Se sei già registrato           oppure    

Orario: 13/06/2024 11:21:38  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Solare Fotovoltaico

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (127)  < ...  10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   [20]   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30  ...>    (Ultimo Msg)


Impianti fotovoltaici ad isola, Come realizzarli, pro e contro, etc...
FinePagina

capitanfracassa77
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1

Stato:



Inviato il: 2/6/2009,02:37

ciao archimedi sono nuovo del forum e sono appassionato del fai da te di ogni genere e vorrei provare a costruire un piccolo impianto fv per alimentare 2 pompe in giardino,1 per il pozzo e l'altra per l'impianto di irrigazione che si dirama in vari settori che non stò a indicare troppo lunga... vorrei sapere da qualcuno da quanti amper avrei bisogno io credo 200 siano sufficenti e chiedo conferma, e di quante celle devo mettere nel pannello,se avete uno schema sintetico di come saldare le celle e il collante che mi serve so che chiedo tanto ma ve ne sarei grato ciao a tutti

 

cican
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1

Stato:



Inviato il: 7/6/2009,10:33

ciao a tutti, dopo un mese di letture e raccolta dati su vari forum ho deciso di intrapprendere la via del fv ma credo di avere bisogno di qualche aiutino da voi molto piu' esperti.
il pannello da 120 watt x 4 = 480 watt
600 watt a 24volt considerando un 20 % di perdita di potenza = 384 watt

480 watt a 24 volt = 20 ampere quindi avrei bisogno di un regolatore di carica da 30 ampere ( considerando un po di sovradimensionamento)
600 watt x 5 ore di sole = 3000 watt : 24 volt = 125 ampere consideriamo un consumo del 30 % immediato , rimangono 87 ampere di carica

se diciamo che l'ideale sarebbe un consumo del 10% della batteria , avrei bisogno di 900 ampere di batteria che poi tra passaggio all'inverter e cavi calcoliamo una perdita di potenza del 20 % quindi gli 87 ampere diventano 69 Ampere disponibili per utilizzo a 220 volt
ho un consumo medio di 6,6 kwh al giorno e vorrei collegarlo a tutte le prese escluso forno e frigo .. che dite ho fatto bene i conti o dove sbaglio?
che consiglio mi date sulla portate dell' inverter che pensavo di tipo onda sin.pura? grazie




Modificato da cican - 7/6/2009, 18:31
 

buranello
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2

Stato:



Inviato il: 6/1/2010,15:33

Abitiamo in campagna. Siamo molto interessati a renderci indipendenti da fonti energetiche fossili. Con un bel pezzo di terreno con ottima posizione sud vorremmo poter diventare autosufficenti nel fabisogno energetico. Come possiamo muoverci nella progettazione e nel sucessivo acquisto e montaggio dei componenti? La casa dove abitiamo l'ho ristrutturata tutta io,quindi ho una buona esperienza nei lavori di muratura e costruzioni di strutture anche in cemento armato. Potete metterci a disposizione la vostra esperienza? grazie

 

Keyosz
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1959

Stato:



Inviato il: 7/1/2010,13:42

Ciao Buranello,
per non intasare la discussione di Bolle metti la tua rischiesta in una nuova discussione sempre qui sotto fotovoltaico, ad ogni modo come primo passo devi quantificare i consumi di casa, ti suggerisco ti recuperare le bollette di un anno, sommare tutti i Kwh (chilo watt ora) e dividere per 12 così da ottenere un consumo medio in Kwh mensile sul quale si possono basare le ipotesi iniziali per il dimensionamento.
La discussione, poi, si articola anche su altri fattori, ma recupera queste informazioni e ne riparliamo meglio nella tua nuova discussione faccine/wink.gif

 

max_linux2000

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2120

Stato:



Inviato il: 4/3/2010,15:51

CITAZIONE (buranello @ 6/1/2010, 15:33)
Abitiamo in campagna. Siamo molto interessati a renderci indipendenti da fonti energetiche fossili. Con un bel pezzo di terreno con ottima posizione sud vorremmo poter diventare autosufficenti nel fabisogno energetico. Come possiamo muoverci nella progettazione e nel sucessivo acquisto e montaggio dei componenti? La casa dove abitiamo l'ho ristrutturata tutta io,quindi ho una buona esperienza nei lavori di muratura e costruzioni di strutture anche in cemento armato. Potete metterci a disposizione la vostra esperienza? grazie

ciao buranello, se fossi in te farei le cose per gradi in questo senso:

fatti un piccolo impianto da 1 kw elettrici, formato da 2-3 pannelli fotovoltaici da 80-100 watt l'uno, 4 batterie da automobile da 70/100 Ah e un inverter da 1kw (1000 watt) sinosidale pura.
Se hai vento sarebbe opportuno affiancare anche un aerogeneratore da 200/400 watt.

A questo piccolo impianto colleghi tutte le luci e i carichi leggeri (luci, computer, tv)

Poi comprati un piccolo generatore diesel ad avviamento elettrico per impulso, in modo che da casa tu possa accendere e spegnere il generatore (da tenere lontano da casa ovviamente).
Al generatore, attacchi tutti i carichi pesanti, tipo lavatrice, lavastoviglie, boiler elettrico, saldatrice ecc., e un caricabatterie da almeno 30-40 Ah collegato alle batterie, in moche che quando accendi, una parte della corrente serva per ricaricare le batterie.

CMQ per vivere off-grid (scollegati dalla rete elettrica) bisogna cambiare di mentalità ed imparare a risparmiare. Quando compri un eletrodomestico, devi guardare anche quanti watt o Ampere consuma.

Discorso a parte per il frigorifero, consuma "solo" 300 watt, ma ha dei picchi a 1200 watt, il problema è che è acceso moltissime ore al giorno. Se lo alimenti a solare, ti servono 5 pannelli e 4 batterie solo per lui.

Soluzione?
io propongo di eliminare il frigo, ma molti mi taccerebbero di radicale estremista eremita, ecc. quindi ti propongo altre soluzioni:

1. Lasci attaccato solo il frigo all'enel
2. Compri un nuovo frigo trivalente (220 volts, 12 voltes, gas butano)

In ogni caso per vivere off-grid bisogna avere un piccolo frigo (altezza 85 x lung. 60x larg 50 cm).

ciao
MaX




 

Keyosz
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1959

Stato:



Inviato il: 9/3/2010,19:12

Se prendi un frigo in classe A, lo tieni in un luogo fresco e lontano dal sole, lo apri poche volte al giorno bastano 200Ah di batterie tubolari e 500Wp di pannelli per lui, sperimentato in baita per svariati mesi faccine/wink.gif

Un frigo medio, no ricordo i litri ma alto circa 1 metro con vano freezer, a parte lo spunto iniziale di 1000-2000W di 2-3 secondi per l'avviamento poi consuma 70W a regime, se lo apri poco fà tratte da 30 minuti ciascuna ogni tot ore da quanto ho visto, l'importante è avere un inverter sinusoidale puro ad alta resa e con una potenza nominale da almeno 2000W per lo spunto di avvio.

 

max_linux2000

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2120

Stato:



Inviato il: 9/3/2010,21:41

CITAZIONE (Keyosz @ 9/3/2010, 19:12)
Se prendi un frigo in classe A, lo tieni in un luogo fresco e lontano dal sole, lo apri poche volte al giorno bastano 200Ah di batterie tubolari e 500Wp di pannelli per lui, sperimentato in baita per svariati mesi faccine/wink.gif

Un frigo medio, no ricordo i litri ma alto circa 1 metro con vano freezer, a parte lo spunto iniziale di 1000-2000W di 2-3 secondi per l'avviamento poi consuma 70W a regime, se lo apri poco fà tratte da 30 minuti ciascuna ogni tot ore da quanto ho visto, l'importante è avere un inverter sinusoidale puro ad alta resa e con una potenza nominale da almeno 2000W per lo spunto di avvio.

mmm mi sembra che sia più caro che comprare un frigo a gas.

dunque, 500 wp di pannelli a 3 euro di media sono 1500 euro, oppure
contando 2 euro/wp sono 1000 euro
poi aggiungiamo 200Ah di batterie a... facciamo 1,5 euro/A ? sono 300 euro, che sommati ai pannelli fanno 1300 euro nel caso più ottimistico, ma propendo per i 1800 euro.

E tutto questo solo per il frigo... non sarebbe meglio spendere "solo" 800 euro per il frigo a gas? quelli alti oppure 600 euro per quelli piccoli?

ciao
MaX

 

Keyosz
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1959

Stato:



Inviato il: 11/3/2010,08:16

Direi anche 2000€ per fare un preventivo che non deluda le aspettative, ma del resto tutto stà a quello che si vuole fare, io personalmente ho usato il frigo trivalente a gas per molti anni in baita ma con questo elettrico "normale" non c'è paragone, tiene la temperatura costante, ho in freezer bello grosso anche per la carne con il giaccio! quello a gas era sempre un problema, a volte si scongelava, a volte si spegneva, dovevo tenerlo fuori che non mi fido del gas in casa e nelle giornate calde di sole, anche se era all'ombra, non reggeva e trovavi le cose quasi a temperatura ambiente, poi è anche un ideologia, con l'elettrico fotovoltaico hai un sistema chiuso su sè stesso autonomo, non è più tecnologico e soddisfacente? faccine/wink.gif

Tieni presente che i dati che ti ho dato garantiscono un funzionamento continuo del frigo, perchp non poasiamo permetterci che si spenga anche solo per 1 giorno e vada tutto a male, in effetti ci sarà della sovraproduzione nelle giornate di sole ma bisogna avere un minimo garantito per le condizioni avverse.

 

max_linux2000

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2120

Stato:



Inviato il: 11/3/2010,12:21

rimago della mia idea, eppoi bisogna vedere che firgo hai preso, un frigo da casa trivalente certo che fa il ghiaccio e conserva gli alimenti congelati, praticamente non c'è differenza con i frigo elettrici.

Riguardo al gas... sono anni che ho la cucina a gas in casa e ho avuto pure il boiler a gas, quindi una utenza in più o in meno non fa differenza, altrimenti dovrei cucinare all'aperto faccine/biggrin.gif

Non dico che la tua idea sia malvagia, anzi!! Ma preferisco la più economica.

ciao
MaX

 

adriano.86
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:26

Stato:



Inviato il: 27/5/2010,11:48

salve a tutti mi sono da poco iscritto al forum per scambiare due parole con gente "MALATA" per l'energia alternativa come me....

ho da poco messo in funzione un piccolo impianto ad isola (piccolo per iniziare ma poi spero di ingrandirlo) ho iniziato con un modulo da 50W 12v mono un regolatore EP Solar 12-24V 10A e 3 batterie auto recuperate da 45Ah. il punto è questo volevo incominciare ad usare tutta questa corrente accumulata nelle batterie visto che il LED del regolatore mi lampeggia di continuo indicando massima carica ora secondo voi vi pongo questa domanta: se compro un inverter ad onda pura da 2000w della Sinergex naturalmente a 12V con un acorrente di carica datami dal pannello solare di 2.45Ah ma con le batterie al 100% di carica quanto tempo posso utilizzare l'inverter al massimo del carico??? si tratta di minuti oppure ore??? il fatto e che non trovo l'Amper ora consumata dall'inverter a pieno carico.


 

Pyron

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1115

Stato:



Inviato il: 27/5/2010,12:19

il problema non è tanto quanto tempo, ma quanto grandi devono essere gli accumulatori per gestire 2 kw di energia con 130A in c10: significa che hai a disposizione 130 ampere ma li puoi sfruttare per un lasso di tempo di 10 ore di assorbimento, altrimenti se concentri l'assorbimento in 1 ora la capacità cala e di molto, oltre a danneggiare le batterie

un inverter da 2 kw consuma a pieno carico 2000:12= 166+15%= circa 200 Amper, direi che non tiri più di mezzora di funzionamento con il tuo banco d'accumulatori

oltretutto è sempre meglio sovraddimensionare l'inverter: se assorbirai 2000w continuativi meglio prenderlo da 3kw, così da non stressarlo troppo

saluti

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 27/5/2010,12:49

Come dice Pyron, 2000W a 12V sono circa 166 Amper, che scaricherebbero le tue batterie in circa mezz'ora. In teoria 130 amperora significherebbero 130A per un'ora, ma scaricando a 130A già avresti una capacità risultante di poco più della metà della capacità nominale, figuriamoci a 166 ampere..... Oltretutto alla fine della scarica avresti un banco batterie completamente spompato, sull'orlo della rovina, e per ricaricarlo con le tue 2,45A date dai pannelli impiegheresti due o tre settimane.....
Naturlamente non è detto che se l'inverter è da 2000W lo si debba usare a piena potenza, se viene usato per potenze più basse consumerà di meno, e la durata della scarica sarà proporzionale ai consumi.
In realtà con quel banco batterie e quel gruppo di pannelli non ti conviene di consumare più di 150Wal giorno circa.




Modificato da Ferrobattuto - 27/5/2010, 13:50
 

max_linux2000

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2120

Stato:



Inviato il: 27/5/2010,12:49

ciao,

ha ragione pyron .
Alle tue batterie puoi chiedere al massimo 20-25 Ah...(12 volts x 25Ah = 300 Watt/hora), sufficenti per accendere diverse lampade a basso consumo. Il tuo accumulo è di 135 Ah, ma li devi considerare al 50%, ovvero circa 65 Ah.

Fossi in te userei questa energia per qualche cosa di utile tipo la luce in giardino a led, o quella delle scale

Se l'uso dell'inverter è molto sporadico (fine settimana per esempio) potresti aumentare il numero di batterie e tenerle cariche con il tuo pannello da 55w.
Guarda la soluzione che sto sperimentando io, con i diodi e batterie in parallelo, qui:

Per poter usare un inverter da 2kW dovresti usare almeno 16 batterie da auto messe in parallelo, con meno, le distruggereti in poche settimane.

ciao
MaX

 

Keyosz
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1959

Stato:



Inviato il: 27/5/2010,20:59

Oltretutto devi considerare che se sono batterie da auto usate avranno circa il 20% della capacità di targa, quindi saranno circa 30Ah, ricordati che sono usate, usurate, rovinate e solfatate, non sono nuove faccine/wink.gif

Poveretto, non ti volevamo mica scoraggiare, cerchiamo solo di darti i giusti consigli per evitare premature delusioni sul lungo cammino che hai intrappreso, considera che io per alimentare tutta casa uso un banco a 48V 2000Ah, ed è il minimo per un inverter da 6000W, fai le giuste proporzioni, inoltre ricordati che quello che esce deve anche rientrare, le batterie sono solo un salvadanaio, non sono la fonte ma uno stoccaggio, se pensi di usare inverter da 2000W in uscita poi è sbilanciato avere solo 50W in ingresso come pannello, tieni le giuste proporzioni!

 

max_linux2000

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2120

Stato:



Inviato il: 27/5/2010,23:14

CITAZIONE (Keyosz @ 27/5/2010, 21:59)
...considera che io per alimentare tutta casa uso un banco a 48V 2000Ah, ed è il minimo per un inverter da 6000W ...

ecco, mi piacerebbe sapere se non sono indiscreto quali sono i carichi collegati...
Mi spiego, una famiglia di solito ha un contatore enel da 3kw e un consumo medio di 5-6 kw al giorno, mentre tu hai un inverter da 6 kw e un..."salvadanaio" da 96 kw.... insomma una capacitá notevole anche per una piccola officina mecccanica.
Che ci fai cn tutta sta corrente? faccine/biggrin.gif

ciao,
MaX

 
 InizioPagina
 

Pagine: (127)  < ...  10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   [20]   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30  ...>    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum