Se sei già registrato           oppure    

Orario: 22/05/2024 06:43:10  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Biocarburanti

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (2)   [1]   2    (Ultimo Msg)


Autobus ad oli vegetali
FinePagina

NonSoloBolleDiAcqua

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:13786

Stato:



Inviato il: 11/7/2009,18:31

Ne so ancora poco l'Asse ci dirà qualcosa in più.
Bolle
http://www.officinesperimentali.it/indexbus.htm

Immagine Allegata: DSCF0172_2.jpg

http://www.energialternativa.info/Public/NewForum/ForumEA/Uploads/post-2390287-1247435297.jpg




Modificato da NonSoloBolleDiAcqua - 12/7/2009, 23:48


---------------
Chi sa raccontare bene le bugie ha la verità in pugno (by PinoTux).
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 11/7/2009,21:02

Dipende da cosa ricavano l'olio...... Altrimenti quell'autobus in un solo giorno potrebbe anche lasciar morire di fame qualche decina di persone......
Ferro

 

Lupo cattivo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1137

Stato:



Inviato il: 12/7/2009,12:06

Il collegamento non mi funziona, forse hanno tolto la discussione.
Ferro, io conto sulla perizia degli autisti, c'è gente in gamba. faccine/smile.gif

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 12/7/2009,19:25

Me la da cancellata anche a me. Evidentemente la foto non c'è più. Era la foto di un autobus urbano alimentato ad olio vegetale. La mia battuta deriva dal fatto che buona parte di questi olii, perché siano a buo mercato, spesso si ricavano da vegetali commestibili. Ma anche se non fosse così per far camminare un autobus per tutte le ore al giorno che cammina (spesso quasi 24 ore su24....) si dovrebbe impegnare tanta di quella terra da sfamarci una tribù. Non mi pare proprio una soluzione.....
Saluti.
Ferro

 

NonSoloBolleDiAcqua

Avatar
PetaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:13786

Stato:



Inviato il: 12/7/2009,22:51

CITAZIONE (Lupo cattivo @ 12/7/2009, 13:06)
Ferro, io conto sulla perizia degli autisti, c'è gente in gamba. faccine/smile.gif

cosa vuol dire questa frase?




CITAZIONE (Ferrobattuto @ 11/7/2009, 22:02)
Dipende da cosa ricavano l'olio...... Altrimenti quell'autobus in un solo giorno potrebbe anche lasciar morire di fame qualche decina di persone......

Dovrebbe essere alimentato con olio esausto...

L'autore del progetto dovrebbe essere carlo bertocchi...questo è il suo sito : http://www.carlobertocchi.it/
(date un'occhiata ai rendimenti e all'idrogeno)

Sarebbe bello argomentare in modo leggermente più tecnico con qualche dato cercando di evidenziare pro e contro.
Saluti
Bolle



---------------
Chi sa raccontare bene le bugie ha la verità in pugno (by PinoTux).
Un risultato se non è ripetibile non esiste (by qqcreafis).

 

Lupo cattivo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1137

Stato:



Inviato il: 13/7/2009,08:35

CITAZIONE (NonSoloBolleDiAcqua @ 12/7/2009, 23:51)
CITAZIONE (Lupo cattivo @ 12/7/2009, 13:06)
Ferro, io conto sulla perizia degli autisti, c'è gente in gamba. faccine/smile.gif

cosa vuol dire questa frase?

Bolle è una battuta, spero gradita, diretta a ferro, perdona, ma non posso spiegare, forse sono stato invadente e chiedo scusa a ferro

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 13/7/2009,08:52

L'autobus è semplicemente un vecchio FIAT 343, 9000cc 190HP, (li ho guidati per 25 anni....) in versione urbana, modificato con aggiunta di inverter per le strumentazioni di controllo sulla prova, e alimentato a biodiesel ricavato da olii vegetali. Basta guardare nella sezione "Olio vegetale" per rendersene conto. Come descritto e illustrato nella tabella apposita, si parla di colza girasole e soia, e forse hanno avuto la precauzione di non menzionare il mais. Niente di nuovo sotto il sole, per cui considerato che una macchina di quelle fa da 2 a 3 Km al litro, che fa da 300 a 900Km al giorno, la mia affermazione di cui sopra: "...quell'autobus in un solo giorno potrebbe anche lasciar morire di fame qualche decina di persone......" ci stà para para.
Se trasformiamo le nostre coltivazioni per produrre carburante per mostri simili non ce ne rimmarrà abbastanza per sfamare la gente, meno che mai per aiutare quelle popolazioni che soffrono la fame per motivi di guerra o calamità naturali. Olio vegetale esausto non ce n'è abbastanza da poter usare per fare biodiesel, e olio minerale esausto meno che mai, posto che si possa trasformarlo in carburante senza grave impatto ambientale. A meno che qualcuno non trovi il sistema (ecocompatibile) di ricavare biodiesel da biomasse di altro genere, tipo scarti vegetali, erbacce o fogliami vari.
Ora i dati "brutalmente" tecnici li lascio a chi ne sa più di me....
Saluti.
Ferro

 

Lupo cattivo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1137

Stato:



Inviato il: 13/7/2009,09:10

Spiegato il perchè del mio messaggio, sono d'accordo con ferro: usare i vegetali per produrre carburante mi pare una via ardua, perlomeno a livello massivo.
Sicuramente a livello locale, ove ci siano eccedenze agricole, può essere una via alternativa, ma coltivare apposta campi per produrre carburante mi pare abbia dato risultati negativi.
Mi chiedo se ci sia un sistema, economico e relativamente facile, per riutilizzare l'olio esausto di lubrificazione.
So che nelle repubbliche ex-sovietiche, o perlomeno così mi è stato riferito, lo usano abitualmente come carburante per i motori diesel, che laggiù non sono certo sofisticati e delicati come i nostri.
In effetti un motore a ciclo diesel brucia un po' di tutto, sono gli additivi che lo fregano, principalmente quelli che alzano gli ottani, ma è un discorso assai lungo, magari apriamo una discussione apposta, che ne dici ferro?

 

Pyron

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1115

Stato:



Inviato il: 13/7/2009,11:35

9000 cc??????? 2-3 a litro???? ma è già un crimine farlo circolare!!! pienamente d'accordo con ferro

 

Ferrobattuto

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:4117

Stato:



Inviato il: 13/7/2009,12:27

CITAZIONE
In effetti un motore a ciclo diesel brucia un po' di tutto, sono gli additivi che lo fregano, principalmente quelli che alzano gli ottani, ma è un discorso assai lungo, magari apriamo una discussione apposta, che ne dici ferro?

Un motore diesel può effettivamente bruciare di tutto. Si sono fatte prove con combustibili differenti, dal bitume all'alcool, dall'olio vegetale al grasso di balena, allo strutto e al burro. Gli olii lubrificanti esausti sono pesantissimi da bruciare, lasciano residui metallici nei fumi e nelle incrostazioni, non già perché contengono residui metallici da usura, ma perché contengono metalli nella composizione chimica. Spesso si può leggere sulle confezioni: "Olio al tungsteno", "Lubrificante ai sali di litio" ecc. "Craccare" (all'americana) quelle molecole, per separarne la parte metallica dalla parte combustibile implica processi di "cracking" (credo si scriva più o meno così...) che implicano impianti costosi e utilizzo di catalizzatori e di molta energia. Inoltre non ce ne sono abbastanza, l'olio lubrificante nei motori ormai si cambia dopo tantissimi Km, e nelle macchine utensili che non lo scaldano e non lo usurano eccessivamente addirittura dopo anni.
In paesi in cui non c'è eccessivo rispetto né rigore per l'ecologia e la salute umana (e molta miseria) resta facile riciclare qualsiasi cosa possa più o meno "bruciare" in un motore endotermico, ma il prezzo, sia ecologico che umano, è troppo alto.
Tolte alcune sostanze (grasso di balena, burro, strutto....) chiaramente usate solo per prova, la via del vegetale rimane la più semplice....
Anche la trasformazione degli scarti vegetali (e di qualsiasi cosa contenga fibre di cellulosa....) in alcool, pur fattibilissima, comporta oneri energetici ed economici non indifferenti, e considerando il fatto che i motori endotermici attuali trasformano in energia utile solo il 25% circa di quella potenziale contenuta nei carburanti, credo che sarebbe meglio cominciare a sostituire loro, piuttosto che i carburanti.
Pensiero mio, naturalmente.....
Ferro

 

Lupo cattivo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1137

Stato:



Inviato il: 13/7/2009,12:37

Pensiero più che condivisibile, ferro, sarebbe ora di cambiare i motori a scoppio con qualcos'altro di più efficiente, meno inquinante e meno complicato.
Putroppo l'ostacolo è la conservazione dell'energia, ma sono ottimista, visti gli attuali progressi con gli accumulatori ai vari anioni di litio.

 

biomassoso

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1240

Stato:



Inviato il: 13/7/2009,17:06

Usare terre coltivabili, altrimenti utilizzabili per l'alimentazione umana, è, salvo rare eccezioni per alcune specie tipo la Jatropha Curcas che si accontenta di terreni marginali, un suicidio socioeconomico e non ha nessun senso allo stato attuale della richiesta di energia se si calcolasse con onestà l'ERoEI relativo (Energy Recovery over Energy Input)......ed in nessun caso risulta conveniente nella obesa Europa dove ogni attività agricola è foraggiata con soldi pubblici per poter stare in piedi. faccine/sick.gif

Basti vedere che fine han fatto gli impianti per biocarburanti dal mais in USA.......col petrolio giù son chiusi che non son più competitivi ma han partecipato attivamente ad affamare una bella fetta di popolazione sud e centro americana che ha visto aumentare a dismisura il prezzo del loro alimento base! faccine/cry.gif
Questo è un ottimo documento per chi volesse saperne di più:
http://venetoagricoltura.regione.veneto.it...ie_Pimentel.pdf

 

Pyron

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1115

Stato:



Inviato il: 15/7/2009,00:53

key, condivido sia il tuo pensiero sia quello di biomassoso e di ferro, però devo farti una tirata di orecchie simbolica per ciò che dici sulla burocrazia...a tutti piacerebbe convertire la propria auto in elettrica, ma non puoi farlo arbitrariamente e senza rispettare delle logiche cautele...ora lascia stare che tu sicuramente le rispetteresti, ma non tutti sono come te e noi, c'è chi approfitterebbe...partendo dal problema dell'accumulo, che batterie metteresti? tubolari? ok, ma dovrebbero essere di quelle fatte con elettrolita immobilizzato, cioè AGM, con contenitori resistenti ad urti e sollecitazioni meccaniche. Chi controlla che usi quelle batterie? La motorizzazione e gli organi di omologazione, quindi è normale che per modificare un mezzo di trasporto da termico ad elettrico tu debba passare il vaglio di una commissione che certifichi che la tua vettura non possa rivelarsi un pericolo per l'incolumità sia tua che degli altri.

e per questo devi scucire i dindini!

 

Lupo cattivo

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1137

Stato:



Inviato il: 15/7/2009,09:05

CITAZIONE (Pyron @ 15/7/2009, 01:53)
key, condivido sia il tuo pensiero sia quello di biomassoso e di ferro, però devo farti una tirata di orecchie simbolica per ciò che dici sulla burocrazia...a tutti piacerebbe convertire la propria auto in elettrica, ma non puoi farlo arbitrariamente e senza rispettare delle logiche cautele...ora lascia stare che tu sicuramente le rispetteresti, ma non tutti sono come te e noi, c'è chi approfitterebbe...partendo dal problema dell'accumulo, che batterie metteresti? tubolari? ok, ma dovrebbero essere di quelle fatte con elettrolita immobilizzato, cioè AGM, con contenitori resistenti ad urti e sollecitazioni meccaniche. Chi controlla che usi quelle batterie? La motorizzazione e gli organi di omologazione, quindi è normale che per modificare un mezzo di trasporto da termico ad elettrico tu debba passare il vaglio di una commissione che certifichi che la tua vettura non possa rivelarsi un pericolo per l'incolumità sia tua che degli altri.

e per questo devi scucire i dindini!

Io vedo che siamo tutti sostanzialmente d'accordo, nè potrebbe essere altrimenti: cerchiamo un approccio che sia rispettoso della natura e non predatorio nei suoi confronti.
Posta questa premessa variano i sistemi su come realizzare questo approccio e, soprattutto , quali regole usare.
Noi amiamo il fai da te, è una peculiarità di questo sito e l'idea di realizzarsi un auto elettrica , o anche solo una bicicletta ci solletica.
Sono convinto che verrebbe fuori un bel lavoro, ma chi controlla che i parametri di sicurezza siano rispettati?
E non è lavoro da poco se poi l'auto dovrà circolare in mezzo al traffico; oltre alle verifiche più immediate e palesi, tipo freni, frecce, stabilità, tenuta eccetera, ce ne sono altre più nascoste, come sufficiente potenza del motore per non costituire ostacolo alla circolazione o capacità di superare pendenze, autonomia , pericolosità del motore (incendi possibili in caso di cortocircuito) possibilità di esplosione delle batterie, folgorazione dei passeggeri o di chi è vicino (le tensioni non possono essere troppo basse per una buon rendimento) ricariche che non costituiscano pericolo o non danneggino la rete (vi immaginate se solo il 10% del parco circolante di mezzi ricaricasse alla sera, tornati a casa?)
Tutto questo va verificato, provato e certificato.
Dubito che un singolo mezzo possa ammortizzare una simile spesa, ci riescono con le biciclette usando l' escamotage della pedalata assistita; cioè il mezzo è considerato solamente bicicletta e non necessità di omologazioni, ma per un automobile la vedo dura.
Però abbandoniamo le care, vecchie e buone batterie al piombo, che pesano uno sproposito: esistono le batterie a ioni di litio, assai più leggere e potenti. Io conto molto su quelle.

 

maxdef
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:999

Stato:



Inviato il: 15/7/2009,09:50

...io dico che fintanto che non avverrà il passaggio dal petrolio ad altro(se ci sarà!)e mentre si cercano strade percorribili,sarebbe bene cominciare ad essere più flessibili e diversificati con i tipi di carburante e con mezzi ibridi....ad esempio il gpl/diesel(vietato in italia) avrebbe permesso di rendere più ecologici i vecchi motori diesel,portando più potenza meno emissioni e diminuendo consumi e costi invece di andare verso i common rail o iniettore pompa che hanno poi portato il grave problema delle polveri sottili nei centri urbani oltre a motori più complicati e fragili.....l'alcool per i motori benzina,il biogas,piccoli motori a regime fisso per caricare batterie su mezzi elettrici,recupero di energia in frenata.....

 
 InizioPagina
 

Pagine: (2)   [1]   2    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum