Se sei già registrato           oppure    

Orario: 21/06/2024 10:54:00  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Solare Termico

VISUALIZZA L'ALBUM

Pagine: (17)   1   2   3   4   5   6   7   8   9   [10]   11   12   13   14   15   16   17    (Ultimo Msg)


Il mio primo pannello solare termico, Vediamo se riesco ad eliminare qualche dubbio.....
FinePagina

Eol0
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:20

Stato:



Inviato il: 2/9/2011,09:28

ciao a tutti,
pure io sto progettando il mio solare termico , ora sto pensando intanto alla predisposizione.
Sto infatti restrutturando casa e ho un solaio molto grande dove pensavo di alloggiare un boiler da 400L , pompe e pannelli di controllo.
La mi domanda è semplice:
cosa devo dire agli operai che mi stanno rifacendo il tetto per fare in modo che mi facciano la predisposizione per poi passare i tubi dell'acqua che vanno dal pannello al boiler?
Come la dovrebbero fare secondo voi?
io mi immaginavo di prendere 2 spezzoni di tubo zincato isolato termicamente (con i classici salsicciotti) e farli passare all'esterno sul tetto con un foro nello stesso poi cementato e catramato.
Che ne dite?
Grazie per l'aiuto che vorrete darmi.
Eol0

 

Riccardo 11

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:503

Stato:



Inviato il: 3/9/2011,19:41

Ciao ti conviene mettere x il solare e visto che sono nel cemento i tubi o di rame e quelli multistrato coibentati con un cavo elettrico magari a 8 fili Ciao Riccardo 11

 

Eol0
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:20

Stato:



Inviato il: 5/9/2011,13:03

Grazie per il consiglio, opterò allora per il multistrato coibentato!
grazie ancora!

 

Eol0
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:20

Stato:



Inviato il: 6/9/2011,13:08

rieccomi!
fatte le prdisposizioni sul tetto.
ora sto progettando l'impianto, sarà totalmente autocostruito fatta eccezione per lo scambiatore a piastre.
vi allego l'immagine , cosa ne dite è fattibile?
come potete vedere non prevedo un boiler ma sfrutto il calore del circuito per preriscaldare l'acqua della mandata che va alla caldaia, in modo che il sensore della caldaia avverta che la temperatura dell'acqua è già adeguata e non accenda la fiamma.
attendo critiche e sberleffi per la mia evenutale castroneria.
un saluto da Eolo.

http://www.energialternativa.info/Public/NewForum/ForumEA/7/5/1/0/8/1/3/1315310877.gif

Grazie!


 

Riccardo 11

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:503

Stato:



Inviato il: 6/9/2011,15:43

Eolo ma a che serve lo scambiatore e poi un boiler serve così non è molto funzionale......
Credo ti sia sfuggito qualcosa nei discorsi faccine/smile.gif))
Riccardo 11

 

Eol0
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:20

Stato:



Inviato il: 6/9/2011,16:32

ciao Riccardo,
grazie per le risposte,
ho visto l'utilizzo di questi scambiatori su alcune stufe a pellets idro,
in pratica scaldano la sola acqua del circuito idro della stufa e utilizzano lo scambiatore a piastre per passare il calore alla mandata dell'acqua della caldaia , tutto senza un boiler di accumulo, che ne dici? non c'ho capito na maz?
questo è quello che ho visto:
"http://cgi.ebay.it/SCAMBIATORE-DI-CALORE-A-20-PIASTRE-INOX-316-/260417388029?pt=Stufe_e_caminetti&hash=item3ca215fdfd"

 

Riccardo 11

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:503

Stato:



Inviato il: 7/9/2011,07:12

Eolo il sistema solare ha bisogno di un accumulo che ti possa fornire l'acqua che ne so di notte la mattina ecc cioè in tutti quei momenti dove senza utilizzeresti acqua fredda... il collegamento alla caldaia può andare bene ma durante i mesi con poco irraggiamento, lo scambiatore con questo sistema non centra nulla.... Il sistema che hai visto te riguarda una stufa idro con acqua calda sanitaria dove lo scambiatore a piastre utilizza l’acqua del riscaldamento…. Spero sia chiaro poi magari qualche esperto ti può illustrare meglio il tutto……
Riccardo 11

 

Eol0
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:20

Stato:



Inviato il: 7/9/2011,10:41

ciao Riccardo,
sei stato chiaro, nella mia ipotesi però la caldaia sarebbe il generatore di calore primario e il pannello sarebbe il tampone , nelle ore con il sole in pratica darebbe acqua preriscaldata alla caldaia che così risparmierebbe gas. Con questa premessa secondo te la cosa è fattibile?
Chiedo pure agli esperti cosa ne pensano, anche se credo che l'esperto ce l'ho già davanti faccine/happy.gif

grazie ancora, sei molto gentile.
Eolo

 

Riccardo 11

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:503

Stato:



Inviato il: 8/9/2011,07:39

Eolo la cosa non è funzionale xchè ti ripeto che la quantità di acqua che passa nel pannello riscaldandosi è poca quindi serve un BOILER, CONTENITORE o qualsiasi cosa che ti assicuri una scorta di acqua calda............ Ps io non sono un esperto anzi diciamo x niente e ti faccio un esempio così al- ti rendi conto della cosa, prendi un tubo quelli da giardino mettilo al sole tutto il giorno OK? Ora apri l'acqua ti scotterai giusto? Ma x quanto? X il tempo che si "svuoterà" dall'acqua che durante il giorno si è riscaldata diciamo 2 litri!!! poi più nulla solo acqua FREDDA..... Ora se questo tubo lo colleghi a un accumulo di 80 litri la sera quando aprirai l'acqua credi che l'autonomia dell'acqua calda sia la stessa??? COSì è PIù FUNZIONALE NON CREDI? Spero di averti fatto capire che serve l'accumulo naturalmente proporzionato alla superfice del pannello, cioè con un pannello di 2mq non puoi usare un acc da 800 litri ma di 150 +o- si faccine/smile.gif)))))))))
ciao Riccardo 11

 

Eol0
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:20

Stato:



Inviato il: 8/9/2011,09:25

Ciao!
secondo me ora mi tiri una parolaccia, però ci provo.
Chiaro che il tubo possa contenere solo 2 litri d'acqua ma nel mio caso il tubo è a circuito chiuso, mi spiego meglio,se guardi il disegno vedrai lo scambiatore a piastre, questo aggegio da quanto ho capito mette in comunicazione i due fluidi senza che mai si tocchino permettendo solo lo scambio di calore.Scambia il calore quindi tra il circolo chiuso che va da pannello a scambiatore e poi ritorna al pannello senza mai svotarsi,e il liquido della mandata che va alla caldaia riscaldandola.Diciamo che funziona come un radiatore , all'interno scorre un liquido caldo che scalda le piastre , tra le piastre passa un'altro liquido che per contatto con le piastre si scalda, l'acqua che scorre tra le piastre quindi raffredderà le piastre ma il liquido che vi scorre dentro continuerà il suo circolo , quindi tornerà nel pannello molto velocemente e si riscalderà subito visto la poca quantità di liquido.
spero di essere riuscito a spiegarmi meglio.
Porta pazienza , ma il mio campo è l'eolico... faccine/wink.gif
grazie!


 

Riccardo 11

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:503

Stato:



Inviato il: 8/9/2011,11:46

Niente parolacce tranquillo ti dico solo che se ci fosse una radiazione solare continua di 24 ore potrebbe funzionare diciamo............. ma avrebbe sempre dei limiti cioè non renderebbe come dovrebbe ..... cmq se vuoi farlo così fai pure... ciao Riccardo 11

 

Eol0
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:20

Stato:



Inviato il: 8/9/2011,12:47

si anche questo è vero, e stavo anche pensando a che temperature potrebbe arrivare il circuito chiuso dei pannelli e a che pressioni...
Sei stato utilissimo, parlandone m sono reso conto che anche se funzionasse avrebbe una resa limitata che non porterebbe ad un vero risparmio, rispetto all'uso di un accumulatore(puffer) che autocosturendolo avrebbe anche un rapporto costi/resa molto superiore.
grazie Riccardo, alla prossima!

 

Pier2162
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:24

Stato:



Inviato il: 8/9/2011,19:39

CITAZIONE (Eol0 @ 8/9/2011, 13:47)
si anche questo è vero, e stavo anche pensando a che temperature potrebbe arrivare il circuito chiuso dei pannelli e a che pressioni...
Sei stato utilissimo, parlandone m sono reso conto che anche se funzionasse avrebbe una resa limitata che non porterebbe ad un vero risparmio, rispetto all'uso di un accumulatore(puffer) che autocosturendolo avrebbe anche un rapporto costi/resa molto superiore.
grazie Riccardo, alla prossima!

Ciao Eolo, volevo solo farti qualche precisazione riguardo quanto scrivi:
il circuito chiuso del pannello, ammesso che sia sempre in circolo nello scambiatore, non raggiungerà mai temperature elevatissime nell'arco di 10 ore di esposizione al sole, perchè comunque cede calore all'altro circuito, quindi si raffredda continuamente (l'acqua andrà a 60-70 gradi allo scambiatore ma tornerà ai pannelli sicuramente più fredda).
Per la pressione, è sufficiente installare un vaso di espansione di capacità adeguata.
Secondo me la cosa, se adeguatamente dimensionata, potrebbe funzionare, in pratica dovresti utilizzare il boiler della caldaia come buffer tank.
Ti serviranno almeno un paio di pannelli da circa 1,6-2 mq cad. per avere una temperatura dell'acqua di almeno 55° - 60° con una portata sufficiente, ovvero un circuito che contenga almeno 10-12 litri di liquido mix acqua + anticongelante.
Da un'occhiata al mio impianto che forse ti viene qualche idea:

Ciao e buon lavoro
GG

 

Riccardo 11

Avatar
MegaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:503

Stato:



Inviato il: 9/9/2011,07:57

ciao PIer già ti avevo fatto i complimenti x la tua realizzazionee li rinnovo ora X quanto riguarda il progetto di Eolo io credo che senza un accumulo non sia molto funzionale, a differenza di quello progettato e realizzato da te che è presente....... Credo anche che se non rapportato bene il tutto farà la fine dei pannelli solari con serbatoi a mio parere troppo piccoli e quindi una continua uscita dalla valvola di sicurezza di acqua caldissima inutile...........
Ciao Riccardo 11

 

Pier2162
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:24

Stato:



Inviato il: 10/9/2011,08:04

CITAZIONE (Riccardo 11 @ 9/9/2011, 08:57)
ciao PIer già ti avevo fatto i complimenti x la tua realizzazionee li rinnovo ora X quanto riguarda il progetto di Eolo io credo che senza un accumulo non sia molto funzionale, a differenza di quello progettato e realizzato da te che è presente....... Credo anche che se non rapportato bene il tutto farà la fine dei pannelli solari con serbatoi a mio parere troppo piccoli e quindi una continua uscita dalla valvola di sicurezza di acqua caldissima inutile...........
Ciao Riccardo 11

Ciao Riccardo, sono perfettamente d'accordo con quanto scrivi, infatti se leggi il mio post precedente consigliavo ad Eolo di utilizzare il boiler della caldaia come accumulo e di aumentare la superficie dei pannelli.
Ovviamente è necessario che il boiler sia di dimensioni adeguate, ovvero almeno 120 lt.
E' ovvio che se la caldaia non ha il boiler occorre installarne uno, appunto per non incorrere in quanto tu dici.
Un paio di note: da tenere presente che se il sistema di controllo non è ben congegnato, il calore accumulato potrebbe disperdersi nei pannelli durante le ore in cui questi non sono esposti al sole, per esempio di notte.
Mi spiego meglio: serve un sistema di controllo per le pompe di circolazione per spegnerle quando i pannelli non sono al sole, sia questo economico o costoso.
Costoso: vi sono in commercio delle centraline che controllano elettropompe ed elettrovalvole, appositamente costruite per impianti solari
Economico: un timer ed un termostato. Il timer tiene in funzione la pompa solamente negli orari in cui il sole irradia i pannelli. Un termostato invece, collegato in serie al timer, accende la pompa solo quando i pannelli sono al sole ed hanno raggiunto una temperatura adeguata.
La combinazione timer/termostato che ho utilizzato nel mio progetto si è rivelata molto funzionale e sopratutto molto economica.
Il timer è necessario perchè quando i pannelli vanno in ombra, il calore del liquido che vi circola li manterrebbe caldi per alcune ore ritardando l'intervento del termostato e facendoci sprecare una parte dell'energia accumulata.
Spero che queste note possano tornare utili a Eolo ed ai lettori
Ciao a tutti
GG

 
 InizioPagina
 

Pagine: (17)   1   2   3   4   5   6   7   8   9   [10]   11   12   13   14   15   16   17    (Ultimo Msg)

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum