strada per un trattamento sicuro, semplice ed efficace per i pazienti affetti da Alzheimer.

 

Ricercatore1

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:431

Stato:



Inviato il: 19/09/2021 09:17:07

LINK

Un Saluto ai Foristi di EA, l'articolo che pubblico è una delle prime dimostrazioni della Importanza di Aumentare l'Ossigeno nel Sistema Cardiovascolare per la Cura Risolutiva della Malattia di Alzheimer.
Allora, siamo sempre più vicini alla Conferma della Funzionalità Paramagnetica dell'Ossigeno, il quale Genera Energia nel Sangue, nell'Aria, e in tutto il Cosmo.
Scommettiamo?
Buona Giornata

 
 InizioPagina
 

Pagine: (3)   1   2   [3]    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum