Se sei già registrato           oppure    

Orario: 03/12/2021 21:22:27  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Accumulatori

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (2)   [1]   2    (Ultimo Msg)


Accumulatori "Caldi", Na-S Ni-NaCl
FinePagina

drmacchi11
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:963

Stato:



Inviato il: 9/10/2011,22:38

Questa porzione di discussione è stata tolta dalla discussione sulle plantè in quanto in conflitto con il tema della discussione

questo è MOLTO interessante :
www.meridian-int-res.com/Projects/Zebra_Pages.pdf
pro : forse si riesce a non usare il nichel , ma il ferro !
poi sembra che se non usata, si compatta e non perde carica !

contro: per renderla operativa , va scaldata ! e poi raggiunge i 350C

quindi serve un ottimo involucro




Modificato da DOLOMITICO - 15/10/2011, 17:15
 

PinoTux

Avatar
GigaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:3468

Stato:



Inviato il: 10/10/2011,00:08

CITAZIONE (drmacchi11 @ 9/10/2011, 23:21)
La sala batterie ? ragazzi mi raccomando usate tutte le precauzioni su una corretta aereazione del locale.
......

Areare il locale sopratutto prima di accendere le luci; negli impianti industriali, vedi le sale batterie delle centrali telefoniche che ho frequentato per trent' anni, l'impianto elettrico è "blindato", realizzato con tubi metallici e le plafoniere dei tubi al neon sono ermetiche, come i tubi di collegamento.
Oltre al "profumo" dell'acido ricordo ancora il classico "pizzicore" al naso del gas...



---------------
"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza"
http://iv3gfn.altervista.org/
http://pptea.altervista.org/

 

mixtrb

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:835

Stato:



Inviato il: 10/10/2011,08:09

CITAZIONE (drmacchi11 @ 9/10/2011, 23:38)
questo è MOLTO interessante :
www.meridian-int-res.com/Projects/Zebra_Pages.pdf
pro : forse si riesce a non usare il nichel , ma il ferro !
poi sembra che se non usata, si compatta e non perde carica !

contro: per renderla operativa , va scaldata ! e poi raggiunge i 350C

quindi serve un ottimo involucro

però quella al ferro funziona a temperature leggermente inferiori: 250°C contro 300°C
di contro la tensione per cella è 2,35V invece che che 2,58V

se si raffreddano ci vogliono 15-18 ore per "risvegliarle" (riportarle a temperature di esercizio)
una lunga (ma neanche troppo) "ricarica"

molto interessanti ma costruite per potenze/capacità importanti (>2KW)

 

drmacchi11
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:963

Stato:



Inviato il: 10/10/2011,08:53

Ciao Mix, è chiaro che quelle necessarie per muovere un'auto per 100km devono averne "di manetta"......ma cosa ne pensi di un prototipo di piccole dimensioni tanto per capire........
il ferro lo abbiamo, l'ossido di Alluminio pure , il sale da cucina anche, la resistenza quella dei forni grill , una cassa coibentata la si fa in un minuto basta usare i mattoni refrattari da fonderia che reggono i 1000 gradi e che ho. è chiaro che è un prototipo, mica facciamo poi le batterie con le pietre alla Flinstones ! faccine/smile.gif faccine/smile.gif
vediamo almeno se genera corrente

 

simpalele
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:159

Stato:



Inviato il: 10/10/2011,10:44

QUOTE (drmacchi11 @ 9/10/2011, 23:38)
questo è MOLTO interessante :
www.meridian-int-res.com/Projects/Zebra_Pages.pdf
pro : forse si riesce a non usare il nichel , ma il ferro !
poi sembra che se non usata, si compatta e non perde carica !

contro: per renderla operativa , va scaldata ! e poi raggiunge i 350C

quindi serve un ottimo involucro

Non forse, certamente funziona. La struttura sarebbe:
Na liquido | beta allumina | NaAlCl4 | FeCl2 (Fe)
La camicia di beta allumina separa il sodio liquido dal sale fuso (circa 160 C). Sia NaAlCl4 che Na sono liquidi alla T operativa (mi pare circa 250 C) La ceramica beta allumina conduce il sodioe lo separa dal sale fuso NaAlCl4.
La reazione elettrochimica sarebbe:
carica scarica
FeCl2 + 2Na <-> 2 NaCl + Fe
Sodio il meno ferro poroso (all'interno della camicia di ceramica) il piu'.
Era nata proprio cosi' e si chiamava Zebra, il nickel si puo' usare per aumentarne la capacita' specifica se non ricordo male.

 

accu
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:104

Stato:



Inviato il: 10/10/2011,12:29

Pino
Aereare la batteria è piu facile e piu sicuro.

Ragazzi, le NA-NI le garantiscono 3 anni, e dopo?
Quelle al piombo saranno vecchia concezione, dei trattori in confronto, ma sono supercollaudate e per quanto riguarda la Plantè poi, di durata ne ha da superare parecchie decine d'anni.
Le alte temperature sono deleterie per i materiali e durante l'uso possono rompersi piu facilmente per le escursioni termiche.
Se la garanzia fosse di almeno 10 anni la cosa sarebbe diversa.
Nel 1971 ho lavorato con un pacco batterie notevole per un impianto trifase da 50 Kw, beh nel Maggio di quest'anno sono stato invitato al comleanno della struttura ed ho rivisto le vecchie Plantè nella sala batterie.
I manutentori che erano anche loro alla festa hanno detto che gli elementi non avevano perso nulla dalla capacità iniziale.
Le uniche due batterie rotte erano state investite da un muletto ed avevano perso l'acido.
accu

 

drmacchi11
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:963

Stato:



Inviato il: 10/10/2011,12:42

Accu, non è un confronto tra batterie, ma un'ipotesi di progetto , solo per sperimentare.
visto la marea di lavoro che sta facendo kekko ed Agolui, era solo un "brainstorming" su un'altra tipologia da replicare in piccolo, solo per capirne il funzionamento.
3 anni solo? mmhh... sarebbe una bufala per quelle auto elettriche , sei sicuro?

 

accu
KiloWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:104

Stato:



Inviato il: 10/10/2011,23:49

così c'è scritto Macchi
Poi accordi con le case produttrici di auto per la fornitura bla bla, siamo alle solite...
tutto per fregare il pollo e i polli siamo sempre noi!
Io ci crederò quando la formula uno la faranno con auto elettriche cioè mai!
accu

 

drmacchi11
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:963

Stato:



Inviato il: 11/10/2011,07:59

si ho trovato anche io quella frase. boh.......
Con sincerità la F1 o la MotoGp elettrica, io non vorrei vederle ! quella è musica per le mie orecchie faccine/wub.gif
Anche i motori inquinanti hanno il loro fascino!

 

mixtrb

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:835

Stato:



Inviato il: 11/10/2011,10:59

@drmacchi: si, avevo pensato alla cosa mentre leggevo; poi ad un certo punto hanno cominciato a introdurre l'argomento "sodio" (che secondo loro comunque resta in forma meno pericolosa, anche in caso di rottura a seguito di incidente, perché abbassandosi la temperatura si andrebbe subito a legare con qualcosa....etc etc) insomma questo mi ha un po' fatto sorgere delle perplessità, dovute sicuramente alla mia ignoranza nel campo della chimica;
poiché so di non sapere alzo molto la soglia di sicurezza in tutto ciò che mi coinvolge con elementi e composti di uso non quotidiano;
di sicuro tu ti puoi muovere con maggior comfort
per capire: ribalta la nostra situazione rispetto all'elettronica.
la cosa, a livello di crescita culturale, a mio parere e gusto, è molto interessante.
-------------
non credo che si possano fare confronti troppo stringenti fra batterie al piombo e quelle al sale/nichel
gli scopi mi sembrano differenti;
non mi sembra che la tecnologia delle classiche batterie al piombo sia tra le opzioni delle batterie per veicoli elettrici;
mi sbaglio? anche qui non sono un esperto.

per gli sbalzi termici: non hai letto l'articolo;
quelle batterie devono restare per anni a temperatura alta costante;
quando forniscono energia il riscaldamento necessario (90W x quelle da 22KW mi pare) viene garantito dal processo stesso; anzi vanno raffrescate con ventola apposita;
quando sono in carica (collegate all'energia esterna) il circuito regolatore, facente parte integrante della batteria (in effetti è una batteria con "intelligenza" integrata), devia la parte di energia necessaria a tenere termoregolata la batteria tramite una resistenza riscaldatrice interna;
infine, quando sono a riposo, cariche ma staccate dall'alimentazione esterna, usano la loro riserva di carica per alimentare il circuito termoregolatore e mantenere qui circa 300°C nel vano elementi; che infatti è costituito da una doppia parete di lastre d'acciaio con intercapedine sotto vuoto per minimizzare la dispersione di calore indesiderata verso l'esterno e per poter manipolare l'esterno della batteria a temperature non critiche; questo è anche presentato come un aspetto di sicurezza: in caso di rottura dell'involucro di contenimento la temperatura nella zona degli elementi scende velocemente, il sale solidifica e tutto resta confinato lì senza creare problemi intorno.
cosa succede se c'è un incidente con una cisterna di infiammabili e si sviluppa un incendio?
loro parlano di improbabilità di questi eventi.
vero: ma quando capiteranno questi eventi, improbabili ma inevitabili, cosa succederà per chi starà lì intorno?
forse la mia ignoranza nel settore mi porta ad essere troppo timoroso, ma il principio di massima precauzione può a volte salvare l'unica vita a nostra disposizione.


CITAZIONE (drmacchi11 @ 11/10/2011, 08:59)
si ho trovato anche io quella frase. boh.......
Con sincerità la F1 o la MotoGp elettrica, io non vorrei vederle ! quella è musica per le mie orecchie faccine/wub.gif
Anche i motori inquinanti hanno il loro fascino!

un giorno queste cose, F1 o MotoGP, saranno percepite come "barbarie" visto il basso rendimento energetico dei motori a scoppio
come le corse delle bighe: suggestive ma relegate ad un passato dove facevano cose che ora sarebbero da follia.
basta pensare che i motori elettrici hanno il massimo dello spunto quando sono fermi, proprio quando serve la massima accelerazione
al contrario le nostre moto le devi tenere ad alto regime se vuoi coppia: energeticamente inefficiente, anche se emozionalmente molto stimolante a livello di sport.




Modificato da mixtrb - 12/10/2011, 12:43
 

drmacchi11
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:963

Stato:



Inviato il: 11/10/2011,20:46

Molto Stimolante........ adrenalina.....odore di gomma bruciata........... ahhhhhhh!!!

mi sembra di essere

www.youtube-nocookie.com/watch?v=MzQPTdDwtVk

 

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 13/10/2011,11:23

Ma a questo punto non conviene usare la cella Sodio-Zolfo? Lavora a 300 °C non contiene materiali tossici e ha un efficenza dell' 89%. Non male davvero. Sarebbe bello approfondire la cosa, chssà se come rapporto peso potenza se la batte con le litio.

Questo uno schema di funzionameto:
ForumEA/us/img51/6589/batteriasodiozolfo.jpg


E qui qualche riga in più, LINK

PS: Mi sa che conviene aprire una nuova discussione per non portare troppo fuori tema quest'altra. Che fra l'altro tra poco avrà belle novità.



---------------
L'universo è dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio è ciò che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

drmacchi11
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:963

Stato:



Inviato il: 13/10/2011,11:59

Si Kekko ! riesci ad aprire un topic nuovo con travaso di queste ultime discussioni sulle pile alternative alla plante (alternative almeno come concetto o reattivi chimici) ? Grazie !

 

kekko.alchemi

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:5226

Stato:



Inviato il: 13/10/2011,15:01

Apriamo questa discussione per descrivere e sperimentare una tipologioa di accumulatori "caldi". Questi accumulatori per funzionare hanno bisogno di temperature superiori ai 250 °C, ma nonostante ciò hanno dei renidimenti prossimi al 90%.

Sono costituiti da sali e metalli fusi in assenza di elettroliti liquidi, per separare i reagenti hanno una membrana selettivamente permeabile che permette lo scambio ionico ma non consente il mescolamento dei reagienti.

Le tipologie più conosciute sono l'accumulatore sodio-zolfo e quello nichel-cloruro di sodio. Entrambi per essere operativi devono lavorare a temperature elevate (circa 300 °C), ed essere mantenuti a tali temperature o da una resistenza elettrica oppure dai reagenti stessi una volta che la reazione è avviata.

Il rendimento come anticipato è piuttosto alto e il rapporto peso/potenza molto favorevole, sono infatti batterie che hanno un alto quantitativo energetico per Kg.

Per la sperimentazione si potrebbe partire dalla classica sodio-zolfo, per costruirla ho sia lo zolfo che la memebrana ceramica all'allumina selettivamente permeabile (facilmente costruibile), ma mi manca il sodio metallico molto pericoloso fra l'altro se viene a contatto con l'acqua. Si potrebbe ricavare dall'elettrolisi in fusione dell' NaCl (comune sale da cucina), una volta ci provai ma il problema che riscontrai è che a parte l'esigua quantità di sodio ottenuta, questa scoppiettava probabilmente reagendo con l'umidità atmosferica. Su questo ultimo punto lascio la parola a drmacchi ottimo chimico molto ferrato nella sua materia!!

ForumEA/us/img221/1969/batteriasodiozolfoj.jpg

Saluti Kekko



---------------
L'universo è dominato dagli estremi, l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
Ma l'equilibrio è ciò che plasma la materia di cui siamo fatti.
by kekko

 

drmacchi11
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:963

Stato:



Inviato il: 13/10/2011,15:30

Dunque il sodio metallico è MOLTO pericoloso (mi ricordo ancora la vasca da bagno crepata dopo un piccolo esperimento con "residui" di un esame di chimica analitica faccine/smile.gif faccine/smile.gif
Bisogna ragionare sul sale NaCl che usato in quelle altre pile per automobili (a questo proposito : Kekko si travasano anche gli altri post su questo argomento?)
Ci penso !

 
 InizioPagina
 

Pagine: (2)   [1]   2    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum