Applicazioni E Realizzazioni Pratiche
Puntatrice autocostruita con MOT e Arduino

VISUALIZZA L'ALBUM


FinePagina

fly1971

Avatar
MegaWatt


Utente
Msg:543

Stato:



Inviato il: 11/10/2021 18:47:26

Ciao a tutti
Questa puntatrice che mi sono costruita è alimentata con un MOT (trasformatore di un micronde) questa versione costruita da me può effettuare le saldature ad impulsi dove posso regolare la durata dell’impulso e in modalità manuale dove la durata della saldatura la comando tramite un pulsante.

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/U/punt0.jpg


http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/U/punt6.jpg


Recuperato un MOT da un micronde ho eliminato l’avvolgimento per l’alta tensione, quello da 3V e lasciato quello di alimentazione a 230V, e rifatto il nuovo l’avvolgimento, questo è composto da una spira di cavo da 35mmq, per verificare che il nuovo avvolgimento funzioni, basta alimentare il primario con la 230V e sul secondario con tester si ha una tensione inferiore ad 1V.
Lo step successivo è stato quello di usare un codice per arduino con le funzioni di poter regolare la durata dell’impulso1, pausa,impulso2 e poi poter gestire anche la funzione manuale , in rete ho trovato alcuni progetti con il codice che mi gestiscono gli impulsi, dopo un pò di sbattimenti sono riuscito a modificare un codice più attinente alle mie esigenze e ho inserito anche la funzione manuale che posso gestire con tasto di avvio anche se la soluzione non molto elegante e tra le migliori ma a me va bene.

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/U/punt15.jpg


Ho preparato una scheda PCB dove ho incluso la sezione di alimentazione della ventola e la parte della scheda di arduino, questa viene alimentata da un piccolo trasformatore.
La regolazione degli impulsi avviene in questo modo, tramite un pulsate di selezione, seleziono impulso1, pausa, impulso2 e tramite un potenziometro regolo la durata in millisecondi, per passare alla modalità manuale, seleziono impulso1 e con il potenziometro imposto il valore massimo e passa in modalità manuale.
La parte elettrica comprende scheda alimentazione di arduino, pulsanti di selezione, di avvio, potenziometro per regolare la durata degli impulsi, un SSR relè allo stato solido è pilotato da arduino e che a sua volta alimenta l’avvolgimento primario del MOT, all’uscita del secondario sono collegati i cavi dei 2 puntali.

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/U/punt10.jpg


http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/U/punt13.jpg


http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/U/punt8.jpg


http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/U/punt16.jpg


Per il supporto dei puntali ho optato per una soluzione autocostruita, è incluso anche il pulsante di avvio, per le 2 aste dei puntali ho utilizzato una barretta di rame di quelle da quadri elettrici, bloccata con una molla di pressione questa serve per dare una leggera pressione quando appoggi i puntali sul punto in cui devi fare la saldatura, i puntali sono in fatti con tondini in ottone o rame, come cavo farò dei test con un 16mmq e un 25mmq.

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/U/punt19.jpg


http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/U/punt21.jpg


La costruzione del case fatta tutta in compensato multistrato, comoda da tagliare e veloce anche per fare la maschera frontale per inserire i vari connettori e display, ottimizzato la disposizione dei pezzi in modo da fare un case compatto e non ingombrante.
Per quando riguarda i test e le prove all'inizio ho avuto un pò di problemi, non riuscivo a far saldare le lamelle, con degli impulsi di durata di 300ms la lamella diventava incandescente tra i 2 contatti ma non si saldano alla superficie di sotto, pensavo ad un problema di cavo del supporto ho usato un 16mmq , poi ho cambiato con un 25mmq stesso problema ho iniziato ad abbassare la durata degli impulsi e in effetti con una durata di 60-70ms si crea la saldatura, ho fatto parecchie prove e ho constatato che non serve premere i puntali ma basta appoggiarli, ovviamente se non è perfettamente a contatto crea delle grosse scintille e in alcuni casi ha bucato il lamierino, infatti per sicurezza uso degli occhiali di protezione.
Giudizio finale positivo, anche se bisogna fare molte prove per impostare la giusta durata in base al tipo di lamierino, io ho preso una bobina come da descrizione in acciaio rivestita in nikel, spessore da 0,1 mm.
Prossimo lavoro costruirmi una pinza per lamiera più spessa.

LINK



---------------



 

fly1971

Avatar
MegaWatt


Utente
Msg:543

Stato:



Inviato il: 04/12/2021 23:22:14

Terminato anche la pinza è alimentata con un cavo da 25mmq e c'è anche il pulsante di avvio, ho fatto alcune prove su lamerini sottili funziona egregiamente, si riescono a saldare anche piccoli chiodini e filo di ferro, prossime prove su lamerini di 0,5 mm.

http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/U/IMG_20211204_140707.jpg


http://www.energialternativa.info/public/newforum/ForumEA/U/IMG_20211204_125704.jpg



---------------



 

Biomass

Avatar
PetaWatt


Utente
Msg:19096

Stato:



Inviato il: 05/12/2021 08:01:34

Bene direi
Massiccia la pinzatrice....wooow

A me basterebbero i puntali.
Farei solo saldature su barrette nichel su litio 18650

Appena ho tempo, smonto il microonde recuperato da discarica



---------------
Instagram: real_biomass
Youtube: Biomass Cippomix

W il cippatino


...

 

fly1971

Avatar
MegaWatt


Utente
Msg:543

Stato:



Inviato il: 09/12/2021 22:23:34

LINK



---------------



 
 InizioPagina
 

Versione Completa!

Home page     TOP100-SOLAR    Home page forum