Se sei già registrato           oppure    

Orario: 20/06/2024 12:14:44  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Discussioni Ambientali

Pagine: (2)   [1]   2    (Ultimo Msg)


L'eolico e i rischi ambientali
FinePagina

Memoly
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:3

Stato:



Inviato il: 6/3/2009,17:19

Ho letto varie volte che l'eolico pur essendo una validissima energia alternativa può causare danni ambientali. Addirittura potrebbe essere pericoloso per alcune specie di volatili. Mi è capitato di vederne nella mia regione e mi sono sembrati dei mostri in mezzo a paesaggi che forse sarebbe stato meglio lasciare come erano. Penso che mettere dei paletti sulla costruzione di questi impianti non sia una cosa sbagliata, mentre molte persone hanno criticato in Sardegna l'ex governatore Soru per le sue scelte in questo campo. Voi cosa ne pensate di tutto ciò?

 

maxdef
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:999

Stato:



Inviato il: 6/3/2009,18:40

Ciao,sicuramente le grandi centrali eoliche sono invasive specialmente in Italia, un paese sovrappopolato con pochi spazi e che dovrebbe avere una vocazione turistica,ma visto che in questo senso si fa ben poco.... preferirei al limite le centrali eoliche alla cementificazione.
Il mini eolico invece dovrebbe essere sfruttato in montagna e sulle migliaia di Km di coste....ma non si fa

 

Libero51

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1276

Stato:



Inviato il: 6/3/2009,20:04

CITAZIONE (Memoly @ 6/3/2009, 17:19)
. . . potrebbe essere pericoloso per alcune specie di volatili.
. . . Penso che mettere dei paletti sulla costruzione di questi impianti non sia una cosa sbagliata,
. . . Voi cosa ne pensate di tutto ciò?

Ciao a tutti e ciao Memoly , ben arrivata in questo forum.
Esistono molte sensibilità che vanno rispettate comunque. Agli animali che vivono sul pianeta , l'evoluzione della razza umana ha portato una sfortuna pazzesca e i rotori eolici possono sicuramente fare qualche danno ai volatili insieme però ad altre migliaia di situazioni causate dall'attività dell'uomo.
I tutori del paesaggio si battono contro l'eolico che lo modifica anche pesantemente sul piano estetico.
La classe medica dovrebbe battersi contro gli effetti cancerogeni delle emissioni da combustione.
I tranvieri , i ferrovieri e gli operatori di centrale elettrica , ascoltando i nemici delle elettrocondutture di potenza dovrebbero cambiare mestiere.
I nemici del nucleare si preoccupano ,penso molto giustamente, del destino loro e di tutti i loro propropro . . . pronipoti condizionati dalla produzione di tonnellate di materiale radioattivo enormemente pericoloso per decine di migliaia di anni per conseguenza della costruzione di centrali nucleari. . . guerra a parte.


Potrei continuare ma non voglio abusare della pazienza dei lettori.

Contemporaneamente . . . quasi tutti non rinunciano volentieri ad un mare di soluzioni che la tecnologia mette a disposizione a condizione di possedere e consumare , a basso costo , energia, tanta, tanta energia.

Mamoli tu chiedi cosa penso di tutto ciò .

Penso che ognuno possa e debba decidere quali compromessi vuole fare ,accettare e subire. Di fronte alla sistematica distruzione del pianeta penso sia il caso di riflettere con il buon senso del padre di famiglia a tutela dei propri figli. Una selva di pale eoliche non mi appaga l'estetica ma l'accetterei se potessi evitare le centrali nucleari. Penso che un mini e midi eolico o fotovoltaico sarebbe più democratico pur sapendo che per economia di scala più una macchina è grande e migliore è il suo rendimento.

Un saluto a tutti

 

Memoly
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:3

Stato:



Inviato il: 6/3/2009,20:46

CITAZIONE (Libero51 @ 6/3/2009, 20:04)
Penso che ognuno possa e debba decidere quali compromessi vuole fare ,accettare e subire.

E' ovvio che anche io se mi dicessero: "scegli, costruiamo 4 centrali nucleari oppure tanti parchi eolici" sceglierei senza esitare la seconda alternativa.
Peccato che nessuno ci dia la possibilità di scegliere

 

Libero51

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1276

Stato:



Inviato il: 7/3/2009,07:11

CITAZIONE (Memoly @ 6/3/2009, 20:46)
. . . Peccato che nessuno ci dia la possibilità di scegliere

Ciao a tutti , ciao Memoly , capisco e ti assicuro soffro la frustrazione che deriva da scelte energetiche che non condivido assolutamente.
Milioni di persone hanno sacrificato la vita per renderci più facile la possibilità di scegliere. Nell'evoluzione storica e geografica siamo tra i popoli più liberi di esprimere le proprie volontà . Perchè pensi che qualcuno debba o possa chiederti "scegli". Sono ben lontano dal voler essere scortese o provocatorio, e ti chiedo scusa se questo ti dovesse sembrare, ma voglio riflettere , insieme a te, su quale rapporto riteniamo "meno peggio" tra l'individuo e la società. E' probabile che una buona parte di quelle persone che hanno sacrificato la vita non siano contente di come stiamo esercitando l'esercizio della democrazia ma sono sicuro che quel nessuno che tu citi rassegnata . . . sceglierebbe per conto suo.
Ciao . . . penso . . . a presto

 

NonSoloBolleDiAcqua

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:13786

Stato:



Inviato il: 7/3/2009,10:41

CITAZIONE (Memoly @ 6/3/2009, 20:46)
Peccato che nessuno ci dia la possibilità di scegliere

Ciao,
le persone che scelgono devono esprimere le nostre idee perchè ci rappresentano.Se questo non accade non può considerarsi la normalità.Possiamo ricordare tutto questo e ,in quei pochi giorni in cui diventamo incredibilmente importanti...far valere tutte le nostre idee...e, come diceva un mio caro amico che ora non c'è più,scegliere di volta in volta il meno peggio. faccine/wink.gif
Per quanto riguarda la pericolosità dell'eolico nutro qualche dubbio...ho avuto un airland da 400W sul tetto per circa 5 anni...e non ho mai trovato nessun piccione morto sul tetto...nonostante l'elica giri ad una velocità assurda. Le pale dei grandi impianti hanno velocità di rotazione molto basse...quindi probabilmente è più pericoloso per quegli operai che istallano i generatori eolici che per gli uccelli che sanno volare e per questo non cadono. faccine/wink.gif
Ciao e grazie per il tuo intervento
Bolle




Modificato da NonSoloBolleDiAcqua - 7/3/2009, 20:17


---------------
Chi sa raccontare bene le bugie ha la verità in pugno (by PinoTux).
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

Lupo cattivo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1137

Stato:



Inviato il: 7/3/2009,14:43

Non so se esista solo in Italia o proliferi anche altrove.
In Grecia esiste, sono persino più bravi di noi.
Deve essere una memoria storica.
Parlo della cultura del "No", come la chiamo io.
Consiste , fondamentalmente, ma esistono molte sfaccettature, nel obbiettare sempre; qualsiasi proposta venga fatta, citando gli ovvi svantaggi e cassando i possibili vantaggi, indicati di solito come aleatori, effimeri e comunque minimi.
In maniera che pare apparentemente costruttiva, ma che, analizzandola a fondo, appare nella sua vera matrice immobilista e distruttiva.
Ovverossia si criticano tutte le possibili alternative, ma soprattutto, e questo è il vero ossimoro, la situazione attuale.
Oppure si vagheggiano soluzioni talmente utopiche da risultare irrealizzabili e questo riporta al lamento iniziale.
L'importante è criticare, sempre e ovunque.
In questa fatta sei persona assennata, responsabile e che previene: le critiche sono sempre ammantate da nobili motivi, sempre altruistici e condivisibili, se comportano costi assurdi vale sempre il disprezzo per il vile denaro di fronte ad un ideale duro e puro.
Specie se a pagare sono gli altri.
La squadra di calcio di va male, occorre sostuire il mediano, che è un brocco, ogni soluzione viene bocciata, ma si vagheggia il ritorno di Scirea o di un supercampione al di fuori delle possibilità economiche della squadra.
Risultato: si tiene la vecchia squadra, ma ciascuno si sente amareggiato ed incompreso perchè hanno rifiutato la sua soluzione e anzi spera che la squadra vada male, così imparano!
Gli altri, naturalmente.
Non parlo della critica costruttiva che è indispensabile e che , oltretutto, viene annichilità e svuotata di energia proprio da quella che ho descritto.
Sia chiaro non mi riferisco a nessuno in particolare e anzi chiedo scusa a Memoly perchè sembra quasi un commento diretto a lei.
Assolutamente no, anzi ha il pregio di aver fatto notare proprio questo aspetto
di critica sempre presente e talvolta impropria.
Tra l'altro; benvenuta Memoly, abbiamo molto bisogno di pareri femminili!
Uff...perdonate lo sfogo, forse non centra molto con il tema proposto, ma ogni volta che qualcuno si sforza di fare qualcosa viene criticato.
Stiamo diventando un paese di vecchi immobilisti lamentosi.
Così la mia critica l'ho fatta pure io e posso andare a dormire contento! faccine/clap.gif

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 7/3/2009,16:46

Salve a tutti.
A poca distanza da dove abito io c'è un grande parco eolico, un sacco di grandi rotori tripala messi sulla cresta di una montagna, e ne dovranno fare degli altri. Percorrendo la superstrada Avezzano-Cassino, ad un certo punto si vedono molto bene, specialmente nelle belle giornate limpide, sia d'estate che d'inverno. Mi è capitato moltissime volte di percorrere quella strada, sia conducendo l'autobus quando lavoravo, sia adesso per "diporto" personale. Nonostante l'iniziale meraviglia per quel grande lavoro "ecologico" sia passata, a tutt'oggi ogni volta che li vedo mi mettono allegria. Presumo che stiano molto meglio lì che in una pianura piatta, dove potrebbero sembrare un'emulazione artificiale di una foresta, ma non trovo che "deturpino" il paesaggio più di tanto. In cambio ci danno un sacco di Megawatt praticamente gratis, non sporcano, non puzzano e soprattutto non sono radioattivi....
E' il risultato dello sforzo economico di un piccolo comune della zona, che molto intelligentemente, invece di elemosinare soldi a destra e a manca come fanno altri Enti Locali, ha chiesto i finanziamenti di rito e li ha convertiti in qualcosa di buono e di utile. Ci si vanno a fare anche gite istruttive scolastiche, come in passato succedeva per alcune centrali idroelettriche, o come si fa per certe stazioni radio di Broadcasting, educando i bambini al rispetto dell'ambiente e dell'ecologia.
Personalmente non mi lascio influenzare mai dai media, purtroppo in Italia sempre più gestiti politicamente, per giudicare se certe cose sono belle o brutte, ma cerco di guardare con occhio sereno a quello che vedo. Ma perché, sono più belle le centrali termiche? Con tutti quegli orpelli in vista e quelle spropositate ciminiere non sono di certo esteticamente gradevoli... O quelle nucleari? Grandi cassettoni di cemento armato, che nascondono il pericolo più terribile della nostra era, ed enormi comignoli fumiganti vicino. Non trovo "belle" neanche le centrali idroelettriche, se per questo, anche se ecologicamente MOLTO più valide. Con le loro strutture immense dalle curve artificiali disturbano la naturalità del paesaggio montano, sempre molto bello e suggestivo.
Per eliminare tutto questo si dovrebbe poter fare a meno dell'elettricità, cosa attualmente impensabile, a meno che non si possa imparare ad usare..... La magia!
Per il momento cerchiamo di imparare invece a non sprecare l'energia, e lasciamo che sia generata nel modo più ecologico possibile.
Saluti.
Ferro

 

maxdef
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:999

Stato:



Inviato il: 9/3/2009,10:32

...c'è da dire che anche un parco fotovoltaico non è un bel vedere,con l'aggravante che occupa molta terra (la migliore!) che non può più essere sfruttata,mentre almeno da questo punto di vista l'eolico permette ugualmente l'utilizzo della terra per pascolo agricoltura ecc....non è poco!

 

Pyron

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1115

Stato:



Inviato il: 31/3/2009,02:15

Il problema sollevato da memole esiste, ed è causato dall'effetto dopler che creano le pale dei rotori, alcuni volatili ne vengono disorientati, ma sicuramente non si schiantano contro di esse, personalmente sono stato con un mio amico riparatore eolico sotto una pilone di circa 40 metri per un oretta scarsa, il rumore c'è ma non è insopportabile, non è sicuramente più forte di un gruppone elettrogeno (centrale termoelettrica)...

il fatto è questo:

i pannelli fotovoltaici non sono belli come i coppi di creta
le pale eoliche deturpano il paesaggio (secondo me l'arricchiscono)
le centrali nucleari fanno le scorie
le termoelettriche la co2
quelle a carbone le micropolveri
i termovalorizzatori diossina
........................................

sapete che c'è di nuovo? l'elettricità da domani si fa così

prendete un paio di alternatori in uno sfasciacarrozze, una bicicletta da mettere con la ruota posteriore sospesa, una ginghia di gomma e
PEDALATE!!!

tutto va accumulato in una batteria 12 V ...ma poi non vi lamentate del televisore che si spegne quando il vostro telefilm preferito arriva alla scena clou... vi toccherà ripedalare

così dopo un mese di questa "cura" capirete che l'energia costa fatica e sacrifici:
o rinunciamo a tante comodità acquisite nel tempo (memole penso che anche tu accendi un condizionatore quando fa caldo)
o troviamo il modo meno inquinante per produrla

 

maxdef
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:999

Stato:



Inviato il: 31/3/2009,06:30

...sicuramente è vero, l'energia richiede dei sacrifici, ma oltre a trovare il modo meno inquinante per produrla e a diversificare le fonti, sarebbe il caso di riimparare ad utilizzarla con giudizio e parsimonia.....

 

unmondodifferente

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:28

Stato:



Inviato il: 17/4/2009,14:19

quoto max def..il risparmio energetico è la prima fonte di energia! faccine/wink.gif

spesso purtroppo l'estetica prende il sopravvento sull'utilità!

è facile influenzare la gente facendogli vedere delle cose. è facile dire che le pale eoliche sono cattiev perhcè uccidono gli uccelli. Più difficile far credere alla gente che le emissioni inquinanti delle centrali che utilizzano fonti fossili uccidono mooooooolto di piu delle pale eoliche. e soprattutto uccidono anche le persone, oltre agli uccelli e al resto del pianeta!
ma la gente non lo vede con i propri occhi e quindi non lo tiene troppo in consideazione.peccato.

io ritengo paradossale che si privilegi l'estetica, e che molti progetti vengano bloccati da questa ottusità.
"ci vuole l'autorizzazione dei beni culturali per metter dei pannelli sul tetto????????????????? ma chi ci guarda sui tetti? e poi sono aderenti al tetto mica sono delle bambole gonfiabili che spuntano dalle tegole..". E' un pò sarcastica però rende l'idea di a volte si ragioni per partito preso..

 

maxdef
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:999

Stato:



Inviato il: 24/4/2009,06:55

CITAZIONE (unmondodifferente @ 17/4/2009, 15:19)
io ritengo paradossale che si privilegi l'estetica, e che molti progetti vengano bloccati da questa ottusità.
"ci vuole l'autorizzazione dei beni culturali per metter dei pannelli sul tetto????????????????? ma chi ci guarda sui tetti?

..."strano" che non si creino altrettanti problemi estetici, quando si parla d’antenne per i cellulari, tv, parabole, tralicci ecc ecc che pullulano sui tetti anche storici in ogni città faccine/shifty.gif

 

unmondodifferente

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:28

Stato:



Inviato il: 24/4/2009,08:19

ti quoto in pieno Maxdef!

 

Libero51

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1276

Stato:



Inviato il: 24/4/2009,11:10

CITAZIONE (unmondodifferente @ 17/4/2009, 15:19)
quoto max def..il risparmio energetico è la prima fonte di energia! faccine/wink.gif

. . . le emissioni inquinanti delle centrali che utilizzano fonti fossili uccidono mooooooolto di piu delle pale eoliche. e soprattutto uccidono anche le persone, oltre agli uccelli e al resto del pianeta!
. . . ma la gente non lo vede con i propri occhi e quindi non lo tiene troppo in consideazione.

Ciao a tutti , totalmente d'accordo con max def , mi associo volentieri.

Per il resto devo considerare che quasi tutta l'energia prodotta sul pianeta , . . . viene prodotta per combustione di fonti fossili non rinnovabili e l'energia prodotta per fissione dell'atomo non è certamente meno pericolosa. Basti pensare all'ipoteca millenaria lasciata alle generazioni future per accumulo di scorie radioattive. Rimane una piccola produzione ecocompatibile enormemente importante per prospettiva ma poco rilevante in quantità e generalmente economicamente più costosa.

Non ne sono certo felice , sono spaventato ed inerme , sono consapevole di cosa implicherebbe un forte risparmio energetico , sopporterei volentieri i sacrifici connessi ad una società meno consumista , più lenta e con meno "benessere" per quanto normalmente inteso.

Ma gli altri ? che ne pensano . . . veramente ?

Non mi fido dell'interpretazione corrente che attribuisce questo modello al non "sapere" od al "non vedere con i propri occhi" della gente.

Ho fumato fumo passivo per tutta la mia vita , sul lavoro, nel sindacato e nella politica per colpa di prepotenti e prevaricatori e ancora oggi , malgrado l'evoluzione positiva delle leggi e la schiacciante evidenza delle statistiche , perfino qualche medico in corsia a volte continua a fumare.

L'evoluzione è molto lenta e spero non prosegua solo per . . . disastri. faccine/sick.gif

Un saluto a tutti .






 
 InizioPagina
 

Pagine: (2)   [1]   2    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum