Se sei già registrato           oppure    

Orario: 06/07/2022 13:04:49  

 

Energia Alternativa ed Energia Fai Da Te > Casa Energetica


casa priva di utenze, un sogno?
FinePagina

ryan73
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:2

Stato:



Inviato il: 17/10/2017 09:46:32

ciao a tutti... intanto mi scuso se ho sbagliato sezione dove postare...
vi spiego il mio "problema". Sto valutando l'acquisto di un rustico in disuso da tanto tempo, in una zona prevalentemente agricola, distante dalla strada principale più vicina non meno di 300 mt.
la mia idea sarebbe quella di realizzare una ristrutturazione del fabbricato che consenta di non allacciarsi alle "normali" utenze, un po' per i costi (inutile nasconderlo, ma alla fin fine credo che costi di più essere alternativi) ma soprattutto per quel fremito che prende all'idea di utilizzare dei sistemi che non producano tutto ciò che al momento stiamo scaricando nell'atmosfera.
Insomma, ho bisogno di valutare dalla a alla z tutto ciò che servirà alla casa, energia elettrica in primis (gas non lo voglio nemmeno sentire nominare), acqua, impianto riscaldmaento ecc... nel lotto di terra è presente un pozzo artesiano di circa 30 mt di profondità, attualmente utilizzato per irrigazione agricola.
mi occorre potermi confrontare con qualcuno che se ne intenda senza trovare il venditore commerciale di filtri o stufe... spero sia un buon inizio. per ora grazie se non altro di avermi letto.
ciaoooo

 

Vincent
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1902

Stato:



Inviato il: 17/10/2017 12:34:28

Insomma ti serve avere casa autosufficente?

Per la cucina ti tocchera comunque il gas gpl
Per l acqua calda idem in inverno

Pero non e tanto impossibile bisogna predisporre bene l impianto e utilizzare a basso consumo led non neon



---------------
SuperSolar
http://forum.saturnoprezzi.com/

 

marcosnout

Avatar
GigaWatt


Gruppo:AMMINISTRATORE
Messaggi:3627

Stato:



Inviato il: 17/10/2017 13:04:48


CITAZIONE

Per la cucina ti tocchera comunque il gas gpl
Per l acqua calda idem in inverno

Dipende, dal budget di spesa...

Per cucinare si può andare dal piano ad induzione alla termocucina (a legna)...

Per l'ACS, solare termico integrato da biomassa o PDC (il massimo sarebbe il geotermico)...

L'interessante è partire con un progetto "pluridisciplinare", il fatto che ci sia "tutto da fare" semplifica molto...

Riuscire a ristrutturare cercando lo sfasamento termico maggiore...

Per il fotovoltaico...
...orientamento ed inclinazioni ottimali per i pannelli e poi...
...illuminazione, frigo, televisione, citofono, videosorveglianza...tutto il possibile a 12 o 24 volt, inverter non UPS per il resto...



---------------
Laminox Hidra 24kw, pannello solare termico SunHeat open 200 lt, termoboiler 120 litri. Zona climatica D, Gradi-giorno 1427
Isola: 30 moduli SUNTECH 200wp, Inverter UPS PSW7 6048, regolatore di carica PCM8048, batterie 24 EPZS 810Ah (C10)

 

Claudio

Avatar
PetaWatt


Gruppo:MODERATORE
Messaggi:12822

Stato:



Inviato il: 17/10/2017 14:41:51

Informati in primis presso il comune quali sono i servizi obbligatori che ti danno il permesso di abitare, poi se vuoi puoi anche non usarli ma ci sono servizi obbligatori per abitare, anche se solo casa di campagna.
Non sottovalutare la cosa.
Tutto il resto è fattibile, un giocattolone vergine.



---------------
Inverter Zucchetti HYD6000-ZSS, 5250W pannelli, 280A lifepo4.

 

stufodelgas

Avatar
GigaWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:1276

Stato:



Inviato il: 19/10/2017 14:31:01

CITAZIONE (ryan73, 17/10/2017 09:46:32 ) Discussione.php?214825&1#MSG0

.....ma soprattutto per quel fremito che prende all'idea di utilizzare dei sistemi che non producano tutto ciò che al momento stiamo scaricando nell'atmosfera.
....gas non lo voglio nemmeno sentire nominare

Hai poche alternative se non quella dell'induzione per cucinare e delle PDC per acs e riscaldamento.
Se vuoi essere green a tutti i costi scordati la biomassa (legna e pellet)

click
E te lo dice uno che ne brucia quasi 100 quintali l'anno
Con un occhio di riguardo a quanto suggerito da Claudio, potrai fare a meno dell'acquedotto, dell'allaccio al metano, del bombolone di gpl ma avrai difficoltà quasi insormontabili a fare a meno dell'allaccio alla rete enel.



---------------
Bitcoin, Ethereum & Co. (da +800% in un giorno a -90% in un'ora)

 

gbykat

Avatar
Watt


Gruppo:Utente
Messaggi:70

Stato:



Inviato il: 27/03/2018 19:16:01

CITAZIONE (ryan73, 17/10/2017 09:46:32 ) Discussione.php?214825&1#MSG0

ciao a tutti... intanto mi scuso se ho sbagliato sezione dove postare...
vi spiego il mio "problema". Sto valutando l'acquisto di un rustico in disuso da tanto tempo, in una zona prevalentemente agricola, distante dalla strada principale più vicina non meno di 300 mt.
la mia idea sarebbe quella di realizzare una ristrutturazione del fabbricato che consenta di non allacciarsi alle "normali" utenze, un po' per i costi (inutile nasconderlo, ma alla fin fine credo che costi di più essere alternativi) ma soprattutto per quel fremito che prende all'idea di utilizzare dei sistemi che non producano tutto ciò che al momento stiamo scaricando nell'atmosfera.
Insomma, ho bisogno di valutare dalla a alla z tutto ciò che servirà alla casa, energia elettrica in primis (gas non lo voglio nemmeno sentire nominare), acqua, impianto riscaldmaento ecc... nel lotto di terra è presente un pozzo artesiano di circa 30 mt di profondità, attualmente utilizzato per irrigazione agricola.
mi occorre potermi confrontare con qualcuno che se ne intenda senza trovare il venditore commerciale di filtri o stufe... spero sia un buon inizio. per ora grazie se non altro di avermi letto.
ciaoooo


più o meno è quel che ho cercato di fare io.... ma è difficile. anche io non voglio sentir parlare di gas,e nemmeno di legna. il problema è che l'energia elettrica serve , ma si può fare tutto con solo quella, io sono andato sulla semplicità.
intanto per l'acqua ho il pozzo con la pompa, acqua bella fresca tutto l'anno, solo che per mettere in casa l'acqua del pozzo bisogna mandarla in pressione e filtrarla. inoltre il comune consente ma a patto di fare una volta l anno l'esame all'arpa e sono 200 euro a botta,costa meno l'acqua del comune. quindi ho fatto l'allacciamento ma per molte cose uso ugualmente l acqua del pozzo con una linea doppia per esterno e sciacquoni.per il contatore elettrico ho bisogno di parecchia energia avendo tutto elettrico ma il ftw fa bene il suo lavoro e con mille euro annui faccio tutto: riscaldamento,cucina,luci acqua calda e quantaltro.
certo che inserendo l'acqua del pozzo in toto sull impoianto ed utilizzando la legna per fare acqua calda e riscaldamento avrei reso autonoma la casa su tutto per oltre il 90%.



---------------
un saluto da Gabriele
https://costruirecasadilegnoamontonate.blogspot.it/

 

ligabue82

Avatar
milliWatt


Gruppo:Utente
Messaggi:8

Stato:



Inviato il: 18/09/2021 17:05:33

Come è andata a finire?
In ogni caso, riportando la mia esperienza, con un costo annuo di 1200€ di energia elettrica (di cui circa 700€ rimborsate tramite SSP da impianto FTV) e non più di 200€ di acquedotto (dato che ho due pozzi di raccolta acqua piovana per l'irrigazione) si può tranquillamente alimentare un'abitazione di 150 mq grazie alla presenza di fonti rinnovabili (FTV, Solare Termico, Pompa di Calore).
Prossimo passo: cappotto termico (anche se il problema in questo momento sono i costi, ma soprattutto la disponibilità di materiale e di ditte qualificate, tutte super-impegnate)
saluti



---------------
Carpe Diem...

 
 InizioPagina
 

Versione Mobile!

Home page       TOP100-SOLAR      Home page forum